Consiglio acquisto auto elettrica: budget fino a 40.000 euro

La guida con i nostri consigli per l'acquisto di un'auto elettrica: con budget fino a 40.000 euro è possibile acquistare un'ottima vettura a emissioni zero. E si può sfruttare pure l'Ecobonus.

16 aprile 2019 - 21:15

Dopo ibride e Gpl, continuano le guide di SicurAUTO.it dedicate alle vetture ecologiche. Stavolta tocca ai consigli per l’acquisto di un’auto elettrica con budget fino a 40.000 euro. Com’è noto i veicoli a trazione elettrica non sono esattamente a buon mercato, ma grazie all’Ecobonus auto 2019 – 2021 si possono ottenere sconti importanti: 4 mila euro (oppure 6 mila se in contemporanea si rottama un’auto inquinante) sul prezzo di listino di una vettura con emissioni da 0 a 20 g/km di CO2 e costo non superiore a 61 mila euro Iva inclusa, limiti in cui rientrano tutte le auto elettriche di questa guida. Inoltre l’Ecobonus è cumulabile con gli incentivi regionali e provinciali già in vigore: ciò vuol dire che sommando le due promozioni si può ottenere un maxi sconto fino a 11 mila euro! Guida aggiornata al 16 aprile 2019.

COME SCEGLIERE L’AUTO GIUSTA

Tutti sappiamo quanto sia difficile scegliere l’auto giusta. Quanti acquirenti hanno optato per un determinato modello senza pensarci troppo, salvo rendersi conto dopo qualche mese di aver sbagliato clamorosamente automobile? A questo proposito vi consigliamo di focalizzare la scelta prima di tutto sulle vostre necessità. A parte il budget, è importante sapere l’uso che si farà dell’auto: casa-lavoro, viaggi, tempo libero, gite offroad? Pensateci bene prima di decidere su quale vettura valga la pena indirizzarsi (e investire). E valutate con attenzione anche altri aspetti, come per esempio il numero di km che pensate di percorrere in un anno. Perché da questo dipende la scelta di un’auto benzina, diesel, gpl o con alimentazione a bassi o bassissimi consumi. Detto questo, leggete con attenzione i parametri da considerare per scegliere l’auto giusta e poi passate alla nostra guida con i consigli per l’acquisto di un’auto elettrica con budget fino a 40 mila euro.

BMW I3 AUTOMATIC 120 AH

Auto elettrica a trazione posteriore, la BMW i3 è una berlina 2 volumi dalle dimensioni ridotte (lo stesso bagagliaio contiene appena 260 litri, comunque espandibili) adatta soprattutto agli spostamenti in città. Sono disponibili tre versioni della i3. L’unica che rientra nel nostro budget (con le altre si sfora un po’) è la BMW i3 Automatic 120 AH che costa 40.100 euro. Questo modello ha un motore bello potente da 170 CV/125 kW, monta una batteria agli ioni di litio da 42,2 kWh, dichiara 150 km/h di velocità massima e un’autonomia di 260 km. La ricarica completa richiede 15 ore a 220 V. Scheda e video del crash test di BMW i3 del 2013, con risultato 4/5, sono disponibili qui.

CITROEN C-ZERO

Lunga appena 347 centimetri e larga 147, la Citroen C-Zero è una citycar elettrica che si destreggia abilmente nel traffico cittadino. L’unico allestimento disponibile è il Full Electric Seduction in vendita a 30.891 euro, con motore da 67 CV/49 kW, batteria agli ioni di litio con 14,5 kWh di capacità, velocità massima di 130 km/h e autonomia dichiarata di 150 km. La ricarica può essere effettuata tramite normali prese domestiche da 220 V in un lasso di tempo che va dalle 6 alle 11 ore a seconda dell’amperaggio. Qui potete leggere la scheda e guardare il video del crash test della Citroen C-Zero del 2011 (4/5).

CITROEN E-MEHARI

La Citroen E-Mehari è una curiosa cabriolet elettrica arrivata da poco sul mercato italiano ma che ha già riscosso un discreto interesse, soprattutto per il suo aspetto stiloso e vintage. Sono in vendita due versioni, la Soft Top da 27.300 euro e la Hard Top da 28.200 euro. Entrambe dotate di un propulsore elettrico da 68 CV/50 kW e batteria con capacità di 30 kWh, ricaricabile in 13 ore a una normale presa domestica. Per la E-Mehari Citroen ha dichiarato una velocità massima di 110 km/h e un’autonomia di 195 km. Qui la scheda con foto e video del crash test EuroNCAP della Citroen E-Mehari.

DS 3 CROSSBACK

Il marchio francese DS Automobiles propone quest’anno una costosa ma interessante versione elettrica del nuovo compatto e lussuoso crossover urbano DS 3 Crossback. I due allestimenti con alimentazione elettrica sono E-TENSE So Chic che costa 39.600 euro ed E-TENSE Performance Line in vendita a 40.800 euro. Entrambi dotati di un motore da 136 CV/100 kW, montano una batteria agli ioni di litio da 50 kWh, viaggiano fino a 150 km/h e garantiscono un’autonomia di 320 km. Davvero niente male, considerando gli standard delle vetture elettriche. E la ricarica? DS assicura che servono non più di 8 ore con una presa monofase.

HYUNDAI IONIQ

Dalla Corea del Sud ecco la Hyundai Ioniq nei due allestimenti Comfort (38.150 euro) e Style (40.300 euro). Berlina 2 volumi spaziosa e accogliente, mette a disposizione dei passeggeri un buon bagagliaio da 550 litri. La Ioniq monta su entrambe le versioni un motore elettrico da 120 CV/88 kW, dispone di una batteria agli ioni di litio da 28 kWh, dichiara 165 km/h di velocità massima e un’autonomia di 280 km. Per la ricarica completa ci vogliono 12 ore a 220 V. Nel 2016 il crash test della Hyundai Ioniq ha dato l’eccellente risultato di 5 stelle su 5.

HYUNDAI KONA ELECTRIC

La nuova Hyundai Kona Electric è un crossover in vendita in Italia dal 2018 al prezzo competitivo di 37.500 euro per la versione EV XPrime 39 kWh. La più potente EV XPrime 64 kWh costa 42.500 euro e sfora un po’ il nostro budget (ma con l’Ecobonus ci rientriamo). In questa scheda ci occupiamo soltanto della prima, rivelandovi che gli interni sono spaziosi e che il bagagliaio, con i suoi 322 litri di capacità espandibili a 1114, fa il suo dovere. Per quanto riguarda invece gli aspetti tecnici, la Kona Electric 39 kWh monta un propulsore da 136 CV/100 kW e una batteria agli ioni di litio da 39 kWh, con velocità massima di 155 km/h e un’eccellente autonomia di circa 312 km. La ricarica è però un po’ lenta. Nel 2017 la Hyundai Kona ha ottenuto 5 stelle al crash test EuroNCAP.

KIA SOUL ECO-ELECTRIC

Kia Soul Eco-Electric (qui la nostra prova su strada) è il crossover con motore elettrico della casa sudcoreana in cui trovano comodamente posto cinque persone. Che però devono farsi bastare un bagagliaio di soli 281 litri, espandibili. Non è troppo economica, 37.000 euro per l’unico allestimento You Soul, ma è ben equipaggiata con un propulsore a trazione anteriore da 110 CV/81 kW e batteria da 27 kWh che richiede un tempo di ricarica di circa 5 ore con un impianto a 120 V. La velocità massima dichiarata è di 145 km/h, l’autonomia di oltre 210 km. Nel 2014 il crash test di Kia Soul Eco-Electric by EuroNCAP ha ricevuto un punteggio di 4/5.

MITSUBISHI I-MIEV

Dal punto di vista prettamente economico la Mitsubishi i-MiEV è una delle citycar elettriche più interessanti sul mercato italiano, dato che si può portare a casa con “soli” 29.900 euro, riducibili di qualche migliaio con Ecobonus e altri possibili sconti. Indicata soprattutto per l’uso cittadino viste le dimensioni e le prestazioni non certo da top, la i-MiEV è equipaggiata con un motore da 67 CV/49 kW, monta batterie da 16 kWh, ha una velocità massima di 130 km/h e un’autonomia di 160 km. La ricarica si fa alla presa di corrente in un massimo di sei ore. Nel 2011 il crash test della Mitsubishi i-MiEV a cura di EuroNCAP ha avuto come esito 4/5.

NISSAN LEAF

Ci sono ben sei allestimenti dell’auto elettrica Nissan Leaf: Visia Plus, Enel Edition, Acenta, Business, N-Connecta e Tekna (qui la nostra prova su strada), con prezzi di listino che variano da 34.370 a 41.330 euro, senza contare l’Ecobonus. Berlina 2 volumi con 5 porte e 5 comodi posti, la Leaf dispone pure di un capiente bagagliaio da 435 litri. Motore da 150 CV/110 kW, batteria agli ioni di litio da 40 kWh, dichiara 144 km/h di velocità massima e un’autonomia di 378 km. Per la ricarica completa sono necessarie 16 ore a 220 V e 3kW. La Nissan Leaf ha ottenuto un punteggio di 5/5 nel crash test EuroNCAP del 2018 (qui la scheda con i risultati completi e il video).

PEUGEOT ION

Altra citycar elettrica francese su cui viaggiano più o meno comodamente quattro persone, senza però esagerare con i bagagli (solo 166 litri di capacità, comunque espandibili). In vendita a 28.301 euro nell’unico allestimento Active, Peugeot iOn monta un propulsore a trazione posteriore da 67 CV/49 kW e batterie da 14,5 kWh (per ricaricarle ci vogliono 6 ore a 220 V). Velocità massima di 130 km/h e 150 km d’autonomia dichiarati. Insomma, non allontanatevi troppo! Nel crash test Euro NCAP del 2011 la Peugeot iOn ha ottenuto 4 stelle su 5.

PEUGEOT PARTNER TEPEE 5 PORTE

La rivale di Fiat Doblò e Renault Kangoo si chiama Peugeot Partner Tepee, una multispazio che dal 2017 vanta pure una versione Full Electric Active in vendita a 33 mila euro, che con l’Ecobonus 2019 e altre promozioni possono scendere e di parecchio. La Partner Tepee 5 Porte è equipaggiata con un motore elettrico da 67 CV/49 kW. Dispone inoltre di una batteria agli ioni di litio da 22,5 kWh, dichiara 110 km/h di velocità massima e un’autonomia di 170 km. Per la ricarica completa della batteria ci vogliono 15 ore a 220 V. Nel 2014 il vecchio modello della Peugeot Partner ha ottenuto un discreto punteggio di 3/5 ai crash test EuroNCAP.

RENAULT ZOE

Utilitaria elettrica della casa francese, la Renault Zoe (qui la nostra prova su strada) è lunga più o meno quanto la Clio ma decisamente più alta. È comunque abbastanza comoda e sui sedili posteriori si possono sedere comodamente tre persone. Oppure nessuna se decidete di sacrificare la seconda fila per ampliare il bagagliaio da 338 a 1225 litri. La Renault Zoe è offerta in ben otto versioni: Life R90 Flex, Life Q90 Flex, Intens R110 Flex, Intens Q90 Flex, Life R90, Life Q90, Intens R110 e Intens Q90. A seconda dell’allestimento cambiano i prezzi (si va da 26.100 a 36.500 euro) e le caratteristiche del motore elettrico (le più potenti sono le Intens R110 che montano un propulsore da 108 CV/80 kW). Nel 2013 Reanault Zoe ha ottenuto 5/5 nel crash test EuroNCAP, qui la scheda completa con dati, foto e video.

SMART EQ FORFOUR

Nella Smart EQ Forfour ci entrano senza problemi quattro persone e con il motore elettrico a trazione posteriore da 82 CV/60 kW vanno un po’ dappertutto, non temendo Ztl o altre limitazioni di sorta. Basta non chiedere miracoli al modesto bagagliaio da 185 litri. Sono disponibili ben 9 allestimenti della EQ Forfour, con prezzo di listino che oscilla da 24.748 a 33.973 euro. Per il resto la vettura dispone di una batteria da 17,6 kWh, viaggia a 130 km/h di velocità massima e ha un’autonomia di circa 155 km. Per l’80% della ricarica sono necessarie 6 ore da una presa domestica. La Smart Forfour ha ottenuto 4/5 nel crash test del 2014 (qui scheda e video completi).

SMART EQ FORTWO COUPÈ E CABRIO

Uscita nel 2018, la Smart EQ Fortwo è una citycar elettrica a trazione posteriore perfetta per l’uso cittadino. Anche perché fra tanti pregi, come la maneggevolezza e la facilità di parcheggio, non si può dire che l’autonomia sia proprio il suo forte. Il prezzo di listino della Smart Fortwo elettrica varia a seconda dei 10 allestimenti proposti. Parte dai 24.198 euro della EQ 60kW Youngster e arriva ai 33.414 euro della EQ 60kW Nightsky Prime. Il motore ha una potenza di 82 CV/60 kW, la batteria agli ioni di litio una capacità di 17,6 kWh, mentre velocità massima e autonomia sono rispettivamente di 130 km/h e di 160 km. Per l’80% della ricarica sono necessarie 6 ore da una presa domestica. Tutti gli allestimenti della Smart EQ Fortwo sono disponibili pure in versione cabrio. Nel 2014 il crash test ha dato come risultato 4/5. Qui c’è la nostra prova su strada della Smart EQ Fortwo elettrica.

VOLKSWAGEN E-GOLF

La Volkswagen e-Golf con i suoi 40.650 euro di prezzo di listino rientra per un soffio nel nostro budget. Ma con l’Ecobonus 2019 ed eventuali altri sconti potete portarla a casa a un costo nettamente inferiore. La versione elettrica della berlina 2 volumi tedesca ha un motore da 136 CV/100 kW. Monta poi una batteria agli ioni di litio da 35,8 kWh, dichiara 150 km/h di velocità massima e un’autonomia di 300 km. La ricarica completa richiede 17 ore a 220 V e 2,3 kWh. Il bagagliaio di media grandezza contiene fino a 341 litri, discreto per la categoria. L’ultimo crash test EuroNCAP della VW Golf risale al 2012 e ha ottenuto 5 stelle.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Emissioni di CO2 in calo: -4,5% a giugno 2019

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma