Rodaggio freni nuovi: come si fa e perché è consigliato

Perché è utile il rodaggio dei freni nuovi e cosa succede durante le prime frenate: procedura e consigli su come rodare le pastiglie e i dischi

14 agosto 2020 - 13:00

Il rodaggio dei freni e come rodare le pastiglie dei freni sono due degli argomenti più controversi e discussi tra gli appassionati. C’è chi è convinto che con le pastiglie nuove bisogna frenare meno possibile (pericoloso) e chi non presta alcuna attenzione a come fare il rodaggio dei freni nuovi. In questo approfondimento faremo chiarezza su quando è consigliato fare il rodaggio e come si fa con i consigli degli esperti.

RODAGGIO FRENI E PASTIGLIE GIA’ “RODATE”: COSA CAMBIA?

Intanto bisogna chiarire che fare il rodaggio ai freni per non “bruciare” le pastiglie appartiene un po’ alle credenze popolari, ormai superate. Il motivo principale è che la maggior parte delle pastiglie durante la produzione ricevono un trattamento che scotta la superficie (Scorching) proprio per agevolare l’adesione al nuovo disco dopo il montaggio. Ma allora è inutile fare il rodaggio dei freni nuovi? Non proprio, secondo i consigli di uno dei maggiori produttori di pastiglie. Prima di vedere come fare il rodaggio delle pastiglie nuove vediamo quindi perché è utile farlo e cosa succede durante le prime frenate con dischi e pastiglie nuovi. Ma prima guarda il video qui sotto per scoprire come vengono prodotte le pastiglie dei freni.

PASTIGLIE NUOVE: PERCHE’ LE PRIME FRENATE SONO MENO EFFICACI?

Durante le frenate l’auto rallenta per l’attrito che si genera tra la superficie del disco e il materiale d’attrito delle pastiglie. Questo attrito in realtà si suddivide in due tipologie:

l’attrito abrasivo che, con la formazione di calore, rompe microscopiche particelle di materiale delle superfici a contatto. In genere le pastiglie cedono prima all’usura rispetto ai dischi poiché una parte di polvere frenante si disperde o si attacca ai cerchi. Un’altra piccola parte, quella non visibile a occhio nudo, si attacca alla superficie del disco. E qui entra in gioco l’attrito aderente;

l’attrito aderente si instaura quando la pastiglia trasferisce uno strato molto sottile e uniforme di materiale d’attrito al disco. E’ il processo chiamato “Bedding-in” (letteralmente, assestamento) responsabile di una frenata migliore fino al 20%, poiché l’adesione avviene tra materiali con le stesse caratteristiche, anche se in realtà il disco è di acciaio. È un po’ come accade con le gomme invernali, che catturano la neve con le lamelle per migliorare il contatto con lo strato di neve sull’asfalto.

COME FARE IL RODAGGIO DI DISCHI E PASTIGLIE NUOVI

La procedura di rodaggio dei freni è utile da fare soprattutto dopo il montaggio di dischi e pastiglie nuovi, per agevolare il processo di assestamento tra pastiglie e dischi. Normalmente è una procedura di cui si occupa già l’officina, ma non è sempre scontato: per sicurezza chiedete sempre spiegazioni al ritiro dell’auto. Se invece volete sapere come fare il rodaggio di dischi e pastiglie nuovi, le indicazioni degli esperti sono piuttosto semplici da seguire. Ma fatelo su una strada isolata e con estrema attenzione al traffico e senza arrecare ostacolo agli altri:

– l’auto deve essere guidata a una velocità moderata (non oltre 50 km/h);

– i freni devono essere azionati gradualmente per 8-10 volte senza mai fermarsi del tutto, con qualche minuto di pausa tra un azionamento e il successivo;

l’utilizzo dei freni deve comunque essere graduale per qualche centinaio di km, al fine di uniformare lo strato di adesione tra disco e pastiglie.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Caricabatteria auto: quanti tipi e quale scegliere

Sensore MAP motore auto: cos’è e come funziona

Batteria senza manutenzione e Bassa manutenzione: cosa cambia?