A.N.I.A. – Associazione nazionale delle imprese di assicurazione

Un manuale dettagliato che spiega tutte le insidie delle assicurazioni. Scopri cosa significano i termini più usati dalle compagnie assicurative e le norme.

14 dicembre 2015 - 20:56

Fondata nel 1944, l’ANIA e l’associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia. La sua finalità principale, riconosciuta dallo Statuto, (www.ania.it/it/chi-siamo/statuto/) è tutelare gli interessi della categoria coniugandoli con gli interessi generali del Paese nella costruzione di un modello di sviluppo sostenibile riconosciuto dalle istituzioni e dall’opinione pubblica.
L’Associazione rappresenta i soci ed il mercato assicurativo italiano nei confronti delle principali istituzioni politiche ed amministrative, inclusi il Governo ed il Parlamento, le organizzazioni sindacali e le altre forze sociali. Studia e collabora alla risoluzione di problemi di ordine tecnico, economico, finanziario, amministrativo, fiscale, sociale, giuridico e legislativo, riguardanti l’industria assicurativa. Fornisce assistenza tecnica ai soci e promuove la formazione e l’istruzioni professionale degli addetti.
Le imprese associate all’ANIA sono 166 e le assistite 3, per un totale di 169 imprese, pari a circa il 90% del mercato assicurativo in termini di premi.

L’ ANIA (www.ania.it) ha la sua sede legale a Roma, Via della Frezza 70.

C.I.D. – Convenzione Indennizzo Diretto

È un organismo di cui fanno parte Imprese operanti nel Ramo R.C.A. Essa gestisce e regola le norme e le procedure di risarcimento in caso di danni che si sono verificati tra assicurati di compagnie partecipanti.

CON.S.A.P. – Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici Spa

Interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, è stata costituita nel 1993 per scissione dall’Istituto Nazionale delle Assicurazioni (INA), in occasione della sua privatizzazione.

All’atto della costituzione, sono state attribuite a Consap le attività di rilievo pubblicistico già presso l’INA, tra cui le c.d. “cessioni legali”, quote di premi che le Compagnie di assicurazioni versavano per legge all’INA sui rischi assunti per le polizze vita e che Consap aveva avuto l’incarico di restituire alle compagnie stesse.

Alle iniziali attività ereditate dall’INA, in particolare la gestione dei Fondi di Garanzia e Solidarietà, se ne sono poi aggiunte numerose altre, in quanto attinenti alle finalità istituzionali della Società, per i loro aspetti pubblicistici.

Ruolo di Consap

Consap svolge, in regime di concessione, servizi assicurativi pubblici volti, in linea di massima, alla copertura dei “rischi della collettività” non risarcibili dai normali meccanismi contrattuali.

La Società, infatti:

rappresenta il modello dell’ “assicuratore pubblico” che si pone come indispensabile complemento al comparto assicurativo tradizionale, intervenendo in forma sussidiaria rispetto al mercato ed esprimendo una spiccata sensibilità alle problematiche dei danneggiati, unita ad una rigorosa gestione del denaro della collettività;

svolge numerose altre attività e funzioni di interesse pubblico di particolare complessità, rivolte ad assicurare la pronta soddisfazione delle istanze avanzate da vittime/consumatori/utenza;

può ricevere direttamente in affidamento dalle Pubbliche Amministrazioni fondi e attività da gestire per conto dello Stato, sempre a vantaggio della collettività (c.d. “in house”);

è organizzata a somiglianza di una holding, in quanto i fondi e le attività costituiscono gestioni separate.

Con decorrenza 1° Gennaio 2013 sono stati affidati a Consap due nuovi compiti:

svolgimento della funzione di Centro di Informazione Italiano (Coperture Assicurative R.C. Auto);

gestione del Ruolo dei Periti Assicurativi

La CONSAP ha sede in Via Yser, 14 – 00198 Roma.

COVIP – Commissione di vigilanza sui fondi pensione

È l’autorità amministrativa indipendente che ha il compito di vigilare sul buon funzionamento del sistema dei fondi pensione, a tutela degli aderenti e dei loro risparmi destinati a previdenza complementare.

Istituita nel 1993 con decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993, la COVIP ha iniziato a operare nella sua attuale configurazione – con personalità giuridica di diritto pubblico – dal 1996.

Di recente le sono stati attribuiti anche compiti di controllo sugli investimenti finanziari e sul patrimonio delle Casse professionali private e privatizzate.

Ruolo di Covip

La Covip ha assunto nel corso degli anni compiti e attribuzioni sempre più ampi rispetto a quelli previsti al momento della sua costituzione.

La funzione che è chiamata a svolgere è essenzialmente quella di garantire ed assicurare la trasparenza e la correttezza nella gestione e nell’amministrazione dei fondi pensione.

A tal fine:

autorizza i fondi pensione ad esercitare la propria attività e approva i loro statuti e regolamenti;

tiene l’albo dei fondi pensione autorizzati ad esercitare l’attività di previdenza complementare;

vigila sulla corretta gestione tecnica, finanziaria, patrimoniale e contabile dei fondi pensione e sull’adeguatezza del loro assetto organizzativo;

assicura il rispetto dei principi di trasparenza nei rapporti tra i fondi pensione ed i propri aderenti;

cura la raccolta e la diffusione delle informazioni utili alla conoscenza dei problemi previdenziali e del settore della previdenza complementare.

Inoltre ha il potere di formulare proposte di modifica legislativa in materia di previdenza complementare.

La COVIP ha sede in Via in Arcione, 71 – 00187 Roma.

I.S.V.A.P. – Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo

L’ISVAP è stato istituito con legge 12 agosto 1982, n. 576, per esercitare funzioni di vigilanza nei confronti delle imprese di assicurazione e riassicurazione e di tutti gli altri soggetti sottoposti alla disciplina sulle assicurazioni private. Il suo obiettivo principale è quello di garantire la stabilità del mercato e delle imprese e di controllare che le imprese abbiano il denaro sufficiente per far fronte ai loro impegni, a garanzia degli interessi degli assicurati- consumatori e in generale dell’utenza.

Dal 01 gennaio 2013 I.V.ASS. ha sostituito l’I.S.V.A.P.

Cosa cambia, in merito alle funzioni? L’ISVAP gestiva:

il Registro Unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi;

il Ruolo dei Periti assicurativi;

il Centro informazioni che fornisce indicazioni e spiegazioni ai cittadini italiani che hanno subito incidenti stradali all’estero e ai cittadini esteri che hanno subito incidenti in Italia.

Con l’IVASS, invece:

la gestione del Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi e vigilanza sui soggetti iscritti sarà affidato ad un organismo di diritto privato ordinato in forma di associazione da istituire entro due anni dall’emanazione del decreto istitutivo dell’IVASS;

la gestione del Ruolo dei periti assicurativi, alla data di subentro dell’Ivass, è affidata a Consap Spa;

la gestione del Centro informazioni, alla data di subentro dell’Ivass, passa sempre a Consap Spa.

L’assicurato può indirizzare ora all’IVASS reclami sulla gestione dei sinistri o altri comportamenti delle imprese ritenuti non corretti.

Approfondisci qui il Manuale operativo sulle Assicurazioni:
1) Guida Assicurazioni – Manuale operativo per l’assicurato (Home)
2) Classi di merito RCA
3) Come si calcola premio RCA
4) Responsabilità Civile Auto – La polizza obbligatoria
5) Prima di sottoscrivere un contratto
6) Glossario dell’assicurazione
7) A.N.I.A. – Associazione nazionale delle imprese di assicurazione
8) Legge Bersani (più nota come “Decreto Bersani”)
9) Tacito rinnovo e tolleranza di 15 giorni dopo la scadenza
10) Leggere e capire le polizze
11) CVT – Le garanzie non obbligatorie
12) Incendio e Furto
13) Garanzia Kasko
14) Eventi socio-politici e naturali
15) Polizza Cristalli
16) GPS (rilevatore satellitare)
17) Assistenza Stradale

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto condono

Bollo auto scaduto: sanzioni, interessi e prescrizione

RC auto procedura di conciliazione per le controversie

RC auto: la procedura di conciliazione per le controversie

Bollo auto come si calcola quando dove si paga

Bollo auto: come si calcola, quando e dove si paga