Richiamo Volkswagen: i problemi ai motori diesel dopo l'aggiornamento

Un rapporto dei clienti Volkswagen rivela che l'aggiornamento ai motori del dieselgate non sarebbe perfetto e creerebbe non pochi problemi

20 aprile 2017 - 17:51

Siamo pronti a scommettere che più di qualcuno si sarà fatto questa domanda: se il fix di Volkswagen (leggi del fix per il diesel Volkswagen 1.2 TDi) quadra il cerchio di regolarizzare le emissioni salvando le prestazioni, perché non produrre direttamente così, ossia con quel software di controllo, i motori TDi? Se la risposta è portata dal vento, le domande si moltiplicano sulla scorta di nuove notizie, alcune clamorose come quella che narra di un nutrito gruppo di automobilisti del Regno Unito che ha preparato un dossier sui malfunzionamenti delle loro auto Volkswagen dopo il fix.

 

=>Att.ne!!! invitiamo tutti i nostri lettori che lamentano problemi post-aggiornamento ai motori del dieselgate a raccontare la loro esperienza nella discussione appositamente creata sul nostro forum e che trovate a questo indirizzo -> [Richiamo Volkswagen e dieselgate] problemi ai motori diesel dopo l'aggiornamento

AZIONE DI GRUPPO L'iniziativa del Forum Volkswagen diesel customer è quasi clamorosa ed è partita dalla pubblicazione on line, avvenuta intorno alla metà di marzo, di un questionario riguardo le eventuali conseguenze sperimentate dopo l'aggiornamento che Volkswagen ha messo a punto per rimediare al dieselgate. In pochi giorni sono state raccolte le informazioni di centinaia di automobilisti e la cosa ha consentito ad una delegazione del Forum di consegnare un corposo dossier di lamentele al Transport Select Committee inglese. I 3 amministratori del Forum, che è in rapida crescita e che rappresenta i proprietari di VW, Audi, Skoda e Seat che hanno riscontrato problemi dopo il richiamo, si sono incontrati con Louise Ellman, presidente del Committee.

La relazione sembra evidenziare una gestione del richiamo perfezionabile ed un fix che avrebbe inficiato le prestazioni e addirittura compromesso l'affidabilità dei veicoli.

COMPONENTI TROPPO SOLLECITATi? Il report evidenzia che i problemi riscontrati dai proprietari sono numerosi e, in alcuni casi, ricorrenti come un'alta percentuale di guasti alla valvola EGR. Fra le lamentele post-aggiornamento più comuni si segnalano un decadimento delle prestazioni, un aumento della frequenza delle procedure di rigenerazione del filtro antiparticolato (DPF) e delle sue avarie, peggioramento dei consumi e motori che entrano in Limp Mode, ossia in una modalità a potenza ridotta a seguito di condizioni di funzionamento anormali. Il Forum, oltre a recapitare il dossier alle Autorità, lo ha anche inviato a Paul Willis, Amministratore Delegato di Volkswagen Group UK, che nega un legame fra questi guasti meccanici e il richiamo. Le sue lettere ribadiscono le affermazioni secondo le quali i fix sono stati approvati dalla KBA e testati estesamente in modo che non inficiassero le prestazioni, il consumo di carburante, le emissioni di CO2, la coppia massima e il rumore. La lettera che Willis ha inviato al Transport Select Committee è in allegato.

FIX GRATUITO, RIPARAZIONI SALATE Il Forum, che ha più di 1000 membri, è stato, a detta dei suoi amministratori, “inondato” di lamentele da parte dei proprietari, con sporadiche segnalazioni di trattamenti non proprio gentili da parte dei service uffciali. Le recriminazioni parlano anche di molti guasti meccanici evidenziatisi quasi immediatamente dopo aver effettuato gli aggiornamenti, rotture arrivate a costare fino a 2 mila sterline. C'è stato anche un automobilista che ha collegato uno scanner Bluetooth alla presa OBD della sua Passat 2.0 TDi DSG RLine per misurare le condizioni di funzionamento della valvola EGR e del DPF. Il signore in questione era al corrente che diminuire gli NOx si traduce quasi inevitabilmente in un aumento del particolato (leggi come cambiano le norme sulle emissioni passando da Euro 5 a Euro 6), a meno di avere a bordo il sistema SCR; la sua auto ne era comunque priva. Le sue misurazioni sono iniziate nell'agosto del 2016 e sono proseguite anche dopo il richiamo, avvenuto nel dicembre dello stesso anno.

Dopo l'applicazione del fix la valvola EGR è stata mediamente più “aperta” e il filtro DPF ha incamerato più particolato nello stesso periodo di tempo, cosa che ha portato ad un aumento della frequenza delle rigenerazioni. La misura su una singola auto, eseguita da un privato con strumenti non certificati (leggi quanto è affidabile la diagnosi OBD Bluetooth low cost) va presa ovviamente con le molle. Rimane il fatto che i guasti sono stati ricorrenti e i malfunzionamenti si sono manifestati piuttosto rapidamente: le percentuali delle segnalazioni entro le 2 settimane dopo il fix sono del 72,2%, cosa che toglie forza all'obiezione “chissà quanta manutenzione e quanti km sono stati fatti dopo il richiamo” (leggi dei test svedesi che accusano Volkswagen per l'aggiornamento). Se aggiungiamo che altri test hanno dato risultati deludenti dopo l'aggiornamento si capisce bene che il dieselgate riserverà altri colpi di scena.

24 commenti

enrico
16:39, 17 giugno 2018

sto' nutrendo seri dubbi sulla riuscita dell'intervento diesel EA189, il presente scenario mi conferma di rinunciare x non cadere dalla padella alla brace ardente….

Giovanni
14:47, 1 settembre 2017

Dopo aver fatto l'aggiornamento del dieselgate alla mia passat 1.6 del 2011 con 99000km inizia a darmi problemi con le ventole di raffreddamento e a volte manca di potenza nella partenza loro mi dicono che è normale e devo percorrere un 1000km per far assestare tutto….all'improvviso non mi si accende più l'auto ce la porto e mi danno un preventivo di 2.083.36? per sostituire la centralina motore e se ne sono lavati le mani

Giuseppe
11:12, 23 settembre 2017

Buon giorno. Ho un Tiguan 2.0 140 cavalli del 2011.
Stesso danno dopo “l'aggiornamento” per i gas di scarico.
Prima mai avuto nessun tipo di problema, dopo l'aggiornamento ogni tre settimane spia del fap accesa e proprio ieri appena avviato il motore accese e auto andata in recovery.
Mi sono recato in un officina autorizzata VW e mi hanno detto che devo sostituire il radiatore del raffreddamento dei gas di scarico!
690? di spesa!
Ora voglio dire….MA STAREMO SCHERZANDO!!!
Prima mai problemi e adesso un calvario!
Bisognerebbe fare una class action da parte di tutti gli utenti Italiani contro la Volkswagen per questo problema che evidentemente ha colpito tutti i possessori delle vetture coinvolte nell'aggiornamento.
Ho sempre comprato e difeso i loro prodotti e la loro serietà, ora purtroppo mi devo ricredere e sicuramente NON acquisterò mai più una Volkswagen!

ALEX
22:42, 20 ottobre 2017

ladri,delincuenti ,nel mio caso un preventivo di quasi 5400Euro

Marco
11:14, 31 ottobre 2017

Buongiorno,
un audi A3 del 2010 con motore EA189 unità interessata dal dieselgate, attualmente l'auto ha circa 199000 km.

Ho ricevuto lettera di richiamo per far eseguire la “correzione” della centralina e a febbraio di quest'anno (a circa 177000 km), in occasione dell'ultimo tagliando e ho purtroppo fatto eseguire l'attività di “correzione”. Il concessionario mi ha informato sul fatto che l'intervento consisteva solo nella cancellazione del software che si accorgeva del fatto di essere sotto test e truccava le emissioni, il risultato invece è stato una completa rimappatura della centralina con conseguente variazione dei comportamenti del motore, diversamente da quanto indicato da KBA.

Da subito si sono manifestati:

Rumorosità aumentata.
Da fredda è come se “battesse in testa” alla prima accelerazione, un rumore simile rimane anche da calda come se ci fosse un anticipo degli iniettori.
La coppia ai bassi regimi pare sensibilmente aumentata
Si percepisce un “buco” in accelerazione intorno ai 1200 giri/min
Rigenerazione del FAP fissa ad intervalli di 200 km
Rumorosità in spegnimento, fa come un borbottìo, la sensazione è quella del motore che fa dei giri oltre lo spegnimento

Tornando al concessionario, dove avevo fatto eseguire l'operazione qualche settimana prima, evidenziando le variazioni rispetto al comportamento prima della rimappatura, mi hanno detto che tutto è nella normalità e che il borbottio in spegnimento potrebbe dipendere da un problema al volano, anche se si è menifestato subito dopo la rimapatura.

Ho chiamato due volte il customer care di Audi per trovare una soluzione, ma non mi sono stati di aiuto e sono stato solo invitato a tornare ancora in concessionario a far verificare di nuovo l'auto.

Cercando in rete ho trovato diversi professionisti che, a pagamento, potrebbero ripristinare la mappatura originale, operazione che non è contemplata da Audi in quanto (cito informazione fornita dal concessionario) “il tester che usano per agire sulle centraline non permette certe operazioni”.

Non escludo, come ultima spiaggia, di valutare un'azione legale per venire a capo della questione.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tariffe taxi da e per gli aeroporti

Tariffe taxi da e per gli aeroporti: quanto si paga in Italia

Auto elettriche e SUV: perché il costo dell’assicurazione è più alto

Tutor autostrade 2019

Tutor autostrade 2019: mappa dispositivi da riattivare o già attivi