Ammortizzatori scarichi: sintomi e diagnosi alla guida

Come accorgersi se gli ammortizzatori auto sono scarichi: ecco i sintomi e le prove per capire se gli ammortizzatori vanno cambiati

29 luglio 2021 - 7:50

Sapevi che già dopo 25 mila km iniziano a manifestarsi i primi sintomi degli ammortizzatori scarichi e usurati? Guidando l’auto tutti i giorni però è difficile che ti renda conto di come cambiano il comfort e la frenata con gli ammortizzatori poco efficienti. La verità è che anche il test di spingere l’auto in giù, molto diffuso tra gli autoriparatori è inutile e nel video qui sotto ti spieghiamo perché. Vuoi sapere come controllare se gli ammortizzatori sono scarichi? Non perderti il video qui sotto e le altre pillole formative per ricambisti, autoriparatori e automobilisti in cui SicurAUTO.it in qualità di Monroe Brand Ambassador spiega tutti i segreti delle tecnologie Monroe e i trucchi sulla manutenzione degli ammortizzatori auto.

DURATA AMMORTIZZATORI AUTO: QUANDO CONTROLLARLI?

Secondo un’indagine Monroe, circa il 20% delle auto circolanti dopo 25.000 km ha ammortizzatori con principi di usura e in media dopo 4 anni il 45% delle auto ha ammortizzatori scarichi. Sapevi che ogni 19 mila km gli ammortizzatori compiono in media 21 milioni di cicli di compressione ed estensione? Un lavoro pazzesco che accelera l’usura degli ammortizzatori quando si percorrono strade con molte buche o a pieno carico. Ecco perché devi controllare gli ammortizzatori almeno ogni 20 mila km e sostituirli al massimo ogni 80 mila km o anche prima se noti i sintomi di cui parliamo al paragrafo successivo.

COME CONTROLLARE GLI AMMORTIZZATORI SCARICHI O RUMOROSI

Uno dei test vecchia scuola prevede di spingere l’auto verso il basso sui 4 angoli della carrozzeria. Ma è una tecnica ormai superata che non aiuta a capire se gli ammortizzatori sono usurati. A meno di trovarsi di fronte a un’auto che si regge solamente sulle molle, non è possibile capire lo stato degli ammortizzatori dal modo con cui si solleva l’auto dopo averla spinta in giù. Invece puoi sicuramente fare questi controlli che ti daranno maggiori indizi sull’usura degli ammortizzatori:

– Verifica se il muso dell’auto si abbassa improvvisamente quando freni e la frenata non è immediata;

– Se il muso si alza in accelerazione, c’è un trasferimento di carico che non viene stabilizzato dagli ammortizzatori e anche la partenza è meno scattante;

– Un’auto con gli ammortizzatori usurati tende ad allargare le traiettorie nelle curve e a perdere aderenza nei cambiamenti di direzione improvvisi;

Il volante oscilla alle alte velocità e richiede continue correzioni;

– Gli pneumatici anteriori sono usurati in modo anomalo;

– Si sentono forti rumori anche per piccole asperità;

Come ti spiega il video in alto un test drive e un controllo sul ponte ti diranno molto di più che spingere sugli angoli della carrozzeria da fermo. Potrai fare anche una valutazione più dettagliata degli interventi con un preventivo più preciso. E ricorda di sostituire sempre anche i kit di protezione e i kit di montaggio con gli ammortizzatori nuovi che puoi approfondire negli altri video!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Smart fortwo EQ vs Smart fortwo: costi di manutenzione a confronto

Toyota C-HR Hybrid vs Toyota C-HR: costi di manutenzione a confronto

Nissan Leaf vs Nissan Pulsar: costi di manutenzione a confronto