Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Le migliori utilitarie del segmento A da comprare con un budget di circa 10.000 euro: consigli, pregi e difetti di 9 modelli da città

23 ottobre 2020 - 18:00

Con i consigli per l’acquisto di utilitarie con budget 10.000 euro (sforeremo massimo a 12.000) vogliamo aiutarvi a scegliere un’auto economica ma che sia anche confortevole e soprattutto sicura. Questa guida, così come tutte le altre (avete già visto quella recentissima sulle auto a 7 posti?), prende come riferimento gli ultimi prezzi di listino dichiarati dalle case automobilistiche, al netto di eventuali sconti o incentivi. Per ogni segmento abbiamo preso in considerazione sia i modelli più venduti del mercato (tra cui, immancabile, la Panda) che alcune ‘chicche’ magari poco conosciute ma indubbiamente interessanti. Guida aggiornata il 23 ottobre 2020.

CITROEN C1

Il modello di Citroen C1 che rientra nel nostro budget è la 1.0 VTi72 S&S Live a benzina, che costa 11.250 euro. È lunga 3,46 metri, ha 4 posti e un volume minimo del bagagliaio di 196 dm3. Testata nel 2014 da Euro NCAP ha ottenuto 4 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Ha 6 airbag di serie e l’ESC. Disponibile con un solo motore da un litro di cilindrata, 3 cilindri con 72 CV, ha un consumo dichiarato nel ciclo misto di 3,9 l/100 km con 85 g/km di emissioni di CO2. Nata del 2005 da una joint venture tra il Gruppo PSA e Toyota, da allora non ha subito aggiornamenti strutturali. Venduta come 107 da Peugeot e come Aygo dalla casa giapponese, è un’auto prettamente cittadina, con alcune soluzioni tecniche molto economiche.

DR ZERO

La dr Zero è lunga 3,56 metri, ha 4 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 180 dm3. Non è stata sottoposta ai crash test da parte di Euro NCAP, è dotata di serie del controllo della stabilità e del controllo di trazione. Disponibile in sei versioni, di cui tre con alimentazione GPL, con prezzi che oscillano da 8.500 a 10.500 euro. Nella versione base dr Zero 1.0 a benzina è spinta da un 998 cc. 3 cilindri con 69 CV, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 6,1 l/100 km con 142 g/km di emissioni di CO2. Assemblata in Italia la dr Zero è diretta discendente della cinese Chery QQ e si propone come alternativa low cost a molte citycar più blasonate. Dalla sua la dotazione di serie piuttosto completa, ma materiali e finiture non sono di particolare pregio.

FIAT PANDA

Fiat Panda, l’auto più venduta in Italia, è lunga 3,65 metri, ha 4 o 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 225 dm3. Testata nel 2018 da Euro NCAP ha ottenuto il poco lusinghiero risultato di 0 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Con l’ultimo restyling ha comunque beneficiato di un arricchimento della dotazione di serie e adesso l’ESC è presente su tutti gli allestimenti. La versione che rientra nei nostri parametri è la 1.2 69cv S&S E6d-Temp Pop a benzina, spinta da un 4 cilindri con 69 CV, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4,9 l/100 km con 110 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 11.950 euro.

GREAT WALL VOLEEX C20R

Dalla Cina con furore ecco l’utilitaria Great Wall Voleex C20R, interessante alternativa ai ‘soliti noti’ che spopolano sul mercato automobilistico internazionale. Offre un equipaggiamento piuttosto ricco e una carrozzeria piacevole e moderna che strizza l’occhio ai più voluminosi crossover. Con soli 11.485 euro possiamo portarci a casa la versione a benzina 1.5 VVT City, lunga 3,89 metri e con bagagliaio da 330 dm3 in su. Il motore 1.500 cc da 97 CV consuma 7,3 litri di carburante ogni 100 km, con emissioni di CO2 stimate in 168 g/km, quindi oltre i limiti dell’ecotassa. Mai sottoposta a crash test.

HYUNDAI i10

La sudcoreana Hyundai i10 è lunga 3,67 metri, ha 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 252 dm3. Nei crash test Euro NCAP si è comportata discretamente con 4 Stelle per protezione adulti e bambini (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Nella versione rientrante nel nostro budget, la i10 1.0 MPI Advanced a benzina, è spinta da un 3 cilindri con 67 CV, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 5,1 l/100 km con 117 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 10.950 euro. Dopo l’ultimo restyling le finiture interne e gli allestimenti rappresentano un grande salto di qualità rispetto al modello precedente grazie anche all’introduzione di nuovi contenuti multimediali.

KIA PICANTO

Il nostro nuovo consiglio per l’acquisto di un’utilitaria da 10.000 euro o giù di lì riguarda stavolta la Kia Picanto, nella versione 1.0 12V 5p. City a benzina da 11.900 euro. È lunga 3,60 metri, ha 4 posti e 5 porte, con un volume minimo del bagagliaio di 255 dm3. Testata nel 2017 da Euro NCAP ha ottenuto 3 stelle. Il motore è un 1.000 cc a 3 cilindri con potenza da 67 cv e consumi dichiarati nel misto di 4,4 l/100 km. Emissioni di CO2 stimate in 101 g/km di CO2. Linea più grintosa e ricca dotazione tecnologica sono il biglietto da visita dell’ultima generazione della city car asiatica, caratterizzata da un nuovo design più accattivante. Rivisti anche gli interni, sia per quanto concerne il design che la scelta dei materiali. Nuovo pure l’infotainment, che supporta i protocolli di connessione Apple Car Play e Android Auto.

RENAULT TWINGO

La Renault Twingo è un’utilitaria che riscuote un certo successo per chi deve muoversi prevalentemente nel traffico cittadino. I punti di forza sono infatti le ridotte dimensioni, l’agilità di manovra e i consumi molto ridotti. E ovviamente il prezzo di listino: per portarsi a casa il modello base SCe 65 CV Duel servono infatti appena 11.550 euro. La versione più economica della Twingo è spinta da un motore 1000 cc da 65 CV, ha un consumo misto di 4,4 l/km e dichiara 100 g/km di emissioni. Sottoposta a crash test nel 2014, ha ottenuto 4 stelle su 5.

SUZUKI CELERIO

La Suzuki Celerio è lunga 3,60 metri, ha 5 posti, 5 porte e un volume minimo del bagagliaio di 254 dm3. Nel 2014 Euro NCAP ha testato l’auto assegnandole 3 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Ha comunque 4 airbag di serie, l’ESP e il controllo della trazione. La versione 1.0 Dualjet S&S Cool a benzina è equipaggiata con un motore 1.000 di cilindrata, 3 cilindri con 68 CV, ha un consumo dichiarato nel ciclo misto di 3,9 l/100 km con 89 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 11.290 euro. La Celerio si propone come alternativa alle ‘solite’ citycar e dalla sua offre un design gradevole e interessanti contenuti di serie, come la frenata assistita, interni curati e un bagagliaio ai vertici della categoria.

VOLKSWAGEN UP!

La Volkswagen up! è lunga 3,60 metri, ha 4 posti e 3 porte con un volume minimo del bagagliaio di 251 dm3. Testata nel 2019 da Euro NCAP ha ottenuto 3 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video) nonostante i 6 airbag di serie, l’ESC e la dotazione optional della frenata automatica d’emergenza. Nella versione base 1.0 3p. take up! BMT a benzina è spinta da un 3 cilindri 1000 di cilindrata con 60 CV. Il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4,2 l/100 km con 95 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 11.500 euro, e con soli 500 euro in più si può avere la versione a 5 porte 1.0 5p. take up! BMT. La Volkswagen Up! è stata recentemente posta a un restyling che ha riguardato sia l’immagine che i contenuti della vettura. Sulla citycar tedesca adesso è disponibile un moderno sistema di infotainment.

3 commenti

Builddaysis
11:52, 16 marzo 2020

Il prezzo d’attacco e prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle city car piu economiche, performanti e meglio accessoriate.

Romualdo
19:51, 19 maggio 2016

Nissan micra non fa parte del gruppo?

Gabriele
3:33, 11 giugno 2016

@Gregory, grazie della segnalazione, si è trattato di un refuso durante l'aggiornamento della guida all'acquisto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?