Surriscaldamento auto: cause e diagnosi del guasto

La lancetta della temperatura sale e l’auto si scalda di più: i controlli da fare e le cause da ricercare prima che sia troppo tardi

5 ottobre 2021 - 13:15

Quando l’auto si surriscalda o ha difficoltà a diminuire la temperatura del motore, la conclusione immediata è la valvola termostatica bloccata chiusa. In realtà le cause del surriscaldamento auto possono essere varie. In questo approfondimento vedremo come risolvere e quali controlli fare quando l’auto si scalda troppo.

Aggiornamento del 5 ottobre 2021: miglioramento leggibilità e contenuti più attuali

L’AUTO SI SCALDA: PRIME AVVISAGLIE DI UN SURRISCALDAMENTO

Quando la temperatura del motore aumenta in modo considerevole, superando la normale posizione che in genere indica i 90 °C, ci rendiamo conto che qualcosa non va già dal funzionamento della ventola del radiatore. Se l’attivazione della ventola dura molto più a lungo del solito, pur guidando per lo stesso tragitto, con lo stesso traffico e stesse condizioni ambientali, allora è meglio muoversi in anticipo e procedere a un controllo più approfondito. Dovrebbe essere scontato, ma lo ricordiamo, che se il   sistema di raffreddamento perde efficacia un controllo mancato può costare molto più in riparazioni.

I CONTROLLI PER EVITARE IL SURRISCALDAMENTO DELL’AUTO

Per prima cosa, come di consueto, verificare il livello del liquido di raffreddamento e se necessario rabboccarlo a motore freddo. Ma non solo, la presenza di impurità e un colore poco limpido è il primo campanello d’allarme. Se il livello è troppo basso potrebbe essersi introdotta aria nel sistema che va eliminata, ma solo dopo aver trovato la causa di eventuali perdite di liquido refrigerante.

CAUSE E DIAGNOSI DI UN’AUTO CHE SI SURRISCALDA 

Se anche dopo aver rabboccato il livello di refrigerante, l’auto continua a surriscaldarsi più del normale, si consiglia di fare in successione queste prove. Ma se non siete sicuri, meglio rivolgersi a un professionista:

– Per verificare se la lancetta della temperatura dice la verità, controllare la resistenza del sensore temperatura del liquido di raffreddamento;

– Un aumento della temperatura può essere causato anche da impurità nel liquido di raffreddamento, in caso meglio procedere con il lavaggio del radiatore;

– Verificare se l’elettroventola si attiva a tutte le velocità. Il test è più facile e immediato con la diagnosi auto;

– Misurare la temperatura in entrata e in uscita dal radiatore (toccare i manicotti con estrema attenzione aiuta a valutare se la valvola termostatica si apre correttamente). E’ chiaro che solo smontandola si può verificare il suo corretto funzionamento;

– Se la pompa acqua è usurata o la cinghia no è alla giusta tensione, il circuito non riceve il giusto flusso di raffreddamento. Per controllarla, rivolgersi in officina;

– La valvola di sovrappressione nel tappo del serbatoio di espansione non di rado provoca innalzamenti anomali della temperatura. Un test di tenuta (foto in alto) potrà accertare eventuali perdite e la necessità di sostituire il tappo del liquido radiatore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cyber Monday 2021: le occasioni più utili per l’auto

Black Friday 2021: gli sconti su accessori auto da non farsi scappare

Revisione auto: l’Europa propone test più severi dal 2023