Strisce blu Telepass

Strisce blu: come pagare la sosta con Telepass (e ottenere il cashback)

Parcheggio nelle strisce blu: come pagare la sosta con l'app di Telepass nelle città italiane che hanno attivato il servizio

7 giugno 2022 - 16:30

Chi ha il Telepass non usufruisce soltanto del comodo telepedaggio autostradale ma, in base al tipo di contratto scelto, può beneficiare di ulteriori servizi a cominciare dal pagamento automatico delle strisce blu, senza la necessità di ricorrere ai parchimetri o ad altre app. Scopriamo, passo dopo passo, come si paga la sosta nelle strisce blu con il Telepass.

Aggiornamento del 28 settembre 2022 con informazioni sul 15% di cashback in caso di pagamento della sosta su strisce blu effettuato tramite Telepass.

STRISCE BLU DI TELEPASS: COME ATTIVARE IL SERVIZIO

Per utilizzare il servizio Strisce Blu di Telepass occorre scaricare l’app Telepass oppure l’app Telepass Pay X e attivare una delle offerte Telepass Easy (2 euro al mese), Telepass Plus (3,00 euro al mese, per chi si abbona fino al 31/10/2022 i primi 12 mesi sono gratis) o Telepass Pay X (3,00 euro al mese, chi si abbona entro il 31/12/2022 ha zero canone per 2 anni).

La procedura è valida sia per i nuovi clienti che per i clienti Telepass Base (contratto Telepass Family), i quali devono solamente effettuare l’upgrade attivando una delle offerte descritte prima. Ovviamente gli attuali clienti con contratto Easy, Plus o Pay X già dispongono del servizio Strisce Blu di Telepass.

STRISCE BLU DI TELEPASS: COME PAGARE LA SOSTA

Una volta attivato il servizio, pagare la sosta nelle strisce blu con il Telepass è molto semplice. Ecco la procedura step by step:

– dall’app bisogna selezionare il servizio Strisce Blu;

– occorre poi geolocalizzarsi per il rilevamento automatico della posizione o, in alternativa, selezionare la zona o inserire l’indirizzo manualmente;

– quindi scegliere o inserire la targa del veicolo in sosta;

– infine impostare la durata della sosta o attivare la funzionalità ‘sosta senza limiti‘, attraverso cui il cliente avvia la sosta senza impostare l’orario in cui riprenderà l’auto, interrompendola quando vuole. In aggiunta è possibile impostare tagli orari predefiniti (p.es. 30 minuti, 1 ora, ecc.) mantenendo la possibilità di interrompere la sosta in anticipo e secondo le proprie necessità.

Per dimostrare di aver pagato la sosta con l’app di Telepass è necessario esporre l’apposito tagliando sul parabrezza dell’auto. Il tagliando si può scaricare qui. Tuttavia in alcuni Comuni l’esposizione non è vincolante perché gli ausiliari della sosta sono dotati di un palmare attraverso cui, digitando la targa del veicolo, verificano in tempo reale la regolarità del pagamento. I Comuni che invece richiedono l’obbligo di esporre il tagliando Telepass sul parabrezza sono specificatamente segnalati sull’app.

10 minuti prima della scadenza della sosta si riceverà un alert che consentirà di prolungare o terminare la sosta pagando l’effettivo utilizzo. L’importo della sosta verrà addebitato direttamente sul conto di pagamento del Telepass. In ogni caso l’app permette sempre di visualizzare l’anteprima del costo del parcheggio prima di avviare la sosta.

STRISCE BLU: CASHBACK PER IL PAGAMENTO CON TELEPASS

Dal 1° ottobre al 31 dicembre 2022, i nuovi clienti Telepass riceveranno il 15% di cashback sul pagamento della sosta su strisce blu effettuato tramite app. Chi è già cliente Telepass, invece, potrà beneficiare del cashback del 5%.

IN QUALI COMUNI È ATTIVO IL SERVIZIO STRISCE BLU CON TELEPASS?

Di seguito riportiamo, regione per regione, l’elenco dei Comuni italiani presso cui è possibile pagare la sosta nelle strisce blu con l’app di Telepass. L’elenco è aggiornato al 7/6/2022 e dunque può essere leggermente variato.

Valle d’Aosta

Aosta.

Piemonte

Torino
Alagna Valsesia
Alba
Alessandria
Arona
Biella
Chivasso
Domodossola
Gattinara
Nizza Monferrato
Rivoli
Settimo Torinese
Stresa
Venaria Reale.

Liguria

Genova
La Spezia
Portovenere
Sanremo
Sestri Levante
Varazze.

Lombardia

Milano
Alzano Lombardo
Appiano Gentile
Barzio
Bergamo
Brescia
Busto Arsizio
Casei Gerola
Cernobbio
Codogno
Cremona
Gallarate
Gorgonzola
Lecco
Legnano
Lodi
Magenta
Melegnano
Montevecchia
Monza
Mortara
Pavia
Pero
Romano di Lombardia
Salice Terme
Sant’Angelo Lodigiano
Saronno
Seriate
Sesto Calende
Sirmione
Varese
Voghera.

Trentino Alto Adige

Bolzano
Brunico.

Veneto

Auronzo di Cadore
Belluno
Bussolengo
Cortina d’Ampezzo
Dolo
Padova
San Donà di Piave
Verona.

Friuli Venezia Giulia

Monfalcone.

Emilia Romagna

Bologna
Bagnacavallo
Castel San Pietro
Cattolica
Cesena
Cesenatico
Ferrara
Forlì
Gatteo
Imola
Modena.

Toscana

Firenze
Arezzo
Camaiore
Cecina
Forte dei Marmi
Lido di Camaiore
Livorno
Lucca
Montecatini Terme
Pisa
Pitigliano
Pontedera
Viareggio.

Umbria

Terni.

Marche

Ancona
Sirolo.

Lazio

Roma
Campagnano di Roma
Caprarola
Cassino
Castel Gandolfo
Ciampino
Fiumicino
Formia
Frascati
Ladispoli
Magliano Sabina
Montecompatri
Pomezia.

Campania

Napoli
Agropoli
Angri
Ascea
Aversa
Battipaglia
Casapulla
Caserta
Castellammare di Stabia
Centola Palinuro
Eboli
Ercolano
Grumo Nevano
Ischia
Maiori
Marigliano
Meta
Ottaviano
Poggiomarino
Pomigliano d’Arco
Pompei
Portici
Salerno
San Giorgio a Cremano
Sant’Anastasia
Scafati
Somma Vesuviana
Torre del Greco.

Molise

Isernia
Termoli.

Puglia

Bari
Andria
Bisceglie
Brindisi
Canosa di Puglia
Lecce
Polignano a Mare
Ruvo di Puglia
Taranto
Trani.

Calabria

Catanzaro.

Sicilia

Palermo
Catania
Marsala
Messina
Sciacca.

Sardegna

Castelsardo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove: il prezzo giusto per gli italiani è sino a 30 mila euro

UNECE: nel 2023 due nuovi regolamenti per la sicurezza dei pedoni

stellantis modello distribuzione europa

Stellantis: le auto a basse emissioni più vendute in Italia nel 2022