Portabici per auto: come scegliere il migliore

Portare la bici in viaggio o in vacanza: come scegliere il portabici per auto migliore e cosa cambia tra i vari sistemi per il trasporto bici

4 giugno 2020 - 17:28

Portare in viaggio o in vacanza la bici richiedere necessariamente montare un portabici per auto. Oggi vediamo come scegliere il migliore e i consigli per l’acquisto di un portabici per auto. Ecco i pro e i contro con le differenze tra i vari tipi di portabici per auto da tetto, da bagagliaio e su gancio di traino.

PORTABICI PER AUTO DA TETTO: COME SCEGLIERLO

Il portabici per auto da tetto è la soluzione più diffusa per chi vuole portare la bici in vacanza ma senza spendere troppo. Il costo di un portabici da tetto è l’aspetto più conveniente, se l’auto è già dotata di barre portatutto sul tetto. A fronte di un costo minore, però, trasportare la bici sul tetto dell’auto si presta a un bel po’ di compromessi. Montare e smontare le bici a un’altezza superiore a 1,5 metri non è agevole se si è soli a caricare i bagagli; leggi qui le regole da ricordare. L’altezza diventa un problema maggiore per i SUV, sempre più diffusi, e il rischio di graffiare il tetto per un cedimento nella presa è piuttosto alto. Altro aspetto da non sottovalutare è il carico trasportabile: in media i portapacchi posso trasportare circa 50 kg (verificate sul certificato di omologazione delle barre se aftermarket o sul manuale dell’auto). Trasportare fino a tre bici normali da adulto può anche andare bene, ma trasportare due bici elettriche può essere un’impresa oltre che pericoloso in virtù del peso.

Portabici auto da tetto

Pro:
– economico;
– non disturba i sensori di parcheggio o le manovre.

Contro:
– faticoso da utilizzare senza aiuto;
– rischio di graffiare l’auto;
– limitato nel carico.

PORTABICI PER AUTO DA PORTELLONE: COME SCEGLIERLO

Il portabici da auto sul portellone posteriore è un’alternativa più pratica rispetto a quello da tetto. In genere sono anche più sicuri nell’evitare un ostacolo o una frenata di emergenza, a patto però che le staffe e le cinghie siano montate correttamente. Il portabici per auto da portellone deve essere stabile già a vuoto. Per la minore altezza è più comodo per riporre le bici, ma attenzione all’ingombro laterale. Ricordate che durante le pause in autogrill le bici sono a portata di ladri, quindi è meglio scegliere un portabici con antifurto. Uno degli svantaggi con cui bisogna convivere è che i sensori di parcheggio potrebbero non tenere conto del portabici sul portellone. Se l’auto lo permette i sensori vanno riprogrammati come sui SUV con la ruota di scorta sul portellone. Inoltre, accedere al bagagliaio in viaggio è più scomodo.

Porta bici auto da portellone

Pro:
– comodo;
– più stabile di quello da tetto.

Contro:
– peso;
– il carico è distribuito sulla carrozzeria;
– accesso al bagagliaio dall’esterno difficoltoso durante il viaggio.

PORTABICI PER AUTO SU GANCIO DI TRAINO: COME SCEGLIERLO

Il porta bici per auto su gancio di traino è un livello più su del porta bici da portellone e risolve gran parte degli svantaggi. Se montato correttamente risulta più stabile poiché sfrutta il gancio di traino come appoggio, quindi si può montare solo se l’auto ne è equipaggiata. Caricare e scaricare le bici dal portabici è ancora più comodo per l’altezza più bassa, inoltre sono generalmente più robusti e indicati anche al trasporto di bici elettriche che pesano in media circa 30 kg. Bisogna fare attenzione che il peso del porta bici vuoto più quello delle bici, non superi il carico verticale massimo del gancio di traino. Se il costo medio tra 300 e 700 euro non vi spaventa, ricordate che potrebbe essere necessaria una targa ripetitrice se quella dell’auto è coperta dal portabici. Vale lo stesso discorso sul rischio di furto e le manovre di parcheggio.

Porta bici auto su gancio di traino

Pro:
– comodo;
– più stabile tra i portabici;
– facile accesso al bagagliaio nei modelli basculanti;
– adatto al trasporto di bici elettriche compatibilmente con il carico massimo verticale sul gancio.

Contro:
– costo;
– necessario il gancio di traino;
– il peso sottrae parte del carico trasportabile sul gancio di traino.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Giunto omocinetico rumoroso: cause e diagnosi del problema

Riduzione inquinamento Cina e Lombardia per Coronavirus

Il catalizzatore a tre vie: cos’è e come funziona

Cosa si può trasportare in auto? Limiti e sanzioni