Crash test Jeep Renegade 2019: solo 3 stelle Euro NCAP senza AEB

Crash test Jeep Renegade deludente, Euro NCAP assegna solo 3 stelle per l'AEB optional. Ecco i risultati dei 12 modelli del crash test di dicembre 2019

4 dicembre 2019 - 12:20

Penultima sessione dei crash test Euro NCAP 2019. Ben 12 modelli sono stati messi alla prova: Tesla Model X, Porsche Taycan, Audi Q7, Renault Captur, Subaru Forester, Skoda Octavia, Ford Modeo e Ford Kuga hanno ottenuto il massimo punteggio di 5 stelle. La Peugeot 2008 con la dtazione standard ne ottiene 4, col pacchetto sicurezza offerto in opzione raggiunge le 5 stelle. Le rinnovate Volkswagen Sharan e Seat Alhambra si fermano a 4 stelle. L’aggiornata Jeep Renegade ottiene al crash test solo 3 stelle.

CRASH TEST TESLA MODEL X E PORSCHE TAYCAN: ECOLOGICHE E SICURE

Due modelli di auto elettriche sono stati sottoposti ai crash test Euro NCAP in questa sessione. La Tesla Model X, come la Tesla Model 3, ottiene il 94% per i sistemi di assistenza alla guida, con pochissime mancanze nella dotazione di serie e nei test di funzionalità. Nei crash test solo un piccolo appunto per la pressione sul torace e per la trazione sul collo del passeggero posteriore nel crash test frontale pieno. Con la buona protezione dei bambini e dei pedoni la Tesla Model X ottiene 5 stelle Euro NCAP. Anche la performante Porsche Taycan ottiene il massimo punteggio di 5 stelle Euro NCAP, tuttavia alcune criticità sono apparse nei crash test. Migliorabile la protezione dal colpo di frusta in caso di tamponamento, così come alcuni aspetti del sistema di frenata autonoma. Inoltre la pressione sul torace è eccessiva nel crash test frontale pieno sul passeggero posteriore.

CRASH TEST PEUGEOT 2008 E RENAULT CAPTUR: LA DOTAZIONE DI SERIE CONTA

La Peugeot 2008 si rinnova completamente, e nei crash test Euro NCAP si comporta generalmente bene. Solamente la protezione del torace e del collo degli occupanti è mediocre nel crash test frontale pieno. Di serie la 2008 è dotata del sistema di frenata autonoma basato sulla telecamera frontale, il comportamento è migliorabile, sia nella rilevazione delle auto, sia per i pedoni. In opzione il sistema si arricchisce del radar, che permette una migliore reattività in caso di situazioni di emergenza. Con la dotazione standard la Peugeot 2008 ottiene 4 stelle, con il radar optional arriva a 5 stelle Euro NCAP. Anche la Renault Captur si aggiorna per il 2019 e ottiene il massimo punteggio di 5 stelle Euro NCAP. Da migliorare soltanto il bordo del cofano, che potrebbe ferire seriamente il bacino del pedone investito e il sistema di mantenimento della corsia di marcia.

CRASH TEST AUDI Q7, FORD KUGA E SUBARU FORESTER: I SUV A 5 STELLE

Rispetto al test del 2015 l’Audi Q7 ottiene un peggior risultato nel crash test frontale offset, la protezione del torace degli occupanti è mediocre. Migliorata la protezione dei pedoni, grazie all’adozione di un valido sistema di frenata autonoma, che si comporta molto bene nei test di verifica. L’Audi Q7 è valutata da Euro NCAP con 5 stelle. Completamente rinnovata la Ford Kuga ottiene 5 stelle Euro NCAP. Da migliorare la protezione del torace del pilota nei crash test frontali e la mancanza della segnalazione del limite di velocità. La Subaru Forester perde qualche frazione di punto nel crash test frontale pieno, a causa della pressione sul torace del passeggero. Ottima la protezione dei bambini, grazie all’airbag del passeggero a disattivazione automatica. Migliorabile la frenata autonoma per i ciclisti e la mancanza della segnalazione del limite di velocità. La Subaru Forester ottiene 5 stelle Euro NCAP.

CRASH TEST FORD MONDEO E SKODA OCTAVIA: AL PASSO CON I TEMPI

La Ford Mondeo 2019 arricchisce la dotazione di sicurezza rispetto al primo test del 2014. I pretensionatori delle cinture posteriori e il sistema di frenata autonoma aggiornato permettono alla Mondeo di ottenere 5 stelle Euro NCAP. Le valutazioni, specialmente per quanto riguarda la protezione degli adulti, l’avvicinano alle ben più moderne rivali del segmento.  Completamente nuova invece la Skoda Octavia, che protegge bene gli occupanti nei crash test, ad eccezione del torace del passeggero nell’impatto frontale pieno e quello del pilota nel test laterale del palo. Nonostante ciò la valutazione è di 5 stelle Euro NCAP.

CRASH TEST SEAT ALHAMBRA E VOLKSWAGEN SHARAN: CONTINUAMENTE AGGIORNATE

Sulla breccia da 9 anni, e costantemente aggiornate nell’equipaggiamento di sicurezza, la Volkswagen Sharan e la Seat Alhambra ottengono 4 rispettabili stelle Euro NCAP. Il pretensionatore delle cinture posteriori è offerto come optional, nel crash test frontale pieno il passeggero posteriore riceve una trazione eccessiva sul torace. Nel crash test laterale del palo la portiera scorrevole posteriore si sgancia, creando un potenziale pericolo di eiezione di un eventuale passeggero non cinturato. Migliorabile il sistema di frenata autonoma per le basse velocità e per i ciclisti, che non riconosce però i pedoni.

CRASH TEST JEEP RENEGADE 2019: GRAVI MANCANZE NELLA DOTAZIONE BASE

Appena aggiornata, la Jeep Renegade al crash test ottiene solo 3 stelle Euro NCAP. Nel test del 2014 la Jeep Renegade ottenne 5 stelle ai crash test. Nonostante le buone prestazioni ottenute nei crash test, dove solo il torace del passeggero posteriore nel crash test frontale e quello del pilota nel test laterale del palo ottengono un punteggio mediocre, la dotazione di serie manca del sistema di frenata autonoma. La mancanza dell’AEB nell’equipaggiamento standard fa perdere molti punti per quanto riguarda la protezione di adulti, pedoni e sistemi di assistenza alla guida. Presenti di serie solamente il limitatore di velocità con rilevazione e segnalazione del limite vigente e il mantenitore della corsia di marcia. Ai crash test Euro NCAP la Jeep Renegade è l’unico modello al momento a fermarsi a 3 stelle per l’anno in corso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’accelerazione Tesla involontaria causa incidenti: ecco come stanno le cose

Auto con ESC di serie, in quali Paesi è già obbligatorio nel mondo

Volkswagen ID.3 ha problemi di software: 20 mila auto elettriche già ferme