Bollo auto in leasing

Bollo auto in leasing: chi lo paga?

Chi paga il bollo di un'auto in leasing? Rispondiamo alla domanda citando tutte le modifiche normative che si sono succedute nel corso degli anni

5 luglio 2022 - 18:00

Chi paga il bollo di un’auto in leasing? Ogni tanto torniamo sull’argomento per rinfrescare i dettami della normativa e tenere informati gli utilizzatori di veicoli in leasing, che in Italia sono davvero tanti. Lo scopo è quello di evitare possibili fraintendimenti sul soggetto effettivamente preposto al pagamento del bollo, scongiurando di conseguenza il rischio di sanzioni.

Aggiornamento del 5 luglio 2022 con ulteriori approfondimenti sul pagamento del bollo di un’auto in leasing.

AUTO IN LEASING E AUTO A NOLEGGIO LUNGO TERMINE: DIFFERENZA

Prima ricordiamo che cosa s’intenda per auto in leasing e la differenza con il noleggio a lungo termine. Il leasing prevede sostanzialmente il pagamento di un canone anticipato, di una rata mensile fissa e di una maxi-rata finale per il riscatto del veicolo. È quindi un prodotto finanziario finalizzato all’acquisizione della proprietà dell’auto da parte dell’utilizzatore, anche se non obbligatoriamente: al termine del contratto, infatti, il cliente può anche scegliere di non riscattare il veicolo e di aprire un nuovo leasing. Il noleggio a lungo termine, invece, non prevede mai l’opzione dell’acquisto a fine contratto, consentendo (dietro pagamento di un anticipo e di una rata mensile) l’utilizzo di una vettura senza la necessità di comprarla. Generalmente il canone mensile del noleggio lungo termine è più alto perché il servizio, a differenza del leasing, include la maggior parte delle spese accessorie dell’auto (assicurazione, manutenzione, soccorso stradale, ecc.).

+++ Prima di proseguire nella lettura: se preferisci puoi guardare un video in cui riassumiamo con parole chiare i contenuti di questa guida, spiegando chi deve pagare il bollo di un’auto in leasing. +++

CHI PAGA IL BOLLO DI UN’AUTO IN LEASING?

Fatta questa necessaria premessa, vediamo chi deve pagare il bollo di un’auto in leasing. Diciamo subito che la normativa è radicalmente cambiata in epoca relativamente recente. Fino al 15 agosto 2009 il pagamento del bollo auto era a carico esclusivo del proprietario del mezzo (in questo caso la società concedente) anche nel caso di cessione in uso ad altro soggetto, in virtù di un contratto di leasing. Poi la legge 99/2009 ha cambiato le carte in tavola, trasferendo l’obbligo di pagamento della tassa automobilistica in capo a coloro che risultano “proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria (leasing)”. Pertanto da quella data l’onere del pagamento del bollo è passato dal proprietario del bene all’utilizzatore del bene stesso.

BOLLO AUTO IN LEASING: EQUIVOCI NORMATIVI

Tutto chiaro? Mica tanto. Negli anni successivi, infatti, alcune Regioni hanno continuato a rivolgersi per la riscossione alle società di leasing, interpretando in senso congiuntivo e non disgiuntivo la locuzione ‘ovvero’ del testo della legge. E stabilendo pertanto che il prelievo potesse avvenire indifferentemente sia in capo al proprietario del mezzo che all’utilizzatore. L’ambiguità è durata qualche anno, fino al Dl 78/2015 che ha chiarito in modo inequivocabile che per i veicoli concessi in leasing il pagamento spetta solo all’utilizzatore, senza responsabilità solidale con il proprietario. Principio in seguito ribadito dal Dl 113/2016 e, in via definitiva, da una pronuncia della Corte Costituzionale emessa nel 2020, che ha risolto gli ultimi equivoci confermando l’esclusiva responsabilità dell’utilizzatore sul bollo delle auto in leasing fin dall’agosto 2009.

Importante: a seguito delle modifiche introdotte dal Dl 124/2019 e dal Dl 162/2019, a decorrere dal 1° gennaio 2020 la stessa disciplina che regola il versamento del bollo per i veicoli concessi in leasing è stata estesa ai veicoli concessi in locazione con la formula del noleggio lungo termine senza conducente.

BOLLO AUTO IN LEASING: COSA SUCCEDE SE L’UTILIZZATORE NON PAGA LA TASSA AUTOMOBILISTICA?

In virtù di ciò che abbiamo scritto finora, qualora l’utilizzatore di un’auto in leasing dovesse omettere il pagamento del bollo, le conseguenze ricadrebbero soltanto su di lui, essendo stata esclusa la responsabilità solidale delle società concedente. L’unica eccezione che configura la responsabilità solidale delle società di locazione nel pagamento della tassa automobilistica regionale, prevista dall’articolo 7 della legge 99/2009, riguarda la particolare ipotesi in cui questa abbia provveduto, in base alle modalità stabilite dall’ente competente, al pagamento cumulativo, in luogo degli utilizzatori, dei bolli auto dovuti per i periodi compresi nella durata del contratto di leasing.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Costo passaggio di proprietà auto

Costo passaggio di proprietà auto 2023: importo e calcolo

Fringe benefit 2022 tabelle ACI

Auto aziendale: chi può scaricare l’Iva?

Prezzo benzina oggi: quanto costa dopo l’aumento delle accise?