Dopo il lavaggio del veicolo è opportuno eseguire una prova di frenata?

Importante: dopo il lavaggio del veicolo è opportuno eseguire una prova di frenata? La risposta è sì perché l'acqua nei freni potrebbe comprometterne l'efficacia

2 marzo 2021 - 16:00

Perché dopo il lavaggio del veicolo è opportuno eseguire una prova di frenata? Tra le numerose cautele che i conducenti, specie quelli meno esperti, devono adottare nell’uso dei freni, c’è pure quella relativa alla fase post-lavaggio della vettura, quando l’intero sistema frenante potrebbe risultare ancora umido se non completamente bagnato (infatti può capitare anche dopo un temporale). Col rischio, oltre ad emettere un fastidioso rumore simile a un fischio, di diminuire la propria efficacia. Vediamo cosa fare.

FRENI AUTO POCO EFFICIENTI O SQUILIBRATI: LE CAUSE PRINCIPALI

Prima di rispondere al quesito sullo stato dei freni dopo il lavaggio dell’auto ricordiamo brevemente le cause principali di una frenatura poco efficiente o squilibrata, situazione che va risolta nel minor tempo possibile per compromettere la sicurezza del veicolo:

– consumo o eccessivo riscaldamento delle guarnizioni frenanti;

– consumo irregolare dei tamburi o dei dischi;

– carico eccessivo o mal ripartito;

– differente pressione di gonfiaggio degli pneumatici dello stesso asse;

– presenza di aria o vapore nel circuito frenante idraulico;

– surriscaldamento dovuto a uso prolungato e ripetuto dei freni.

Una frenatura squilibrata può inoltre comportare che, in frenata, si blocchino soltanto le ruote di un lato e che, di conseguenza, il veicolo sbandi dirigendosi verso il lato della ruota che si blocca per prima. Senza dimenticare che con freni squilibrati, è solita manifestarsi anche una usura irregolare e non omogenea dei battistrada.

DOPO IL LAVAGGIO DEL VEICOLO È OPPORTUNO ESEGUIRE UNA PROVA DI FRENATA?

La risposta è sì: dopo il lavaggio del veicolo è opportuno eseguire una prova di frenata perché i freni si sono bagnati, e lo stesso accade quando si attraversano tratti di strada allagati o si lascia l’auto per ore sotto una forte pioggia. L’acqua penetrata nel sistema frenante potrebbe infatti pregiudicarne l’efficacia, almeno inizialmente, tuttavia la soluzione è semplice: per ovviare basta fare due o tre frenate abbastanza decise, in modo da scaldare i freni e far evaporare l’acqua. Oppure percorrere un centinaio di metri con il freno solo leggermente premuto. Se non ci sono problemi di altro tipo l’efficacia dei freni dell’auto dovrebbe tornare immediatamente al top.

ALTRI CONSIGLI PER MANTENERE I FRENI IN ORDINE

Attenzione: al minimo accenno di allungamento dello spazio di frenata, o di sbandamento o di  rumori ‘strani’ in frenata, occorre far subito verificare il sistema frenante. Alcune vetture sono dotate di una spia luminosa che si accende sul cruscotto quando le pastiglie sono consumate: a quel punto è necessario sostituirle subito. È importante anche il controllo del livello del liquido dei freni, nell’apposito serbatoio. Anche per esso talvolta esiste un’apposita spia luminosa, ma occhio a non confidare solo sulle spie che potrebbero rivelarsi malfunzionanti. Una verifica dei freni (pastiglie e livello liquido) è indispensabile almeno ogni 20.000 km, e ad intervalli anche minori se si circola prevalentemente in città, dove i freni sono maggiormente soggetti a usura. Importante: anche il freno ha bisogno di un periodo di ‘rodaggio’ e stabilizzazione dopo la sostituzione di pastiglie o dischi, e quindi per un centinaio di km è meglio guidare con più prudenza del solito.

Per quanto riguarda invece il freno a mano, se tirandolo si sente che la corsa della leva è troppo lunga (in genere, dovrebbe bloccarsi non oltre il quinto o sesto scatto) o che oppone scarsa resistenza, bisogna farlo controllare il prima possibile: potrebbe infatti essersi rotto o allentato il tirante, o potrebbero essere consumati i freni posteriori. Le conseguenze di un’eventuale rottura del freno a mano sono facilmente immaginabili…

Ultimo accorgimento: quando si parcheggia in salita o in discesa, oltre al freno a mano è consigliabile inserire la prima marcia. Prima di inserire il freno a mano, pigiare a fondo il pedale del freno e poi tirare la leva fino al massimo. In questo modo la tiranteria si sollecita di meno e il bloccaggio è assicurato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Divieto di fermata

Divieto di fermata: cartello, multa e rimozione

Costo Multe in Germania: dal 2021 aumentano fino al doppio

Motorizzazione Brescia: contatti, indirizzo e come raggiungerla