Batteria auto in Garanzia: 4 casi in cui non passa mai

Ecco quando una batteria auto non viene considerata difettosa e i casi in cui non passa (quasi) mai in garanzia

8 settembre 2020 - 15:00

La garanzia batteria auto è un argomento sempre caldo e spinoso, nonostante il Codice del Consumo sia molto chiaro. Quando qualsiasi tentativo di recupero e rigenerazione (guarda qui come caricare una batteria o collegare la batteria a un’altra auto) non sono risolutivi, non resta che cambiare la batteria esausta con una nuova. Ecco i 4 casi più frequenti in cui una batteria difettosa” non passa in garanzia.

GARANZIA BATTERIA AUTO CHE NON SI CARICA

Come accennato in apertura, la garanzia di una batteria auto non sempre viene applicata alla lettera. Lo abbiamo verificato nella nostra inchiesta sulla garanzia delle batterie per auto da cui è emerso che in media, è più difficile spuntarla con i ricambisti. Nei grandi centri commerciali e negozi brico, invece, è più difficile ritrovarsi a discutere sui termini della garanzia e sulla durata (a patto di aver conservato lo scontrino di acquisto). Ma occhio sempre a controllare la data di produzione della batteria, per non acquistare un prodotto meno fresco e già scarico. Va ricordato anche che, quando la batteria smette di funzionare, non è detto che sia difettosa o da sostituire. Spesso basta anche solo ricaricarla o anche collegare l’auto in panne a un’altra auto come nel video qui sotto.

GARANZIA BATTERIA AUTO: QUANDO NON E’ DIFETTOSA

La Garanzia legale del produttore in genere copre i vizi e i difetti di produzione, un principio che cozza con la tendenza delle batterie auto a scaricarsi e usurarsi con facilità. Per cui, al di là della durata della garanzia sulla batteria, ci sono delle situazioni piuttosto frequenti in cui la batteria auto non passa in garanzia:

– i danni esterni alla batteria (danni al contenitore o ai poli), provocati magari durante il trasporto di una batteria auto comprata online, o a un serraggio eccessivo dei morsetti;

– la solfatazione della batteria si verifica quando la batteria resta ferma e inutilizzata troppo a lungo senza essere ricaricata. I cristalli di solfato di piombo che si formano sulle piastre ostacolano lo scambio elettrochimico e anche ricaricare la batteria sarà difficoltoso o inutile;

– la durata di una batteria auto è influenzata da diversi fattori. Ma una batteria che si scarica totalmente e ciclicamente ne provoca anche un’usura prematura, poiché si perde una piccola percentuale di materia attiva. E l’usura normale, come sappiamo, non è un fenomeno di degrado coperto dalla garanzia;

– come spiega questo video sull’upgrade delle batterie, montare una batteria diversa non crea problemi, se è compatibile con l’auto. Se invece si monta una batteria di tipo diverso senza avere la conferma che sia adatta, è possibile che si verifichi una carica insufficiente, sovraccarico o errata applicazione. Situazioni in cui sarà piuttosto difficile far valere la garanzia sulla batteria. Idem se la batteria è adatta, ma l’auto ha problemi all’alternatore.

DURATA GARANZIA SULLA BATTERIA 1 ANNO O 2 ANNI

Dopo aver visto quando si rischia che una batteria non passi in garanzia, rivediamo anche i termini e la durata della garanzia che cambia da 1 a 2 anni:

– la garanzia sulla batteria è valida 2 anni per i consumatori privati. In caso di sostituzione su un’auto nuova durante il periodo di garanzia del Costruttore del veicolo, non si azzera e non riparte da capo ma prosegue con quella del veicolo. A meno, ovviamente di coperture di garanzie extra;

– la garanzia sulla batteria è valida 1 anno se l’acquisto viene effettuato in regime di partita IVA.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Manutenzione auto: le previsioni 2021 sull’attività delle officine

Emissioni auto: da quali sostanze sono composte?

Problema LSPI: cos’è e come evitarlo