Rilascio patente di guida B

Rilascio patente di guida B: procedura e costi 2022

Come si ottiene il rilascio della patente di guida B nel 2022: documenti, procedura e costi necessari per la presentazione della domanda e per sostenere gli esami

14 febbraio 2022 - 16:40

Quali sono i documenti, la procedura e i costi necessari per il rilascio della patente di guida B, quella che a norma dell’articolo 116 comma 3 lettera f) del Codice della Strada consente di condurre le comuni automobili (fino a 9 posti e massa massima autorizzata non superiore a 3.500 kg) e i motocicli con cilindrata massima di 125 cc e potenza non superiore a 11 kW? Nei prossimi paragrafi elenchiamo tutto ciò che serve per il conseguimento della patente B nel 2022.

Aggiornamento del 14 febbraio 2022 con informazioni dettagliate su documenti, procedura e costi per prendere la patente B nel 2022.

CHE COSA È LA PATENTE B?

Ricapitolando, la patente B è l’abilitazione che , previo superamento di un esame di teoria e di una prova pratica, consente di guidare le automobili e altre tipologie di veicoli. La sua durata varia in base all’età del titolare:

– 10 anni fino ai 50 anni di età;

– 5 anni tra i 50 e i 70 anni di età;

– 3 anni tra i 70 anni e gli 80 anni di età;

– 2 anni dopo gli 80 anni di età.

Allo scadere di ogni periodo di validità occorre procedere con il rinnovo della patente B, che consiste in una visita medica per accertare la conferma dei requisiti psico-fisici necessari per guidare.

Alla patente, subito dopo il conseguimento, viene associato un punteggio iniziale di 20 punti che può subire una decurtazione, da 1 a 10 punti, ogni qualvolta il titolare della patente commette un’infrazione al codice di una certa gravità. Chi esaurisce tutti i punti deve rifare gli esami per la patente (revisione), mentre chi subisce una perdita parziale può recuperare il punteggio originario (reintegro) frequentando dei corsi speciali. È possibile verificare il saldo esatto dei punti della patente solo sul Portale dell’Automobilista.

REQUISITI PER IL RILASCIO DELLA PATENTE B

Per il rilascio della patente di guida B occorre un’età minima di 18 anni (mentre non è prevista un’età massima se si rispettano tutti i requisiti fisici e psichici), la residenza in Italia o, per i cittadini UE/SEE, la residenza normale nel nostro Paese, e aver sostenuto con successo prima una prova teorica e poi una prova pratica a bordo di un veicolo della categoria M1 capace di sviluppare almeno 100 km/h e dotato di doppi comandi. La patente si può conseguire frequentando un corso di scuola guida presso un’autoscuola (che si occupa anche di tutti gli adempimenti burocratici) oppure da privatisti presso la Motorizzazione Civile. In quest’ultimo caso bisogna presentare in autonomia la documentazione richiesta e prenotare lo svolgimento degli esami, procedura che spiegheremo nei prossimi paragrafi.

CHE COSA POSSO GUIDARE CON LA PATENTE B?

Con la patente B si possono guidare:

– autoveicoli la cui massa massima autorizzata non supera 3.500 kg e progettati e costruiti per il trasporto di massimo 9 persone compreso il conducente. N.B.: ai veicoli di questa categoria può essere agganciato un rimorchio avente una massa massima autorizzata non superiore a 750 kg, oppure un rimorchio la cui massa massima autorizzata superi 750 kg, purché la massa massima autorizzata di tale combinazione non superi 4.250 kg;

ciclomotori 50 cc e tutti gli altri veicoli guidabili con la patente AM (quindi veicoli a tre ruote categoria L2e e quadricicli leggeri con massa a vuoto inferiore o pari a 350 kg, categoria L6e);

– motocicli con cilindrata massima di 125 cc, potenza non superiore a 11 kW e rapporto potenza peso non superiore a 0,1 kW/kg, e tutti gli altri veicoli guidabili con la patente A1 (nello specifico i tricicli di potenza non superiore a 15 kW). N.B.: il possessore di patente B può guidare le moto 125 solo sul territorio italiano, all’estero deve obbligatoriamente disporre del documento di guida A1 o superiore (A2 o A);

– motocicli con cilindrata superiore a 125 cc ma solo se la patente B risulta conseguita entro il 31 dicembre 1985. Anche chi ha preso la patente B tra il 1° gennaio 1986 e il 25 aprile 1988 può condurre motocicli senza limiti di cilindrata, ma solo in Italia.

La patente B consente inoltre di condurre:

– tricicli di potenza superiore a 15 kW, ma solo se si hanno almeno 21 anni;

– macchine agricole, anche eccezionali, e macchine operatrici, escluse quelle eccezionali;

mezzi adibiti a servizio di emergenza, aventi massa complessiva a pieno carico fino a 3.500 kg.

RILASCIO PATENTE B: DOCUMENTI E COSTI 2022

La domanda in autonomia per il conseguimento della patente B dev’essere inoltrata al competente ufficio della Motorizzazione Civile presentando la seguente documentazione:

– domanda su modello TT 2112 compilato e firmato;

– attestazione del versamento di 26,40 euro su bollettino postale 9001;

– attestazione del versamento di 16,00 euro su bollettino postale 4028;

– documento di identità valido in visione e relativa fotocopia integrale;

certificato medico in bollo da 16,00 euro con foto (con data non anteriore a tre mesi) rilasciato da un medico abilitato e fotocopia dello stesso. Per ottenere il certificato dal medico abilitato occorre presentare, al momento della visita, un altro certificato sanitario rilasciato da un medico di fiducia che indichi le precedenti malattie dell’interessato);

2 fotografie uguali in formato tessera. Una delle 2 fotografie deve essere autenticata se l’autentica non è stata già fatta sulla foto del certificato medico;

– fotocopia del codice fiscale o della tessera sanitaria con il codice fiscale.

I costi per conseguire la patente B sono molto variabili, anche in base alla zona geografica: alle spese appena elencate per produrre i documenti e le marche da bollo, bisogna aggiungere quanto meno il costo delle 6 ore di guida obbligatorie presso un’autoscuola con un istruttore abilitato (vedi prossimo paragrafo), che però raramente sono sufficienti per raggiungere una buona sicurezza al volante. Ogni guida può costare all’incirca da 40 a 60 euro all’ora. Poi occorre contare anche il costo dell’esame pratico su auto a doppi comandi, da 120 a 150 euro. Chi sceglie invece di affidarsi a un’autoscuola deve sommare a questi costi l’iscrizione (150 euro circa) e il corso di teoria (anche 500 euro), arrivando a toccare e a volte superare quota 1.000 euro.

PRENOTAZIONE E SVOLGIMENTO ESAMI PER LA PATENTE B

Per sostenere l’esame di teoria patente B è necessario prenotare la prova presso l’ufficio della Motorizzazione dove è stata presentata la domanda. Il candidato ha 6 mesi di tempo, dalla data di presentazione della domanda, per il superamento dell’esame di teoria con due prove a disposizione. Una volta superato questo esame, per consentire al candidato di effettuare la pratica su strada viene rilasciata una autorizzazione per esercitarsi alla guida, chiamata in gergo ‘foglio rosa’.

Successivamente, a partire dal mese successivo alla data di superamento della prova teorica, il candidato ha 11 mesi di tempo per superare l’esame pratico di guida, con tre prove a disposizione (come da novità introdotte dal decreto Infrastrutture 2021). Ricordiamo che chi ha la patente A1, A2, A o B1 può conseguire la patente B svolgendo solo la prova pratica di guida.

Anche la prova pratica della patente B dev’essere prenotata presso la Motorizzazione allegando:

– attestazione del versamento di 16,00 euro su bollettino postale 4028;

– attestato di frequenza a un corso, di almeno 6 ore, di esercitazioni obbligatorie di guida in orario notturno e su autostrade e strade extra urbane principali presso un’autoscuola con istruttore abilitato.

I riferimenti normativi per le prove di esame della patente B sono contenuti nella circolare del MIT n. 28819 del 19/09/2019, successivamente integrata dalla circolare n. 31299 del 5/11/2020.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Assicurazione auto: quando il passeggero può testimoniare?