Assicurazione auto furto e incendio

Assicurazione auto furto e incendio

La garanzia aggiuntiva assicurazione auto furto e incendio è tra le più diffuse in assoluto. Scopriamo le caratteristiche e le eventuali esclusioni

8 gennaio 2020 - 22:35

L’assicurazione auto furto e incendio è, insieme alla kasko, la garanzia accessoria più diffusa della RC auto obbligatoria. Risulta infatti molto difficile non coprire la propria vettura con questo tipo di polizza, soprattutto in presenza di un modello nuovo o di elevato valore: subire il furto dell’auto significherebbe perdere infatti l’intero capitale, senza ricevere alcun risarcimento. Stessa cosa in caso di ‘incendio’, termine generico che indica più specificatamente tutti gli eventi legati al fuoco. Inclusi i tutt’altro che improbabili corto circuito e surriscaldamento del motore che possono recare danni pesantissimi. Precisiamo comunque che, sebbene vengano in genere proposte insieme, ‘furto’ e ‘incendio’ sono due garanzie aggiuntive diverse e distinte, ognuna con le proprie caratteristiche.

COME FUNZIONA L’ASSICURAZIONE AUTO FURTO

L’assicurazione auto contro il furto opera in caso di furto completo (cioè quando la macchina viene rubata); di furto parziale (quando vengono sottratte soltanto alcune parti dell’auto come cerchioni, ruote, fanali o gli accessori); rapina; e anche nel caso di semplice tentativo di furto o di scasso, se hanno causato danni alla vettura. Copre inoltre i danni derivanti dalla circolazione del veicolo in conseguenza del furto o rapina. Importante: la somma massima assicurabile (l’importo che si riceverà in caso di furto dell’auto) non può essere mai superiore al valore commerciale del veicolo al momento della stipula del contratto assicurativo. Questo valore viene ricalcolato a ogni rinnovo della polizza tenendo conto della sua diminuzione nel corso del tempo. Se si subisce un furto parziale o un tentativo di furto, l’indennizzo consiste nel costo necessario per la riparazione o la sostituzione delle parti danneggiate o rubate.

COME FUNZIONA L’ASSICURAZIONE AUTO INCENDIO

L’assicurazione auto incendio permette di ottenere un risarcimento per tutti i danni causati da fiamme ed esplosioni di vario tipo. Per esempio, come detto in precedenza, un incendio generato dal cortocircuito dell’impianto elettrico di bordo o dal surriscaldamento del motore. Oppure originato da un fulmine che ha colpito il veicolo, dall’esplosione del serbatoio di carburante o da un atto doloso o colposo di terzi. Qualora l’incendio risulti invece provocato accidentalmente da un altro veicolo parcheggiato vicino, si attiva il meccanismo risarcitorio della RC auto poiché viene considerato danno da circolazione stradale. In ogni caso, prima di sottoscrivere il contratto, è consigliabile informarsi con estrema attenzione sugli eventi effettivamente coperti. Per esempio alcune compagnie non risarciscono l’incendio provocato da terzi. Come nel caso del furto, l’entità dell’indennizzo fa riferimento al valore commerciale del veicolo (o delle parti danneggiate) al momento dell’incendio.

COSA NON COPRE L’ASSICURAZIONE AUTO FURTO E INCENDIO

Come tutte le garanzie, anche le assicurazioni auto furto e incendio prevedono diverse esclusioni. La polizza furto non rimborsa la perdita degli oggetti che si trovano all’interno dell’auto rubata, né il loro furto specifico (cioè se l’auto viene scassinata solo per trafugare tali oggetti). Pagando però un premio più alto è quasi sempre possibile estendere la copertura dell’assicurazione furto agli oggetti di valore presenti all’interno dell’automobile. La polizza contro il furto non opera neppure se viene riscontrata una negligenza da parte del proprietario. Ad esempio se lascia la vettura aperta o le chiavi nel cruscotto. Per quanto riguarda invece la polizza incendio, non è previsto nessun risarcimento in caso di comportamento colposo, disattento o negligente dell’assicurato o di altra persona a bordo del veicolo. Inutile sottolineare che l’incendio causato con dolo dall’assicurato, non solo non frutta alcun rimborso ma prefigura pure un reato penale.

ASSICURAZIONE AUTO FURTO E INCENDIO: FRANCHIGIA E SCOPERTO

Gran parte delle polizze furto e incendio disponibili sul mercato assicurativo presentano delle franchigie ben definite e delle clausole di scoperto, entrambe determinanti per definire l’importo del risarcimento danni. La franchigia è una somma (espressa in cifre, per questo genere di polizza si aggira di solito sui 300 euro) che, in caso di risarcimento di un danno, rimane a carico dell’assicurato. Può essere assoluta o relativa. Mentre lo scoperto è la percentuale dell’importo del danno, solitamente pari al 10 o 20%, che resta a carico dell’assicurato. Esempio: se la polizza contempla uno scoperto del 10%, in caso di danno da 1.000 euro la compagnia ne rimborsa solo 900. Detto questo, scopriamo i passi da compiere dopo il furto dell’auto per ottenere subito il risarcimento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Riparazioni in officina

Assicurazione guasti meccanici auto: come funziona

Vendere un’auto usata: 5 consigli per guadagnare di più

Si può segnalare un posto di blocco

Blocco del traffico: quando è ammessa la violazione