Il sistema di rilevamento incidenti di Apple promosso dai primi test

Il sistema di rilevamento incidenti sviluppato da Apple per i nuovi iPhone 14 e Apple Watch 8 supera i primi test indipendenti

22 settembre 2022 - 19:00

Ad inizio settembre, Apple ha svelato la sua nuova gamma di dispositivi mobili che comprende i nuovi smartphone iPhone 14 ed i nuovi smartwatch Apple Watch Series 8 e Ultra. Questi dispositivi integrano una nuova funzione legata al settore della sicurezza stradale. Come annunciato dalla casa di Cupertino in fase di presentazione, i nuovi iPhone e Apple Watch sono in grado di rilevare incidenti e chiamare i soccorsi. Questa funzionalità sfrutta i dati raccolti dai sensori integrati nei dispositivi e un algoritmo specifico. I dati vengono analizzati in locale (quindi senza bisogno di un collegamento ad Internet). Il sistema di rilevamento incidenti di Apple può, quindi, richiedere soccorso in automatico nel caso in cui i dati elaborati suggerissero un avvenuto sinistro stradale. Un primo test indipendente, apparso online in queste ore, premia il sistema di rilevamento incidenti di Apple.

COME FUNZIONA IL SISTEMA DI RILEVAMENTO INCIDENTI DI APPLE

I nuovi iPhone 14 ed Apple Watch 8 e Ultra sono in grado di rilevare in automatico un sinistro stradale grazie alla nuova funzione “crash detection”. Il sistema di rilevamento incidenti stradali di Apple si basa sui dati raccolti in tempo reale dal GPS, dal barometro e dal microfono, in grado di rilevare i suoni tipici di un sinistro stradale. Gli Apple Watch aggiungono dati dal giroscopio e dall’accelerometro per completare il set di informazioni da elaborare. Il software (iOS 16 per gli iPhone e watchOS 9 per gli Apple Watch) include un algoritmo in grado di elaborare tutti i dati raccolti dai sensori per identificare un possibile sinistro stradale della vettura su cui viaggiava l’utente. Il dispositivo, in caso di rilevamento di un sinistro, chiederà una conferma all’utente. In caso di mancata risposta entro 10 secondi, in automatico, partirà la richiesta di soccorso e la segnalazione di avvenuto incidente. Apple, che ha recentemente rinnovato CarPlay, con questa nuova funzione rinnova l’impegno nella sicurezza stradale. L’azienda, già in passato, ha brevettato soluzioni per la sicurezza in auto.

IL TEST CHE METTE ALLA PROVA IL SISTEMA DI RILEVAMENTO INCIDENTI DI APPLE WATCH E IPHONE 14

Il primo test per mettere alla prova il sistema di rilevamento incidenti di Apple è stato realizzato dal canale YouTube TechRax. Non si tratta, quindi, di un test scientifico o di una prova realizzata da un ente specializzato. Ci troviamo di fronte ad un vero e proprio esperimento. Nel test, infatti, un iPhone 14 e la funzione crash detection vengono messi alla prova in un contesto reale. Gli autori del test, infatti, hanno ricreato alcuni incidenti con una vettura guidata da remoto che viene coinvolta in collisioni frontali con altri veicoli. Il test completo è disponibile nel video allegato di seguito.

COME SI COMPORTA IL SISTEMA DI RILEVAMENTO INCIDIENTI DI APPLE NEL TEST

La prova a cui è stato sottoposto il test di rilevamento incidenti di Apple si è conclusa in modo positivo. In caso di impatto leggero, infatti, il crash detection non si attiva. Se, però, la collisione ha un’intensità maggiore lo smartphone attiva in automatico il meccanismo inviando la notifica di rilevamento incidente e chiedendo all’utente una conferma tramite una notifica particolarmente rumorosa. Dal momento della prima segnalazione, l’utente ha 10 secondi di tempo per bloccare la chiamata automatica di soccorsi. Nel caso in cui la notifica non venga disattivata (ad esempio perché l’utente non è in grado di interagire con il dispositivo a seguito del sinistro) lo smartphone avvierà in automatico la chiamata. Chiaramente, per una valutazione più precisa dell’effettiva validità del sistema di rilevamento incidenti di Apple in vari contesti di utilizzo sarà necessario un approfondimento più dettagliato e scientifico. L’esperimento di TechRax, però, ci fornisce una prima conferma della bontà del progetto di Apple. Il crash detection può essere un alleato degli automobilisti per aumentare la sicurezza e garantire l’arrivo rapido di soccorsi dopo un incidente.

QUALI DISPOSITIVI POSSONO CONTARE SUL SISTEMA DI RILEVAMENTO INCIDENTI SVILUPPATO DA APPLE

Il sistema di crash detection sviluppato da Apple è, per il momento, un’esclusiva degli ultimi dispositivi lanciati dalla casa americana. Per poter sfruttare il crash detection è necessario avere a disposizione uno dei seguenti modelli:

– iPhone 14, 14 Plus, 14 Pro e 14 Pro Max

– Apple Watch Series 8, Ultra, SE 2022

Il sistema di rilevamento incidenti di Apple non arriverà su dispositivi precedenti a quelli indicati nell’elenco. In futuro, invece, il sistema sarà quasi certamente integrato nelle prossime generazioni di iPhone e Apple Watch che la casa di Cupertino realizzerà nei prossimi anni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo