Temperatura motore bassa: come risolvere

Temperatura motore bassa e auto che non si scalda: perché succede, i controlli da fare e come verificare se il sensore temperatura motore è guasto

8 ottobre 2021 - 11:00

Uno dei problemi che saltano fuori all’approssimarsi dell’inverno, quando le temperature scendono è l’auto che non si scalda e la temperatura motore bassa. Ecco come risolvere quando il sensore temperatura motore sembra non funzionare. Diagnosi e controlli da fare quando la temperatura auto non sale.

Aggiornamento dell’8 ottobre 2021: miglioramento leggibilità e contenuti più attuali

TEMPERATURA MOTORE BASSA

La temperatura motore bassa è un grosso problema che, soprattutto d’inverno, non andrebbe sottovalutato. Se è vero che può fare meno danni di un motore che si surriscalda, un motore che non si scalda fa spendere soldi e non rende al meglio. In inverno è normale che la lancetta impieghi un po’ di tempo per muoversi (in genere circa 80 °C  è il regime ottimale o a metà scala). Dopo l’avviamento a freddo, la valvola EGR, così odiata quando dà problemi, aiuta ad aumentare la temperatura del motore facendo ricircolare una piccola parte di gas di scarico. E’ ovvio che quando il motore resta freddo, gli svantaggi sono sia di carattere economico (l’auto fredda consuma più carburante) che pratici (il riscaldamento dell’abitacolo non funziona).

COSA FARE QUANDO LA TEMPERATURA MOTORE NON SALE

Se la temperatura del motore non sale, ci si accorge che la lancetta del liquido di raffreddamento resta al minimo anche dopo svariati minuti di guida. In genere un’auto in perfetta efficienza e a temperature ambientali miti, impiega circa 5-10 minuti di guida tranquilla per scaldare il motore. Quando si ha l’impressione che la temperatura del motore non sale, non bisogna fare conclusioni affrettate, ma analizzare le possibili cause come consiglia uno dei maggiori produttori di componentistica o rivolgersi in officina. I controlli da fare in sequenza sono:

– controllare il sensore temperatura motore (paragrafo successivo);

– smontare il termostato (valvola termostatica) e controllarlo in un bagno di acqua calda rilevando la temperatura di azionamento;

– controllare la corretta attivazione dell’elettroventola, relè e cablaggi ad essa associati.

DOVE SI TROVA IL SENSORE TEMPERATURA MOTORE

Uno dei controlli più semplici da fare in fai da te quando la temperatura motore è costantemente bassa è al sensore. Prima di preoccuparsi di dove si trova, è utile riconoscere i sintomi di un sensore difettoso. I sintomi frequenti del guasto al “bulbo” temperatura sono:

– Minimo accelerato;

– Aumento del consumo di carburante;

– Difficoltà di avviamento.

Il funzionamento del sensore temperatura motore è a “coefficiente negativo”: quando il motore si scalda, diminuisce la resistenza del sensore. Essendo una sonda a immersione, è a diretto contatto con il liquido refrigerante, per cui si trova quasi sempre nei pressi della valvola termostatica o dei manicotti di raffreddamento e ha le fattezze dell’esempio nella foto. Non sempre serve smontarlo, a meno di doverlo sostituire e, se necessario, effettuare il rabbocco liquido refrigerante. Per verificare il sensore temperatura motore, serve essenzialmente un multimetro e le nozioni tecniche di base con la manutenzione auto. I controlli da fare sono verso l’impianto elettrico dell’auto e verso il sensore:

– scollegare il connettore e misurare la tensione dopo aver acceso il quadro: in genere dovrebbe leggersi una tensione di 5V;

– misurare la resistenza ai pin del sensore, considerando anche l’effetto ambientale. In genere si può considerare che a 25 °C la resistenza varia tra 2 e 6 kΩ, mentre a 80 °C è circa 300 Ω.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cyber Monday 2021: le occasioni più utili per l’auto

Black Friday 2021: gli sconti su accessori auto da non farsi scappare

Revisione auto: l’Europa propone test più severi dal 2023