Revisioni auto

10 controlli da fare prima della revisione auto

La tua auto è pronta per la revisione? Ecco il decalogo dei controlli da fare prima della revisione auto per affrontare con sicurezza le verifiche tecniche

3 marzo 2022 - 9:29

La revisione auto, regolamentata dall’art. 80 del Nuovo Codice della Strada, è obbligatoria e il suo scopo è quello di permettere la circolazione soltanto ai veicoli efficienti e sicuri. Fino a qualche anno fa la revisione veniva affrontata a cuor leggero e non era raro trovare operatori disponibili a chiudere un occhio su eventuali lacune. Oggi, con l’allineamento alle direttive europee sulla trasmissione di dati tracciabili e grazie all’introduzione del protocollo MCTC net2 dovrebbe essere più difficile truccare le prove. Scopriamo insieme quali sono i 10 controlli da fare alla propria auto per superare la revisione auto con serenità.

Aggiornamento del 3 marzo 2022: miglioramento leggibilità e nuovi contenuti più recenti e utili per i lettori

1. QUANDO FARE LA REVISIONE AUTO E I CONTROLLI PREVENTIVI

Le autovetture devono essere sottoposte a revisione entro 4 anni dalla data di prima immatricolazione e poi ogni 2 anni. Questo vale anche per i veicoli adibiti al trasporto di cose, promiscuo e ad uso speciale con massa a pieno carico non superiore a 3.5 tonnellate. Controllare quindi sul proprio libretto la scadenza della revisione per il proprio veicolo. La sanzione amministrativa per chi circola con un mezzo non in regola con la revisione va da 169 a 679 euro e può essere raddoppiata se la revisione è stata omessa per più di una volta, inoltre viene ritirata la carta di circolazione, la quale sarà restituita soltanto dopo aver superato gli accertamenti tecnici.

2. TARGA LEGGIBILE E NON SCOLORITA

Secondo il nuovo protocollo è fondamentale che le targhe dell’auto siano perfettamente leggibili. Queste vengono infatti fotografate e lette dal software per ricavare dati e specifiche dell’automobile durante i controlli della revisione auto. Quindi è opportuno presentarsi con le targhe pulite, se deteriorate bisognerà provvedere per tempo alla loro sostituzione. Ovviamente sia il numero di targa che quello del telaio dovranno corrispondere a quanto indicato nella carta di circolazione.

3. CONTROLLO FRENI REVISIONE AUTO

Il controllo dell’impianto frenante è il primo test al quale viene sottoposta l’auto durante la revisione. Sarà opportuno controllare lo stato d’usura di dischi e pastiglie (per le auto con freni a tamburo, le ganasce), il livello del liquido freni e verificare che l’azione frenante sia equilibrata e omogenea. Viene sottoposto a controllo anche il freno di stazionamento, quindi va controllata preventivamente anche la sua azione e registrato in officina.

4. NON SI “GIOCA” CON LO STERZO

L’impianto sterzante è una componente fondamentale dell’auto e deve garantire il massimo controllo al guidatore. Bisogna verificare che lo sterzo non abbia un gioco eccessivo, risultando impreciso, che sia perfettamente fissato al piantone e che i cuscinetti delle ruote siano efficienti. Una ruota con un cuscinetto usurato o rotto è facilmente riconoscibile, oltre ad una caratteristica rumorosità durante la marcia, con l’auto sollevata è riscontrabile un gioco della ruota stessa.

5. CONTROLLI VETRI ALLA REVISIONE AUTO 

Altra verifica che viene effettuata in sede di revisione è la visibilità a bordo, la quale deve essere massima. È necessario controllare preventivamente lo stato dei vetri (un parabrezza scheggiato non supera la revisione), il campo visivo non deve essere limitato da adesivi o etichette, gli specchietti devono essere integri e funzionanti, così come devono essere efficienti i tergicristalli e l’impianto lavavetri.

6. FARI EFFICIENTI, MA OMOLOGATI

I fari auto devono essere integri e funzionanti al 100%. Controllate l’efficienza di ogni singola lampadina:

– posizione;

– anabbaglianti;

– abbaglianti;

– indicatori di direzione;

– luci di posizione;

– luci d’arresto;

– retromarcia;

– fendinebbia e retronebbia;

– illuminazione targa;

– luci di segnalazione;

Se i fari anteriori sono eccessivamente opachi o ingialliti la revisione potrebbe avere esito negativo. così come se ci si presenta con un kit di fari allo Xeno aftermarket senza che sia stata aggiornata la carta di circolazione.

7. CHECKUP ALLE GOMME PRIMA DELLA REVISIONE AUTO

Una delle cause principali della bocciatura alla revisione sono gli pneumatici in cattive condizioni. La normativa prevede che:

– devono  avere misure conformi alla carta di circolazione;

– che siano dello stesso tipo su ogni asse;

– privi di lesioni, tagli o danneggiamenti;

altezza del battistrada superiore a 1.6 mm, che è il limite al quale gli pneumatici non sono idonei alla circolazione.

Il controllo preventivo dello spessore, qualora non si disponga dell’apposito strumento o di un calibro, può essere effettuato con una moneta da 1 euro. Una volta inserita in una delle tacche principali della gomma il battistrada deve superare la parte dorata e raggiungere quella argentata. Scopri qui tanti, consigli, info e curiosità nel #SicurEDU su scelta e manutenzione degli pneumatici più adatti.

8. SOSPENSIONI E ASSI

Durante la revisione sono previsti, ma non sempre effettuati, controlli visivi agli organi delle sospensioni e ruote. Un’auto con gli ammortizzatori scarichi, con qualche braccetto deformato o con i semiassi mal ridotti difficilmente supererà i controlli, lo stesso vale per quelle auto, come i fuoristrada, che spesso adottano sospensioni rialzate e modificate.

9. TELAIO IN FORMA

La verifica visiva al telaio serve per riscontrare difetti o danni strutturali, patiti ad esempio a seguito di un incidente, che possano pregiudicare la sicurezza del veicolo. In questa sede sono previste anche altre verifiche:

– condizioni della marmitta;

– del serbatoio e delle tubazioni del carburante;

– supporti della ruota di scorta;

– eventuale gancio di traino, il quale dovrà ovviamente essere omologato.

A proposito di marmitta, in sede di revisione viene effettuato il controllo dei gas di scarico e della rumorosità, se superati i controlli viene rilasciato il Bollino Blu o considerata superata la revisione.

10. CARROZZERIA E ALTRI CONTROLLI ALLA REVISIONE AUTO

Un’auto incidentata o visibilmente danneggiata non supera la revisione. Quindi è necessario provvedere al ripristino di quegli elementi danneggiati che potrebbero inficiare il regolare uso della vettura o rappresentare un pericolo per la sicurezza stradale. Il protocollo di revisione prevede la verifica anche dei cosiddetti “altri equipaggiamenti”:

– si dovrà quindi prestare attenzione alle condizioni del sedile di guida e al suo fissaggio;

– alla solidità dell’alloggiamento della batteria;

– al funzionamento dell’avvisatore acustico;

– alle cinture di sicurezza e alla loro efficienza;

– presenza del triangolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori