Guidare in Olanda: limiti, norme e consigli

Scopri tutte le norme, i consigli e i limiti del codice della strada olandese per guidare in Olanda in tutta sicurezza e senza prendere multe

27 luglio 2022 - 9:00

Il viaggio tra i codici stradali europei approda questa volta in Olanda, il Paese dei Mulini a Vento è meta molto popolare per i turisti italiani. Le attrattive turistiche sono tante e la posizione del Paese, incastonato, tra Belgio e Germania (qui trovi le regole della guida in Belgio e qui le regole della guida in Germania), lo rende una tappa frequente di chi compie un tour delle capitali europee. Ecco limiti, norme e consigli per evitare multe alla guida in Olanda.

Aggiornamento del 27 luglio 2022: le nuove regole sul Green Pass per i viaggi in Olanda

GUIDARE IN OLANDA: I LIMITI DI VELOCITÀ

Nei centri abitati olandesi il limite di velocità in Olanda è di 50 km/h, ma in molte aree urbane vige il limite dei 30 km/h. Mentre fuori dai centri abitati:

– sulle strade extra urbane la velocità massima consentita è di 80 o 100 km/h;

– in autostrada i limiti possono variare tra 100, 120 e 130 km/h.

È bene ricordare che lungo numerosi tratti autostradali sono in funzione i Tutor per la rilevazione della velocità media lungo un dato tragitto.

LIMITI ALCOL AL VOLANTE E GUIDA IN OLANDA

Il limite di alcol al volante in Olanda è di 0.05% (0,5 g/l), quindi allineato alla media degli altri Paesi europei. Per i neopatentati il limite si riduce allo 0,02% e vale per chi ha la patente di guida da meno di 5 anni. In Olanda i controlli del tasso alcolemico sono frequenti e può essere richiesto anche un prelievo di sangue. In caso di infrazione dei limiti è prevista la confisca del mezzo.

GUIDARE IN OLANDA SOTTO EFFETTO DI DROGHE E PSICOFARMACI

Nei Paesi Bassi è risaputo che sono state legalizzate le droghe leggere e la normativa locale ne regola le modalità e luoghi per il consumo. Ovviamente è proibito guidare in Olanda sotto l’effetto di qualunque tipologia di stupefacente e di sostanze psicotrope.

PAGAMENTO MULTA IN OLANDA

Come in numerosi altri Paesi della UE, il pagamento delle multe in Olanda può avvenire al momento della contestazione stessa dell’infrazione. Nel caso di guidatori provenienti da altre nazioni la possibilità che ciò accada è alta. Se l’infrazione contestata è il superamento dei limiti di velocità è prevista la confisca del veicolo.

GUIDARE IN OLANDA CON ANIMALI A BORDO

L’ingresso di animali da altre nazioni è consentito a patto che gli animali siano accompagnati da Passaporto Europeo nel quale sia specificata la vaccinazione antirabbica. Per guidare in Olanda con animali al seguito, come negli altri Paesi europei è necessario che siano dotati di microchip o tatuaggio leggibile.

OBBLIGO CINTURE DI SICUREZZA E SEGGIOLINI IN OLANDA

L’uso delle cinture di sicurezza per guidare in Olanda è obbligatorio e vale sia per i sedili anteriori che posteriori. Tutti i passeggeri di età inferiore a 18 anni e di altezza inferiore a 135 centimetri devono essere assicurati a idonei seggiolini o rialzi omologati e conformi alle norme ECE 44/03 o 44/04. I bambini di età inferiore a 3 anni devono essere collocati in seggiolini adatti alla loro taglia e conformi alle norme sopra citate.

ULTERIORI CONSIGLI PER GUIDARE IN OLANDA

La dotazione di sicurezza minima per guidare in Olanda  prevede:

– il triangolo come prescrizione obbligatoria.

Sono invece raccomandati:

– gilet ad alta visibilità;

estintore portatile;

kit di primo soccorso.

In caso di nebbia, forte pioggia o nevicata possono essere utilizzate le luci fendinebbia assieme alle luci di posizione. Dal 20 giugno 2022 per l’ingresso in Olanda non è più richiesta l’esibizione di alcuna documentazione relativa a vaccinazione, guarigione o tamponi. Puoi trovare le info aggiornate sulla circolazione in Olanda sul sito Viaggiare Sicuri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche: in Germania il crollo peggiore di tutta l’Europa

Noleggio autobus con autista: servizi, prezzi e preventivo gratis

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023