Garanzia auto

Garanzia Tergicristalli auto: come funziona?

I tergicristalli hanno la garanzia? Scopri come chiedere la sostituzione dei tergicristalli in caso di difetti e malfunzionamenti prematuri

2 aprile 2021 - 18:30

Se i tergicristalli low cost smettono di funzionare all’improvviso, reclamate il problema al venditore? Quando si acquistano tergicristalli economici a volte si è spinti dalla curiosità di scoprire quanto realmente possa valere la spesa. Se non funzionano, poi, non resta da fare altro che buttarli via e acquistarne di nuovi, poiché la garanzia legale di un prodotto di consumo è spesso interpretata in modo molto soggettivo in Italia. Un tergicristalli di qualità, invece, racchiude un valore aggiunto che lo accompagna nella fase di ricerca e sviluppo, successivamente nella produzione dei tergicristalli e fino alla garanzia del venditore. In caso di anomalie di funzionamento il cliente può chiedere la sostituzione dei tergicristalli in garanzia, restituendo quelli difettosi, che dal rivenditore, attraverso il grossista, arrivano fino ai laboratori dove vengono analizzati. Scopri come nel video qui sotto.

GARANZIA TERGICRISTALLI E POLITICA RIVOLTA AL CONSUMATORE

Il Codice del Consumo stabilisce che il venditore si faccia carico per due anni verso i clienti privati della riparazione o sostituzione di un prodotto difettoso, inclusi i tergicristalli. Solo le aziende attente al miglioramento dei prodotti, però, permettono ai rivenditori di avere una sostituzione gratuita dei prodotti (rendendo, di fatto, più facile l’applicazione della garanzia nei confronti dei consumatori) e chiedono agli stessi di poter riavere i tergicristalli che per i clienti non hanno funzionato. E’ la politica aziendale che solo i brand più attenti adottano a cascata tramite i grossisti, che forniscono i rivenditori, fino al cliente finale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Durata batterie auto elettriche: minimo 15 anni negli USA dal 2026

Frizione auto: caratteristiche, funzionamento e tipologie più diffuse

Cinghia di distribuzione: quando bisogna sostituirla?