Bonus patente 2022

Patenti superiori: quali sono e cosa permettono di guidare

Hai mai sentito parlare di patenti superiori? Scopri quali sono, cosa permettono di guidare, l'età minima richiesta e altre informazioni utili

30 settembre 2021 - 14:45

La definizione ‘patenti superiori’ viene utilizzata per identificare quelle patenti che permettono di guidare autocarri di massa superiore a 3,5 tonnellate e autoveicoli per il trasporto di persone con più di nove posti. In pratica tutte le patenti di categoria C e D. Le patenti in questione sono quindi ‘superiori’ alla A e alla B, quelle che consentono di condurre moto e auto, da cui appunto il nome. Scopriamo quali sono nello specifico.

PATENTI SUPERIORI DI CATEGORIA C

La patente superiore di categoria C consente di guidare principalmente autocarri e veicoli adibiti al trasporto merci, su cui possono prendere posto non più di nove persone compreso il conducente. In particolare: autoveicoli destinati al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, anche se trainanti un rimorchio leggero (fino a 750 kg); macchine operatrici eccezionali, quali gru o scavatori; tutti i veicoli conducibili con le patenti AM, B e C1.

La patente superiore C1 permette invece di guidare autocarri e veicoli adibiti al trasporto merci di massa fino a 7,5 tonnellate, su cui possono prendere posto non più di nove persone incluso il conducente. In particolare: autoveicoli destinati al trasporto merci di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 ma non superiore a 7,5 tonnellate, anche se trainanti un rimorchio leggero (fino a 750 kg); macchine operatrici eccezionali, quali gru o scavatori; tutti i veicoli conducibili con le patenti AM e B. Consente inoltre di guidare i modelli più grandi di autocaravan che superano i limiti di peso imposti dalla normativa europea.

Un’altra patente superiore della categoria C è la CE, che consente di guidare complessi di veicoli composti da una motrice della categoria C e da un rimorchio o semirimorchio di massa massima autorizzata superiore a 750 kg.

Infine con la patente superiore C1E si possono guidare complessi di veicoli composti da una motrice della categoria C1 e da un rimorchio o semirimorchio di massa massima autorizzata superiore a 750 kg, purché la massa massima autorizzata del complesso non superi le 12 t. Oppure composti da una motrice della categoria B e dal un rimorchio o semirimorchio di massa massima autorizzata superiore a 3,5 t, purché la massa massima autorizzata del complesso non sia superiore a 12 t.

PATENTI SUPERIORI DI CATEGORIA D

La patente superiore di categoria D abilita alla guida degli autoveicoli progettati e costruiti per il trasporto di più di nove persone incluso il conducente (quindi autobus e i filobus di qualunque tipo); a tali autoveicoli può essere agganciato un rimorchio la cui massa massima autorizzata non superi 750 kg.

La patente superiore di categoria D1 abilita alla guida degli autoveicoli progettati e costruiti per il trasporto di persone in un numero da nove a diciassette, compreso il conducente, e aventi una lunghezza massima di 8 metri (i cosiddetti minibus); agli autoveicoli di questa categoria può essere agganciato un rimorchio la cui massa massima autorizzata non superi 750 kg.

Patente superiore DE: consente di guidare complessi di veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D e da un rimorchio la cui massa massima autorizzata supera 750 kg (ad esempio autosnodati e altri complessi di veicoli adibiti al trasporto di persone).

La patente superiore D1E permette infine di condurre complessi di veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D1 e da un rimorchio la cui massa massima autorizzata è superiore a 750 kg (minibus + rimorchio non leggero).

PATENTI SUPERIORI: ETÀ, CONSEGUIMENTO, CQC

Per prendere la patente C o CE bisogna aver compiuto 21 anni mentre per la C1 o C1E ne bastano 18. In entrambi i casi è necessario aver già conseguito la patente B. Per chi ha preso la patente C o C1 prima del 1° marzo 2015, l’estensione E della patente si ottiene superando un esame teorico orale e un esame pratico su veicolo specifico. Invece chi ha conseguito le patenti C o C1 dopo la suddetta data, è dispensato da dover fare un nuovo esame teorico e deve sostenere solo l’esame pratico.

Per quanto riguarda invece le patenti superiori della categoria D, per l’ottenimento della patente D1 sono necessari 21 anni e per la patente D ce ne vogliono 24 anni. Tuttavia possono bastarne anche 21 se il candidato a conseguire la patente D dimostra di essere iscritto a un corso di qualificazione professionale CQC (l’abilitazione richiesta per l’autotrasporto professionale di merci o di persone), e di averlo superato prima di sostenere la prova pratica.

Ricordiamo infine che le patenti C valgono 5 anni fino all’età di 65 anni, dopo la durata è biennale ed è necessario ottenere uno specifico certificato da parte della Commissione medica locale. Le patenti D e D1 devono essere rinnovate ogni 5 anni fino ai 60 anni di età, poi ogni anno fino ai 68 presso la Commissione medica locale. Successivamente non è più possibile guidare autobus e mezzi simili e la patente D è declassata a patente C.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Assicurazione auto: quando il passeggero può testimoniare?