Consiglio acquisto citycar con frenata automatica d’emergenza

Nuova guida con i consigli per acquistare una citycar dotata di frenata automatica d'emergenza, di serie oppure optional. Schede, foto, prezzi e crash test.

11 giugno 2019 - 17:20

Dopo avere analizzato vari segmenti e selezionato le migliori offerte in base alla categoria e al prezzo, le guide all’acquisto di SicurAUTO.it proseguono con le citycar equipaggiate con il sistema di frenata automatica d’emergenza o AEB (Autonomus Emergency Brake). Questo dispositivo di sicurezza, che funziona mediante dei sensori e dal 2022 sarà obbligatorio su tutte le nuove automobili, avvisa il conducente di un potenziale pericolo (per esempio un’imminente collisione con ostacoli quali automobili, ciclisti e pedoni) e, in caso di necessità, può rallentare o fermare la vettura in maniera autonoma. Attualmente ci sono in commercio sistemi AEB adatti al traffico cittadino e altri, operativi anche a velocità sostenute, più idonei all’uso extraurbano e lungo le autostrade. Guida aggiornata l’11 giugno 2019.

COME SCEGLIERE L’AUTO GIUSTA

Tutti sappiamo quanto sia difficile scegliere l’auto giusta. Quanti acquirenti hanno optato per un determinato modello senza pensarci troppo, salvo rendersi conto dopo qualche mese di aver sbagliato clamorosamente automobile? A questo proposito vi consigliamo di focalizzare la scelta prima di tutto sulle vostre necessità. A parte il budget, è importante sapere l’uso che si farà dell’auto: casa-lavoro, viaggi, tempo libero, gite offroad? Pensateci bene prima di decidere su quale vettura valga la pena indirizzarsi (e investire). E valutate con attenzione anche altri aspetti, come per esempio il numero di km che pensate di percorrere in un anno. Perché da questo dipende la scelta di un’auto benzina, diesel, gpl o con alimentazione a bassi o bassissimi consumi. Detto questo, leggete con attenzione i parametri da considerare per scegliere l’auto giusta e poi passate alla nostra guida con i consigli per l’acquisto di citycar con frenata automatica d’emergenza.

CITROEN C1

La Citroen C1 è una citycar affidabile e piacevole da guidare, che con la seconda serie è migliorata nelle finiture, nelle dotazioni e nell’elettronica di bordo. Lunga 346 cm, a 3 o 5 porte, accoglie a bordo 4 persone mentre la capacità del bagagliaio non supera i 196 litri. Disponibile con alimentazione a benzina e cambio manuale e automatico. Gli allestimenti della C1 dotati di frenata automatica di emergenza (optional da 600 euro) sono Shine, Urban Ride e Origins, in vendita da 13.500 a 14.400 euro. Montano tutti un motore 1.0 da 72 CV/53 kW, con consumi pari a 4,1 l/100 km e 93 g/km di emissioni di CO2. Il crash test Euro NCAP di Citroen C1 effettuato nel 2014 ha ottenuto 4 stelle su 5.

FIAT PANDA

A 39 anni dal debutto e giunta ormai alla terza generazione, la citycar Fiat Panda non vuole proprio saperne di farsi da parte. E del resto perché dovrebbe, dato che in Italia continua a guidare le classifiche di vendita con ampio margine sulla concorrenza? La Panda misura 365 cm di lunghezza, ha 5 porte, 4 posti e un bagagliaio da 200 litri. È disponibile ad alimentazione benzina, gpl e metano, con motori 0.9 e 1.2 da 69 CV/51 kW. Gli allestimenti Easy e Lounge, in vendita da 12.550 a 17.150 euro, sono equipaggiabili anche con frenata automatica di emergenza (per aggiungerla ci vogliono altri 260 euro). Nel 2018 il crash test di Fiat Panda eseguito da Eur NCAP ha dato come risultato 0/5.

KIA PICANTO

Come la Panda anche Kia Picanto è giunta alla terza generazione, e allo stesso modo della citycar italiana è migliorata dal punto di vista dello spazio di bordo (i 359 cm di lunghezza permettono ai passeggeri posteriori di allungare un po’ le gambe), della versatilità e della capacità di carico (255 litri). La frenata automatica di emergenza è disponibile facoltativamente (con un esborso di 600 euro) su tutti gli allestimenti di Picanto: City, Active, Cool, GT Line e X Line. I prezzi di listino variano da 11.150 a 15.350 euro, mentre per quanto riguarda i motori troviamo un 1.0 benzina da 66 CV/49 kW o da 100 CV/74 kW, e un 1.0 gpl da 65 CV/48 kW. Solo 3 stelle su 5 nel crash test di Kia Picanto del 2017 by Euro NCAP.

PEUGEOT 108

La seconda generazione di Peugeot 108 è una citycar dal look moderno, semplice da parcheggiare in città grazie agli appena 347 cm di lunghezza (anche nella configurazione a 3 porte) e ricca di dotazioni e dettagli ben curati. Il bagagliaio parte da 196 litri. In vendita da 13.480 a 15.180 euro, monta propulsori 1.0 benzina da 72 CV/53 kW con cambio manuale o automatico. Sugli allestimenti Allure, Allure Top!, Collection e GT Line si può avere a 500 euro in più la frenata automatica d’emergenza. Il crash test 2014 di Peugeot 108 a cura di Euro NCAP ha ottenuto il punteggio di 4/5.

SEAT MII

Nonostante le numerose e agguerrite rivali nel segmento delle citycar, la Seat Mii ha conquistato una piccola nicchia di fedelissimi grazie all’avanzata tecnologia di bordo e ai consumi ridotti. Le misure sono molto contenute (è lunga 355 cm, bagagliaio da 251 litri) e il numero massimo di passeggeri non supera le 4 unità. Capitolo motori: la Seat Mii è spinta da un propulsore 1.0 benzina da 60 CV/44 kW, o in alternativa da un 1.0 a metano da 68 CV/50 kW. Prezzo di listino da 11.280 a 15.980 euro, e con 650 euro in più si può avere pure la frenata automatica di emergenza. Euro NCAP ha testato la Seat Mii nel 2011 assegnandole nel crash test il punteggio massimo di 5/5.

SKODA CITIGO

Nell’affollatissimo panorama delle citycar dal 2017 fa la sua discreta figura la nuova versione di Skoda Citigo, nella configurazione a 3 o a 5 porte. In entrambi i casi la lunghezza non cambia ed è di 359 cm, così come il bagagliaio che parte sempre da 25 litri. Disponibile in numerosissime versioni con prezzi da 10.290 a 15.350 euro, propone motori 1.0 benzina da 75 CV/55 kW con cambio manuale o automatico, oppure 1.0 metano da 68 CV/50 kW con cambio solo manuale. La frenata automatica di emergenza è offerta su tutti gli allestimenti con un surplus di spesa di 310 euro. 5/5 il punteggio di Skoda Citigo nel crash test Euro NCAP del 2011.

SMART FORFOUR

Il nuovo modello della Smart Forfour è una citycar gradevole e originale, ovviamente un po’ meno agile della ‘due posti’ ma decisamente più comoda (senza esagerare). È lunga 349 cm, ha 4 posti, 5 porte e una capacità di carico di 185 litri. La frenata automatica di emergenza è di serie sia sull’allestimento Passion che sul Supertech. Per quanto riguarda le motorizzazioni sono tutte a trazione posteriore e alimentate a benzina, quattro delle quali con cambio automatico. I prezzi variano dai 16.271 euro della versione 70 1.0 52kW Superpassion ai 19.696 della 90 0.9 66kW TURBO Supertech Twinamic. Il crash test Euro NCAP di Smart Forfour del 2014 ha ottenuto 4 stelle su 5.

SUZUKI JIMNY

Suzuki Jimny è un fuoristrada con misure da citycar, dato che la lunghezza non supera i 348 cm e il bagagliaio contiene appena 85 litri. Nato per le avventure offroad, si districa molto bene anche nel traffico cittadino grazie alle dimensioni compatte e all’angolo di sterzo. Disponibile in due versioni entrambe a benzina, la 1.5 Top AllGrip 4WD (22.900 euro) e la 1.5 Top AllGrip 4WD auto (24.400 euro), quest’ultima con cambio automatico. Come ogni giapponese che si rispetti, ha di serie la frenata automatica di emergenza. Solo 3/5 il punteggio di Suzuki Jimny nel crash test Euro NCAP del 2018.

TOYOTA AYGO

Toyota Aygo ha fatto un bel salto di qualità rispetto alla prima generazione, migliorando negli interni, nelle dotazioni, nei materiali e nella sicurezza. Utilitaria mignon, misura 346 cm di lunghezza con un bagagliaio da 168 litri. Disponibile in ben otto allestimenti, tutti dotati di frenata automatica d’emergenza di serie. Le varie versioni a nostra disposizione, in vendita da 12.450 a 16.900 euro, montano propulsori 1.0 benzina da 72 CV/53 kW con cambio manuale o automatico. Modesto risultato (3/5) di Toyota Aygo nel crash test Euro NCAP del 2017.

VOLKSWAGEN UP!

3 o 5 porte non fa differenza, la piccola utilitaria Volkswagen Up! misura sempre 360 cm di lunghezza e nonostante questo regala una buona abitabilità a bordo, pure ai passeggeri sui sedili posteriori (ecco, magari evitate di farci accomodare degli spilungoni). Il bagagliaio da 251 litri si difende, in relazione al segmento. Di serie la frenata automatica di emergenza, disponibile su tutti gli allestimenti. Le motorizzazioni prevedono due versioni a benzina 1.0 da 60 CV e tre con alimentazione a metano da 68 CV. I prezzi oscillano da 11.450 a 16.650 euro. Il crash test Euro NCAP del 2011 di Volkswagen Up! Ha totalizzato 5/5.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mercedes spia i clienti? Nella rete i clienti “distratti” delle auto in leasing

Cicalino auto elettriche: cosa dice la norma UN 138 sull’AVAS obbligatorio

Uber, incidenti nei test ogni 15 mila miglia: ex dipendente vuota il sacco