Comprare una batteria auto online: 5 errori da non fare

Conviene comprare una batteria auto online? Ecco i 5 errori più frequenti da non fare con l’acquisto di una batteria auto su internet

27 ottobre 2022 - 9:00

La sosta prolungata o l’utilizzo per brevi spostamenti spinge molti automobilisti a dover ricaricare la batteria scarica prima di mettersi in viaggio o comprare una batteria auto online all’ultimo minuto. L’acquisto di una batteria su internet è per certi versi più comodo quando si rimane a piedi e il ponte con i cavi non funziona, ma cela molti aspetti da non sottovalutare. Ecco perché in questo articolo parleremo dei 5 errori più frequenti da non fare con una batteria auto presa online.

Aggiornamento del 27 ottobre 2022: miglioramento della leggibilità e contenuti più utili e attuali per i lettori

1. COMPRARE UNA BATTERIA AUTO ONLINE: LA SCELTA

Non bisogna considerare esclusivamente il prezzo di una batteria auto online. Prezzi di batterie auto d’occasione potrebbero nascondere la necessità di disfarsi di stock vecchi. Ricordate che i magazzini delle batterie auto funzionano secondo il principio di gestione FIFO (First In – First Out), quindi è difficile che una batteria auto scontata online sia freschissima (vedi punto successivo). E’ importante oltre al prezzo controllare come deve essere la batteria adatta all’auto. In particolare:

tipo di batteria sul manuale dell’auto (vedi nel video qui sotto cosa cambia tra batterie al piombo, AGM, EFB);

– dimensioni della batteria, se sono compatibili alla batteria in vendita online;

posizione dei poli della batteria (non sempre + e – sono orientati in modo standard);

caratteristiche elettriche. Corrente di spunto e capacità, che devono essere uguali o maggiori rispetto a quanto riporta il manuale dell’auto.

E’ molto più semplice utilizzare i siti dei produttori di batterie, dove inserendo marca e modello dell’auto, si possono trovare quelle più adatte.

2. COMPRARE UNA BATTERIA AUTO ONLINE GIA’ VECCHIA

Dopo aver individuato la batteria è meglio non lanciarsi subito nell’acquisto, ma contattare il venditore e chiedere qual è la data di produzione delle batterie (sul fondello) e la tensione. Batterie ferme da oltre 15 mesi o una tensione inferiore a 12,4 V potrebbero non essere un buon affare. La disponibilità del venditore è una cartina al tornasole utile a capire come si comporterà per eventuali problemi alla batteria durante la garanzia. Attenzione a valutare anche le condizioni di vendita: potreste dover pagare la spedizione della batteria difettosa da restituire.

3. COMPRARE UNA BATTERIA AUTO ONLINE: L’IMBALLAGGIO

L’imballaggio della batteria è fondamentale se siete convinti dell’acquisto di una batteria auto online. Gli urti durante il trasporto sono la causa maggiore di danni e perdite di liquido elettrolita. Cosa fare allora? Assicurarsi chiedendo al venditore se farà un imballaggio protettivo robusto (cartone spesso, più materiale di supporto) come nella foto qui sotto. Se non risponde o dice che spedirà con un imballo generico, cambiate venditore.

4. COMPRARE UNA BATTERIA AUTO ONLINE: LA SPEDIZIONE

Il trasporto delle batterie auto deve essere particolarmente accurato, ma spesso non accade così. D’altronde, se non è specificato il contenuto del pacco, il trasportatore la maneggerà come gli è più comodo. Questo non creerà particolari problemi all’integrità finché la batteria è preparata nel modo corretto. Come si può vedere dalla foto qui sotto, infatti, la batteria ha due tappi di colore giallo che impediscono fuoriuscite di acido solforico durante la spedizione. Oltre a una busta di plastica spessa che, in caso di accidentali rotture, impedisce all’acido d’impregnare il cartone e disperdersi. Ricordate poi che i tappi gialli vanno rimossi dalla batteria prima di montarla.

5. COMPRARE UNA BATTERIA AUTO ONLINE: MONTAGGIO E SMALTIMENTO

E arriviamo al punto chiave della sostituzione di una batteria auto comprata online: il montaggio e lo smaltimento della batteria vecchia. Prima di lanciarvi nel montaggio della nuova batteria presa su internet dovete mettere in conto un passaggio in officina per il reset di eventuali avarie. Sulle auto più recenti, indipendentemente dal prezzo, i sistemi di gestione della carica IBS e altre centraline vanno azzerate come si fa per il service del cambio olio. Contestualmente, potreste anche chiedere all’officina di smaltire per voi la batteria auto vecchia. Per legge sarebbe un onere a carico del venditore della batteria nuova, ma paghereste quasi sicuramente le spese di spedizione. Ricordate che la maggior parte delle officine tratta le batterie vecchie come risorse da riciclare e non come rifiuto da smaltire, come spieghiamo in questo articolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Noleggio lungo termine

Noleggio a lungo termine privati: arriva l’assistente virtuale con IA

5 consigli per aumentare l’autonomia delle auto elettriche in inverno

Olio motore: tutto quello che c’è da sapere su rabbocco e cambio