Liquido radiatore auto: quando rabboccare o sostituire

Rabboccare il livello del liquido radiatore non basta prima dell’inverno, ecco i controlli fai da te per capire se la miscela acqua – antigelo è da cambiare

25 febbraio 2022 - 17:00

Rabboccare l’acqua nel radiatore è quella che in gergo si definisce una delle operazioni del controllo dei livelli del motore. Controllare il liquido refrigerante radiatore è fondamentale in ogni periodo dell’anno e non solo in estate. Sostituire l’antigelo radiatore è diventato sempre meno frequente tra le operazioni di manutenzione ordinaria col tagliando. Ecco perché controllare il liquido radiatore aiuta a prevenire gli imprevisti. Ma come si capisce se l’antigelo va cambiato? Ecco alcuni consigli per i controlli fai da te sul liquido del radiatore.

Aggiornamento del 25 febbraio 2022: miglioramento dei contenuti più attuali e utili

LIQUIDO RADIATORE, COS’E’ E COME FUNZIONA

L’antigelo dell’auto è in realtà più correttamente definito liquido refrigerante o liquido radiatore poiché in una sola soluzione a base di acqua nel radiatore protegge il motore in estate e in inverno. Come abbiamo già visto, i colori del liquido radiatore hanno un significato specifico. Anche se con i liquidi radiatore universali è diventato più un fattore estetico che funzionale, ma che si rivela molto utile per capire se l’antigelo è da cambiare oppure no. Intanto bisogna ricordare che il liquido radiatore contiene importanti additivi anticorrosivi, antiemulsione, antischiuma e antiebollizione che con il tempo si degradano.

LIQUIDO REFRIGERANTE AUTO TROPPO DILUITO

Quindi cambiare il liquido radiatore almeno ogni 5 anni su un’auto tradizionale non può che fargli bene. Se poi il liquido lavora costantemente a temperature ambientali molto alte o molto basse, bisogna essere certi che non sia troppo diluito. In estate il refrigerante bollirebbe a una temperatura più bassa e vicina a quella dell’acqua. In inverno, per lo stesso effetto, congelerebbe prima, avendo una temperatura di congelamento prossima allo zero.

IL COLORE DELL’ACQUA NEL RADIATORE

I continui rabbocchi con acqua sono il motivo principale della diluizione del liquido radiatore. Succede in particolare quando il circuito di raffreddamento non è a tenuta e lascia fuoriuscire micro gocce o vapore. Anche se il livello della vaschetta radiatore è corretto non possiamo essere sicuri che il liquido radiatore faccia il suo lavoro correttamente. Un primo indizio per capire se il liquido refrigerante è diluito basta confrontare il colore di quello nella vaschetta con il liquido di scorta. E’ chiaro che non tutti hanno lo stesso liquido refrigerante per il rabbocco in garage. Quindi la prova più semplice per testare il liquido radiatore è misurarne la qualità con un densimetro simile a questi testati. Se il liquido radiatore è troppo diluito sarà meglio farlo sostituire in officina.

LIQUIDO REFRIGERANTE CHE CAMBIA COLORE

Il circuito di raffreddamento del radiatore, così come quello dell’olio, sono stagni e a meno di casi particolari il motore non deve consumare troppo fluido. Se il livello dell’acqua radiatore scende può esserci una perdita lungo le tubature, sul radiatore motore, radiatore abitacolo oppure fuoriesce dalla guarnizione della testata. Se la guarnizione testa cilindri è danneggiata i casi più frequenti sono 2:

– il liquido refrigerante evapora;

– il liquido radiatore si mescola con l’olio motore;

Nel caso peggiore vi accorgerete che il liquido radiatore presenta tracce oleose se il problema è recente fino a peggiorare nell’odore (pungente e fastidioso) e nell’aspetto (non più limpido e colorato, ma rugginoso e torbido). In questi casi non basterà sostituire solo il liquido refrigerante ma risolvere anche i guasti che il liquido radiatore ha fatto emergere.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Noleggio lungo termine

Noleggio a lungo termine privati: arriva l’assistente virtuale con IA

Olio motore: tutto quello che c’è da sapere su rabbocco e cambio

Citroën con problema AdBlue: la riparazione costa sino a 1200 €