Regolazione freno a mano meccanico: come si fa

La regolazione del freno a mano meccanico è automatica, ma spesso serve registrarlo: ecco come regolare il gioco della leva freno a mano e i casi in cui è necessario farlo

4 agosto 2020 - 13:00

La regolazione del freno a mano è un’operazione che si fa raramente, ma quando necessario può essere utile sapere come regolare il freno a mano. È un’operazione piuttosto semplice, ma vi consigliamo comunque di rivolgervi in officina per la vostra sicurezza e un controllo ai freni approfondito. Non sempre infatti la corsa lunga della leva del freno a mano è causata dal gioco da registrare. Vediamo quando serve regolare il freno a mano e quali sono i passaggi per farlo nel modo corretto.

REGOLAZIONE DEL FRENO A MANO: QUANDO È NECESSARIA

La regolazione del freno a mano meccanico riguarda gran parte delle auto in circolazione in Italia, considerando che city car e utilitarie montano ancora i freni a ganasce al posteriore. E’ un’operazione sporadica che si rende necessaria in occasione di altri interventi, ad esempio:

– a ogni sostituzione del cavo freno a mano spezzato;

– dopo aver sostituito le ganasce posteriori;

– dopo aver sostituito il cilindretto o l’intero “piatto” dei freni posteriori.

Se i freni a tamburo funzionano correttamente, il sistema di recupero del gioco del freno a mano dovrebbe automaticamente compensare l’usura delle ganasce, ma spesso non è sufficiente. Intervenire con una regolazione del freno a mano (o chiedere al meccanico di controllare l’efficacia del freno a mano) diventa inevitabile quando con il freno a mano “tirato”, l’auto si muove.

COME CAPIRE SE IL FRENO A MANO E’ DA REGOLARE

Come ci si accorge se è necessaria la regolazione della leva del freno a mano? Semplicemente valutando se e come è cambiato il comportamento dei freni. Bisogna tenere bene a mente che il funzionamento del freno di stazionamento viene testato anche durante la revisione auto, in cui si verificano efficienza, sforzo, frenata su ogni ruota e squilibrio. Se però il funzionamento del freno a mano cambia repentinamente, i sintomi di un freno a mano da controllare e regolare sono:

– aumento del numero di scatti della leva, prossimo a 10;

resistenza della leva del freno a mano blanda: il freno a mano non si oppone allo sforzo di azionamento;

– la leva del freno a mano ha un’inclinazione molto maggiore di 45° o supera facilmente l’altezza della seduta dei sedili;

– con il freno a mano azionato l’auto non resta ferma (in folle) su strade in pendenza;

– con il freno a mano tirato, l’auto avanza tentando una partenza morbida in prima marcia.

COME REGOLARE LA LEVA DEL FRENO A MANO

Ma come si fa la regolazione del freno a mano? Innanzitutto è un intervento che nella sua semplicità cela tutti i rischi di errori per inesperienza o guasti nascosti. E trattandosi di un sistema di sicurezza, vi raccomandiamo di rivolgervi in officina. In base ai modelli di auto, il meccanismo per regolare il gioco del freno a mano si può trovare nell’abitacolo o all’esterno, ma in genere sempre in corrispondenza della leva. I passaggi da seguire per la regolazione del freno a mano sono pochi. Con l’auto sul ponte o comunque con le ruote sollevate si procede così, una volata raggiunto il bilanciere da cui partono i due cavi del freno a mano (foto sopra):

– Segnare la posizione originaria del dado, quindi allentare il dado di registro del cavo flessibile del freno a mano di almeno due o tre giri finché si allentano le funi.

– Avviare il motore (attenti a bloccare le ruote anteriori se sollevate solo l’asse posteriore sui cavalletti).

– Con motore al minimo premere con forza sul pedale del freno almeno 10 volte.

– Riavvitare il dado di registro della fune del freno a mano nella posizione originaria.

– Assicurarsi che con la leva del freno a mano a riposo le ruote posteriori siano libere nella rotazione.

– Verificare che l’azione frenante del freno a mano inizi già dal primo scatto.

– A fine registrazione verificare che la leva faccia al massimo cinque scatti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sensore MAF: cos’è e come funziona

Come conservare le gomme in garage con o senza cerchioni

Ammortizzatori auto: come funzionano e quando vanno sostituiti?