Guida autonoma: il test del Pilot Assist su Volvo V60

Come si comporterebbe il Pilot Assist della Volvo V60 in situazioni di emergenza? Lo mostra il test Euro NCAP sulla guida autonoma in questo video

23 aprile 2019 - 10:16

La guida semi autonoma e quella assistita sono due tecnologie per certi versi sovrapponibili e su molti modelli di auto fraintese dai conducenti. Euro NCAP ha per questo messo alla prova le reali capacità dei sistemi di assistenza in tipiche situazioni di traffico reale o di emergenza. Nel video qui sotto, ad esempio, la Volvo V60 con Pilot Assist si distanzia un po’ dalle attese. Tanto da “scivolare” su prove superate con più disinvoltura da sistemi di guida semi autonoma di modelli meno premium e costosi.

IMPOSSIBILE CONFONDERLO

Dopo aver testato Ford Focus, DS7 Crossback, BMW Serie 5, Hyundai Nexo, Mercedes Classe C, Nissan Leaf e Toyota Corolla è la volta del sistema Pilot Assist su Volvo V60. Un sistema che secondo Eur NCAP non espone gli utilizzatori al rischio di confonderlo per un pilota automatico. Durante il suo funzionamento il City Safety interviene in maniera abbastanza variabile, come si vede nel video sotto. Il guidatore è costantemente richiamato a mettere le mani sul volante, come prevede la legge. Se non lo fa il sistema Pilot Assist si disattiva ma non porta l’auto in una situazione di arresto controllato. Tuttavia i tecnici hanno verificato che basta sfiorare il volante per far credere al sistema di aver ripreso il controllo dello sterzo.

A VELOCITA’ AUTOSTRADALI E’ MEGLIO NON DISTRARSI

L’esito delle prove di guida semi autonoma ha messo alla luce performance in bianco e nero per il Pilot Assist della Volvo V60. Nelle prove di frenata di emergenza con ostacolo fermo, altre auto hanno dimostrato di essere più autonome della Volvo V60. Se l’ACC (Adaptive Cruise Control) è impostato a 50 km/h, il City Safety riconosce un’auto ferma davanti e frena evitando l’impatto. Se la velocità aumenta a 80 e 130 km/h, solo l’intervento del guidatore può evitare una collisione. La Volvo V60 si limita in entrambi i casi a un tentativo per ridurre le conseguenze di un possibile incidente.

NEL TRAFFICO L’ASSISTENZA E’ LIMITATA

Simili criticità emergono nelle prove di guida semi autonoma con un ostacolo in movimento davanti alla Volvo V60. Quando l’ACC è impostato a 100 km/h e davanti si presenta un’auto in lento movimento (20 km/h), il City Safety interviene correttamente. Diverso è il caso in cui, come avviene spesso nel traffico lento e veloce, un’auto davanti cambia corsia all’improvviso. Euro NCAP ha replicato queste situazioni nei test Cut-in (l’auto davanti si immette nella corsia) e Cut-out (l’auto davanti si sposta scoprendo un ostacolo fermo). Il sistema Pilot Assist della Volvo V60 in test non riesce a fare altro che lanciare un “warning” al conducente che deve intervenire per prendere in mano la situazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma

Incidenti stradali: in Italia +7% di vittime nel 2019