Consiglio acquisto SUV: budget fino a 25.000 euro

I migliori SUV da comprare con un budget fino a 25.000 euro con info aggiornate su allestimenti, sicurezza e motori

27 ottobre 2020 - 18:00

Prosegue l’aggiornamento delle guide all’acquisto di SicurAUTO.it: e così, dopo le auto a 7 posti e le utilitarie più a buon mercato, stavolta tocca ai SUV con budget fino a 25.000 euro, indicati a coloro che necessitano di macchine spaziose ma non possono o non vogliono spendere un capitale. Del resto l’obiettivo dei nostri ‘consigli per gli acquisti’ è proprio quello di aiutarvi a scegliere l’auto che più si adatta alle vostre esigenze e al vostro portafoglio, senza mai dimenticare comfort e sicurezza. In questa guida ai SUV economici, così come in tutte le altre, abbiamo preso in considerazione i modelli più venduti e apprezzati sul mercato, oltre a qualche stuzzicante novità. Guida aggiornata il 27 ottobre 2020.

CITROEN C3 AIRCROSS

La Citroen C3 Aircross è un SUV compatto che ripropone le linee anticonvenzionali, ma più moderate, lanciate dalla C4 Cactus. Ha un prezzo di listino che parte da 19.400 euro e con i suoi 415 cm di lunghezza si pone praticamente al vertice dei B-SUV adatti anche alla città. La versione base è la PureTech 110 S&S Live 1.2 cc a benzina da 110 CV/81 kW, che consuma 4,8 l/100 km ed emette 110 g/km di CO2. Disponibili anche numerosi modelli con alimentazione diesel. Guarda qui il crash test Euro NCAP della Citroen C3 Aircross realizzato nel 2017.

DACIA DUSTER

Con il modello arrivato sul mercato nel 2018, la Dacia Duster si propone come una vettura innovativa nel segmento dei SUV. Validissima sull’asfalto, pur non essendo una vera fuoristrada se la cava egregiamente su ogni tipo di percorso, cosa valida specialmente per i modelli dotati di trazione integrale. Sono disponibili innumerevoli versioni con prezzi a partire da appena 12.600 euro per la Duster 1.0 TCe 100 CV 4×2 Access, fino ai 21.450 necessari per la top di gamma 1.5 Blue dCi 8V 115 4×4 15th Ann. Quest’ultima presenta un motore diesel da 1.5 cc e 116 CV/85 kW di potenza, che consuma 4,5 l/100 km nel misto ed emette 118 g/km di CO2. Nel crash test del 2017 Dacia Duster ha ottenuto 3 stelle su 5.

DR 3 – 5.0 – F35

Il marchio italiano DR Automobiles ha lanciato nel 2020 due nuovi SUV, 5.0 e F35, che hanno affiancato il già noto DR3 innalzando considerevolmente gli standard qualitativi della casa con sede a Macchia d’Isernia, pur mantenendo prezzi relativamente bassi. Il DR3 ha sette allestimenti di cui tre GPL e uno a metano con prezzi di listino da 14.900 a 17.500 euro. Il nuovo SUV compatto DR 5.0 viene venduto con motore benzina (18.900 euro) o GPL (19.900 euro) e infine il touring-SUV di segmento C DR F35, nuova ammiraglia del marchio molisano, presenta nella nostra fascia di riferimento tre modelli di cui due benzina e la versione 1.5 Turbo Bi-Fuel GPL da 24.900 euro.

EVO 4 – 5 – 6

EVO è una casa automobilistica italiana fondata nel 2020 ed è lo spin-off low-price del marchio DR, che è stato ricollocato in una fascia di mercato più alta. I modelli attualmente sul mercato sono i SUV/crossover EVO 4, EVO 5 ed EVO 6, tutti e tre in vendita sia con alimentazione a benzina che GPL, con prezzi che oscillano da 14.900 a 20.900 euro. Il più costoso è l’EVO 6 1.5 Turbo GPL lungo 450 cm e alto 174, con motore da 140 CV/103 kW e consumi stimati in 10.31 l/100 km. La dotazione di serie include cerchi in lega, cruise control, sensori di parcheggio e tettuccio apribile.

FORD ECOSPORT

Grazie al recente restyling il SUV compatto Ford EcoSport si presenta rinnovato sia a livello estetico che tecnologico. Nel nostro budget rientrano sia la 1.0 Ecoboost 125cv S&S ST-Line Black Edition a benzina da 24.700 euro che la 1.5 Ecoblue 95cv S&S Connect diesel da 22.750 euro, ma ce ne sono anche altre. La prima monta un propulsore 1.0 da 125 CV/92 kW, con consumi stimati in 5,0 l/100 km ed emissioni di CO2 ferme a 114 g/km. Ford EcoSport ha ottenuto il punteggio di 4/5 nei crash test Euro NCAP del 2013.

HONDA HR-V

La nuova Honda HR-V è in listino dal 2018 con un prezzo che guarda in alto e parte da 24.550 euro. La dotazione di serie però è adeguata: ci sono tra le altre chicche, sedili riscaldati, cruise control e frenata di emergenza automatica. Forse è un investimento importante per un’auto da 433 cm, ma che si ripaga con i contenuti e sicurezza. Un solo motore 1.5 benzina (130 cavalli) declinato in diversi allestimenti a seconda della dotazione autonoma di serie. Ecco i risultati del crash test 2015 Euro NCAP della Honda HR-V.

JEEP RENEGADE

La Jeep Renegade è lunga 4,23 metri, ha 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 351 dm3. Testata nel 2019 da Euro NCAP ha ottenuto solo 3 stelle su 5 (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Ha 6 airbag di serie e l’ESC + Hill Start Assistant e Hill Descent Control. La versione 1.0 T3 120cv Longitude è equipaggiata con un motore benzina da 120 cavalli, con consumo dichiarato nel ciclo misto di 5,4 l/100 km e 124 g/km di emissioni di CO2. Costa 23.900 euro.

MAHINDRA KUV100

Nel 2018 il mercato italiano ha accolto dall’India la nuova Mahindra KUV100, un piccolo SUV dal prezzo contenuto. Ci sono pure due versioni benzina e due GPL: 1.2 K6+ M-BiFuel GPL e 1.2 K8 M-BiFuel GPL, che sprigionano entrambi 87 CV. Il consumo combinato dichiarato è di 8,2 l/100 km, per le emissioni si parla di 129 g/km. E i prezzi? 13.750 e 15.750 euro a seconda dell’allestimento (il secondo ha l’hands-free di serie). Non ancora sottoposta a crash test Euro NCAP.

MAZDA CX-3

Il SUV giapponese Mazda CX-3 è lungo 4,27 metri, ha 5 posti, 5 porte e un volume minimo del bagagliaio di 350 dm3. Testato nel 2015 da Euro NCAP ha ottenuto 4 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi e il video). Con il budget a nostra disposizione possiamo acquistare le versioni a benzina 2.0L 121cv 2WD Skyactiv-G 6MT Executive (22.900 euro) e 2.0L 121cv 2WD Skyativ-G 6MT Exceed (24.750 euro). Entrambe dichiarano un consumo di carburante di 6,2 l/100 km nel ciclo misto e 140 g/km di emissioni di CO2.

MITSUBISHI ASX

Nel 2017 Mitsubishi ASX è stata rinnovata con un modello nuovo che ha apportato un significativo cambiamento estetico, avvicinando il SUV giapponese alle migliori sport utility medio-piccole sul mercato. ASX è lunga 436 cm, può ospitare fino a 5 persone ed è equipaggiata con un bagagliaio da 406/1.206 litri. Nel nostro budget rientrano quattro versioni tra cui tre a benzina e la bifuel benzina/Gpl 2.0 INFORM 2WD Bi-Fuel, con motore 4 cilindri da 150 CV/110 kW, un consumo dichiarato di 9,7 l/100 km e 156 g/km di emissioni di CO2. Prezzo 24.300 euro. L’ultimo crash test di Mitsubishi ASX risale al 2011 e all’epoca Euro NCAP ha promosso la vettura con 5 stelle.

NISSAN QASHQAI

Proseguiamo la nostra guida all’acquisto di SUV nei limiti di spesa di 25.000 euro con la Nissan Qashqai. È lunga 4,39 metri, ha 5 posti, 5 porte e un volume minimo del bagagliaio di 430 dm3. Testata nel 2014 dall’Euro NCAP ha ottenuto 5 stelle. Possiamo scegliere tra la versione a benzina 1.3 DIG-T 140 Visia (1.3 cc, 140 CV, 5,3 l/100 km e 122 g/km), che costa 22.660 euro, e la diesel 1.5 dCi 115 Visia (1.5 cc, 115 CV, 3,9 l/100 km e 102 g/km), che viene via a 23.765 euro. Questa è la terza generazione del celebre SUV di Nissan, che si presenta con un design tutto nuovo e nuovi materiali per quanto riguarda gli interni. L’introduzione più interessante è comunque il ProPilot di Nissan, con sistema di guida semi-autonoma.

OPEL MOKKA

Opel Mokka è un SUV compatto ma spazioso (415 cm di lunghezza e bagagliaio da 350 litri) la cui seconda generazione è stata presentata proprio nel 2020. Il design esterno è totalmente differente rispetto al modello uscente, infatti la macchina a un primo contatto mostra un piglio sportivo, strizzando l’occhio ai più giovani. Con i soldi a nostra disposizione possiamo scegliere tra ben cinque versioni a benzina, con prezzi di listino tra 22.200 e 24.200 euro, e un’unica versione diesel 1.5 110cv Edition MT6. Quest’ultima è spinta da un propulsore 1.5 da 110 CV/81 kw che consuma 3,8 l/100 km ed emette 99 g/km di CO2. Il crash test di Opel Mokka del 2012 ha ottenuto 5/5.

RENAULT CAPTUR

La Renault Captur di seconda generazione è diventata più grande portando la lunghezza a 423 cm e la larghezza a 179, quindi adesso c’è più spazio nell’abitacolo a disposizione di passeggeri e bagagli, anche grazie al divano scorrevole di 16 centimetri. Con il nostro budget sono a disposizione numerosissimi allestimenti: benzina, diesel e anche quattro GPL tra cui l’interessantissimo 1.0 TCE 100 GPL BUSINESS da 100 CV che costa 22.050 euro. Punteggio massimo di 5/5 nel crash test Euro NCAP del 2019.

SEAT ATECA

La Seat Ateca è di fatto il primo SUV del brand spagnolo e condivide con la VW Tiguan sia la piattaforma di sviluppo MQB che componenti meccaniche. È lunga 438 cm, ha 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 510 litri. Proposta con un corposo assortimento di motorizzazioni, la Ateca può essere altamente personalizzata grazie ad un catalogo di accessori e opzioni particolarmente ricco. L’unica versione acquistabile col nostro budget è la 1.0 TSI Reference da 24.150 euro, spinta da un motore benzina da 115 CV/85 kW, con consumo dichiarato nel ciclo misto di 6,4 l/100 km e 146 g/km di emissioni di CO2. Testata nel 2016 da Euro NCAP, Seat Ateca ha ottenuto 5 stelle.

SKODA KAMIQ

SUV compatto dalle generosissime dimensioni, soprattutto per ciò che interessa i passeggeri sistemati sui sedili posteriori e il bagagliaio, la Skoda Kamiq si segnala tra le altre cose per l’ecologica versione a metano che con un prezzo di listino di 23.140 euro ha il pregio di entrare nel nostro budget di riferimento, insieme a quattro modelli benzina. La Kamiq a metano si chiama 1.0 G-TEC 90cv Ambition ed è spinta da un motore 1.0 da 90 CV/66 kW che consuma in media 3,4 kg/100 km ed emette 101 g/km. Ricche dotazioni di serie. 5 stelle nel crash test Euro NCAP del 2019.

SSANGYONG TIVOLI

La SsangYong Tivoli è un SUV dallo stile gradevole e dagli spazi interessanti. Per cui, nonostante le dimensioni non propriamente pazzesche (422 cm di lunghezza, bagagliaio da 427 litri), può rappresentare una buona alternativa ai SUV compatti più celebri. La lunga lista di accessori a pacchetti permette poi un alto livello di personalizzazione. Nella nostra guida con i consigli per l’acquisto di SUV entro 25.000 euro rientrano due versioni a benzina e una diesel, la 1.6 E-XDI (24.300 euro) con motore 4 cilindri da 136 CV/100 kW, un consumo dichiarato di 5,6 l/100 km e 146 g/km di emissioni di CO2. 4/5 il punteggio di SsangYong Tivoli nel crash test Euro NCAP del 2016.

SUZUKI VITARA

Decisamente rinnovata rispetto alla precedente versione, la nuova Suzuki Vitara è un SUV che si destreggia mirabilmente sia sull’asfalto che off-road. Buono insomma per tutti i gusti. A livello di dimensioni siamo tra le più corte della categoria, con ‘soli’ 417 cm di lunghezza, mentre il bagagliaio è nella media con una capacità minima di 375 litri. La versione a disposizione con il nostro budget è la 1.4 Boosterjet Hybrid Cool da 24.200 euro. Motore ibrido da 129 CV/95 kW, consumi invero molto bassi (4,6 l/100 km dichiarati) e 104 g/km di emissioni di CO2. 5/5 il punteggio di Suzuki Vitara nell’ultimo crash test Euro NCAP datato 2015.

VOLKSWAGEN T-ROC

La Volkswagen T-Roc è un’’auto spaziosa che ospita comodamente sia chi siede davanti sia i passeggeri posteriori, in virtù soprattutto della larghezza generosa (181 cm). Anche il bagagliaio è molto capiente (da 445 litri), ben sfruttabile e versatile. Con 24.600 euro si può acquistare la versione a benzina 1.0 TSI Style, spinta da un propulsore 1.0 cc da 110 CV/81 kW che consuma 5.9 l/100 km. Tra le dotazioni di serie l’avviso del cambio di corsia, i cerchi in lega, il controllo automatico adattivo della velocità, la frenata automatica di emergenza, i sensori di parcheggio e il controllo attivo del mantenimento corsia. Il crash test della VW T-Roc, datato 2017, ha ottenuto il punteggio di 5/5.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?