Esami patente B

Esami patente B: come si svolgono i quiz

Per chi si sta avvicinando agli esami patente B, ecco come si svolgono i quiz e quali sono gli argomenti della prova teorica

6 luglio 2021 - 16:30

Per conseguire la patente B che permette di guidare le automobili, occorre superare due prove: un esame di teoria, sotto forma di quiz, e uno di pratica alla guida di un veicolo. Se non si passa il primo non si può effettuare il secondo. Dalla data di presentazione della domanda ogni candidato ha 6 mesi di tempo per superare l’esame teorico, con due prove a disposizione. Tuttavia con l’emergenza Covid tale termine è stato esteso a 1 anno. A beneficio di tutti i ragazzi (e non solo) che si apprestano a sostenere gli esami patente B, scopriamo più dettagliatamente come si svolgono i quiz.

ESAMI PATENTE B: L’ISTANZA PER LA PROVA DI TEORIA

I candidati a conseguire la patente B possono presentare l’istanza direttamente in Motorizzazione, preparandosi in autonomia, oppure affidandosi a un’autoscuola. Da quel momento, come già scritto, hanno 6 mesi (prorogati temporaneamente a 1 anno per l’emergenza Covid) di tempo per sostenere l’esame di teoria, che va prenotato, con due tentativi a disposizione tra i quali deve trascorrere almeno un mese. Qualora un candidato non riesca a superare entrambe le prove nei termini previsti, deve ricominciare l’iter da zero presentando una nuova domanda per il conseguimento della patente. Ricordiamo che chi ha già una patente di tipo A1, A2, A o B1 può prendere la patente B saltando la teoria e svolgendo solo la prova pratica di guida.

COME SI SVOLGONO I QUIZ DEGLI ESAMI PER LA PATENTE B

I quiz per gli esami della patente B si svolgono presso la sede locale della Motorizzazione e si effettuano con sistema informatizzato: il candidato deve rispondere a 40 quesiti indicando ‘V’ se ritiene un singolo quesito vero o ‘F’ se lo ritiene, invece, falso. La prova ha durata di 30 minuti e sono consentiti al massimo 4 errori. Dal 5° errore in poi si viene pertanto bocciati.

Prima di iniziare l’esame ciascun candidato deve mostrare un documento d’identità e deve successivamente digitare il codice fiscale al fine di attivare la sua postazione d’esame. Terminata la fase di attivazione, il candidato viene fatto accomodare davanti a una postazione dotata di un PC con schermo touch screen, su cui sono visualizzati dei tasti definiti da aree quadrate o circolari. Toccando direttamente lo schermo in queste apposite aree il candidato attiva il comando indicato sull’area stessa. Il meccanismo è molto intuitivo e facile per tutti.

Durante la prova, la compilazione dei quiz dev’essere effettuata toccando lo schermo esclusivamente con le dita della propria mano. In particolare il candidato deve toccare, per ciascuna risposta, il cerchio sullo schermo con all’interno la lettera V o F a seconda che consideri quella proposizione vera o falsa. Il candidato può liberamente ‘navigare’ all’interno della propria scheda d’esame passando da una domanda all’altra, cambiare le risposte date e visualizzare la schermata di riepilogo di tutte le domande con le risposte.

Una volta terminata la compilazione dei quiz, il candidato deve confermare le risposte date nella schermata di riepilogo. Premuto il tasto di conferma, la prova viene considerata definitivamente terminata e da quel momento non possono essere apportate ulteriori modifiche alla scheda. L’esito della sessione, per tutti i candidati, viene stampato e affisso fuori dall’aula d’esame, indicando esclusivamente l’esito (ammesso o respinto).

QUIZ ESAMI PATENTE B: DIVIETI E SANZIONI

Durante lo svolgimento dei quiz è assolutamente vietato consultare testi, fogli o manoscritti, comunicare con gli altri candidati, allontanarsi dalla propria postazione se non autorizzati, spegnere il PC se non autorizzati e utilizzare, o comunque tenere attivati, telefoni cellulari e apparecchiature simili. In particolare i cellulari devono essere posti dal candidato, spenti, sul banco assegnatogli per la prova. I candidati colti in flagrante violazione di tali disposizioni sono allontanati dall’aula e considerati respinti alla prova d’esame. Inoltre nell’aula dove si svolge l’esame di teoria non è ammessa la presenza di estranei (ad esempio parenti o amici dei candidati) se non espressamente autorizzati dietro valida motivazione.

QUIZ ESAMI PATENTE B: CASI PARTICOLARI

I candidati privi di licenza di terza media (o titolo di studio equivalente), privi di cittadinanza italiana o affetti da patologia che determina gravi difficoltà nella comprensione dei testi scritti, possono richiedere, previa istanza da inoltrare precedentemente alla prova, l’utilizzo di file audio che consentano l’ascolto in cuffia delle domande d’esame.

La possibilità di sostenere l’esame orale è limitata esclusivamente ai candidati affetti da sordomutismo.

Gli appartenenti alle minoranze linguistiche (francesi e tedesche) tutelate dalle norme nazionali possono sostenere l’esame nella propria lingua con l’ausilio del supporto audio/video.

ESAMI PATENTE B: ARGOMENTI DEI QUIZ

I quiz per gli esami della patente B vertono sui seguenti argomenti, che includono anche i contenuti dedicati alla prova teorica per le categorie A1, A2, A, B1, BE.

segnaletica stradale verticale ed orizzontale, segnalazioni, precedenze e limiti di velocità;

– importanza di un atteggiamento vigile e di un corretto comportamento nei confronti degli altri utenti della strada;

– osservazione, valutazione e decisione, in particolare tempi di reazione, nonché cambiamenti nel comportamento al volante indotti da alcool, droghe, medicinali, stati d’animo e affaticamento;

– principi fondamentali relativi all’osservanza della distanza di sicurezza fra i veicoli, allo spazio di frenata ed alla tenuta di strada nelle diverse condizioni sia atmosferiche sia della strada;

– fattori di rischio legati alle diverse condizioni della strada; in particolare il loro cambiamento in base alle condizioni atmosferiche e al passaggio dal giorno alla notte;

– caratteristiche dei diversi tipi di strada e relative norme di comportamento;

– guida sicura nelle gallerie stradali;

– fattori di rischio specificamente legati all’inesperienza degli altri utenti della strada e categorie di utenti particolarmente esposte quali bambini, pedoni, ciclisti e persone con mobilità ridotta;

– rischi legati alla manovra e alla guida di diversi tipi di veicolo e relativo campo visivo del conducente;

– formalità amministrative e documenti necessari per la circolazione dei veicoli;

– regole generali di comportamento in caso di incidente (collocazione dei segnali di pericolo e segnalazione dell’incidente) ed eventuali misure di assistenza agli infortunati;

– fattori di sicurezza legati al veicolo, al carico e alle persone trasportate;

– precauzioni da adottare nello scendere dal veicolo;

– elementi di meccanica legati alla sicurezza stradale; i candidati devono essere in grado di riconoscere i difetti più ricorrenti, con particolare riguardo a sterzo, sospensioni, freni, pneumatici, luci e indicatori di direzione, catadiottri, specchietti retrovisori, parabrezza e tergicristalli, sistema di scarico, cinture di sicurezza e dispositivi di segnalazione acustica;

– sistemi di sicurezza dei veicoli, in particolare: impiego delle cinture di sicurezza, poggiatesta e dotazioni per la sicurezza dei bambini;

– regole di utilizzo dei veicoli legate all’ambiente (corretto impiego dei dispositivi di segnalazione acustica, consumo ridotto di carburante, limitazione delle emissioni inquinanti, ecc.);

– impiego del casco e di ulteriore abbigliamento protettivo di altro tipo, ove prescritto;

– percezione del motociclista da parte degli altri utenti della strada;

– fattori di rischio legati ai vari tipi di strada precedentemente indicati, con particolare attenzione agli elementi potenzialmente scivolosi quali tombini, segnaletica orizzontale (ad esempio strisce e frecce) e binari;

– elementi di meccanica legati alla sicurezza stradale precedentemente indicati, con particolare attenzione all’interruttore di emergenza, ai livelli dell’olio e alla catena

– norme sulla circolazione in autostrada e strade extraurbane principali; trasporto di persone; carico dei veicoli; pannelli sui veicoli; traino dei veicoli e dei veicoli in avaria;

– responsabilità civile, penale, amministrativa; forme assicurative legate al veicolo diverse dalla RCA;

– elementi costitutivi del veicolo importanti per la sicurezza; manutenzione e uso; stabilità e tenuta di strada del veicolo;

– sistema sanzionatorio;

– limiti di traino; organi di traino e sistemi di frenatura del rimorchio; conoscenza del comportamento del rimorchio durante la circolazione; limiti di velocità del complesso.

Per ulteriori informazioni sugli esami di teoria per il conseguimento della patente B vi rimandiamo alla circolare di riferimento del MIMS.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Convertire patente marocchina

Convertire patente marocchina in Italia 2022: come fare

Scadenza bollo auto

Scadenza bollo auto: quando pagare la tassa

formule tariffarie della RC auto

Le formule tariffarie della RC auto