Aprire il bagagliaio con la batteria scarica: trucchi e soluzioni più efficaci

Come aprire il bagagliaio quando la batteria è scarica: consigli e procedure più diffusi in caso di emergenza per sbloccare il portellone

5 novembre 2020 - 15:00

Aprire il bagagliaio con la batteria scarica può essere una vera impresa se non si sa esattamente come fare. L’operazione più semplice al mondo quando tutto funziona, diventa un problema quando si scarica la batteria (che se molte auto è proprio nel baule) ed è necessario aprire il portellone posteriore. Ecco come fare e perché bisogna essere pronti a ogni imprevisto.

COME APRIRE L’AUTO CON LA BATTERIA SCARICA

Sempre più auto sono equipaggiate con l’apertura elettrica del bagagliaio o lo sblocco tramite Keyless o movimento del piede. Queste innovazioni migliorano il comfort ma prestano il fianco alle situazioni di emergenza quando la batteria si scarica. Ogni Costruttore risolve il problema di apertura bagagliaio senza batteria in modo diverso e salvo casi eccezionali, tutto è comunque riportato nel libretto d’istruzioni. L’apertura posteriore di emergenza è obbligatoria per motivi di sicurezza. In alcuni casi consultare il manuale dell’auto è inevitabile per aprire il bagagliaio con la batteria scarica, perché non si tratta semplicemente di trovare il cavo di emergenza. Intanto, se siete sfortunati o semplicemente avete lasciato l’auto ferma per un bel po’, ecco come aprire le porte se è scarica la batteria del telecomando Keyless, vi servirà di sicuro. Ecco di seguito cosa fare per sbloccare il portellone posteriore con la batteria scarica e come i Costruttori prevedono queste situazioni di emergenza.

BATTERIA SCARICA E BAGAGLIAIO BLOCCATO

Ci sono molti modi diversi, in base al modello e al brand per aprire il bagagliaio in caso di emergenza. Una situazione comune soprattutto alle auto elettriche o ibride Plug-in, quando la batteria 12V è scarica, è dover sbloccare lo sportellino di ricarica manualmente. Questo avviene facilmente solo dopo aver raggiunto i tiranti di sicurezza che sono in genere nel bagagliaio quando lo sportellino è sul retro. Ma anche quando si tratta di auto tradizionali, aprire il portellone è più complicato di quel che si pensi. La soluzione più curiosa ad esempio su alcune auto tedesche, come Porsche, ma adottata anche da Tesla richiede l’uso di un avviatore di emergenza o di un booster.

– Su alcuni modelli Porsche per sbloccate le serrature elettriche del vano anteriore o posteriore basta collegare il cavo positivo in un punto prestabilito del vano fusibili e il negativo su un punto di massa.

– Tesla ha adottato lo stesso stratagemma per la Tesla Model 3, per aprire il vano bagagli anteriore. Rimuovendo il coperchio del gancio di traino si trovano subito i terminali rosso e nero cui collegare l’alimentazione esterna.

APRIRE IL BABAGLIAIO SENZA BATTERIA

L’apertura di emergenza del bagagliaio posteriore molto più diffusa invece richiede qualche esercizio fisico ulteriore. Prima di concentrarsi sul baule però bisogna aprire la porta guidatore e sbloccare una delle portiere posteriori. Attenzione poiché anche in questo caso Tesla ha adottato un sistema originale: nella zona piedi del divano posteriore ci sono due pulsanti, uno per lato, per sbloccare le porte posteriori dall’interno della Model S. Una volta raggiunto il divano posteriore, su qualsiasi auto, basta ribaltarlo e finalmente arrivare al meccanismo di sblocco di emergenza. Ma non è finita, perché per aprire il bagagliaio posteriore senza batteria, bisogna individuare il coperchio che nasconde lo sblocco e può essere:

– un semplice pulsante da sollevare come nell’immagine sopra e azionare per poi spingere il portellone;

– un tappo da rimuovere con l’aiuto di un cacciavite nei pressi della serratura interna, meno pratico ma ugualmente funzionale allo sblocco del bagagliaio in emergenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Problema LSPI: cos’è e come evitarlo

Le auto che consumano meno 2020: il test Green NCAP su 24 modelli

Le candele auto e la combustione: cos’è il grado termico?