Batteria auto scarica e avviamento di emergenza: cosa fare?

E' sufficiente avere dei cavi di emergenza per avviare un'auto moderna? Scopri i trucchi per avviare nel modo corretto un'auto con batteria scarica

13 marzo 2019 - 6:30

L’avviamento di un’auto in panne con i cavi di emergenza è una delle cose più frequenti che ci si ritrova a chiedere quando la batteria si carica per aver lasciato le luci o lo stereo accesi. Ma è prudente farlo anche con un’auto recente dotata di Start&Stop? Nel video qui sotto vedremo come intervenire nelle situazioni di panne con una batteria scarica quando aprendo il cofano non sappiamo dove collegare i cavi di emergenza. Con l’aiuto di  Michele Moretto, Business Development Manager Varta, vediamo nel dettaglio cosa cambia nell’avviamento di emergenza tra un’auto con batteria tradizionale e un’auto più moderna con Start&Stop.


AVVIAMENTO DI EMERGENZA SU AUTO TRADIZIONALI

Come ci spiega Michele Moretto nel video qui sopra, la procedura di avviamento di emergenza richiede alcune attenzioni particolari per le auto dotate di Start&Stop con batterie EFB o AGM – questo video spiega quali sono le differenze. Mentre con un’auto tradizionale basta collegare semplicemente le due batterie nell’ordine indicato qui sotto, con le auto dotate di Start&Stop bisogna individuare con attenzione i punti esatti per non danneggiare il sistema di controllo IBS della carica della batteria. La parte più difficile dell’avviamento di emergenza con un’auto tradizionale è superata se la batteria è ben visibile nel vano motore. Diversamente è opportuno consultare il manuale per individuare i punti che solitamente sono predisposti nella parte anteriore, anche se la batteria è montata nel bagagliaio. Su auto con batteria ad acido libero tradizionale con entrambe le auto spente:

1) Si collega il polo positivo (+ rosso) della batteria scarica al positivo di quella carica.
2) Il polo negativo (- nero) della batteria carica si collega a un punto di massa del telaio (non verniciato) o a un morsetto predisposto (vedere manuale) dell’auto con batteria scarica.
3) Dopo aver avviato l’auto con batteria carica, si avvia quella soccorsa, riprovando dopo una breve pausa se l’avviamento non va a buon fine.
4) Se l’auto in panne si avvia, scollegate i cavi nell’ordine inverso.

AVVIAMENTO DI EMERGENZA SU AUTO CON START&STOP

Le auto più recenti con Start&Stop e batterie EFB o AGM sono generalmente dotate sul morsetto positivo di IBS, cioè un Sensore Batteria Intelligente che monitora costantemente il bilancio energetico per sfruttare al meglio la riserva di energia. In pratica monitora costantemente le caratteristiche elettriche della batteria e il suo invecchiamento. A prescindere da dove è collocata la batteria, se nel vano motore o altrove, è fondamentale collegare i cavi di emergenza sempre dopo il sensore IBS. Ecco perché, nel caso specifico delle batterie montate nel bagagliaio, bisogna consultare il manuale di istruzioni per sapere quali sono i punti “+” e “-” ai quali collegare i cavi di emergenza e seguire in sequenza gli stessi passaggi qui sopra con batteria tradizionale. Se proprio la batteria non ne vuole sapere di risvegliarsi ecco cosa devi sapere su upgrade e garanzia e occhio ai miti che circolano sulle batterie di cui parliamo in questo video.

Scopri qui tante altre curiosità sulle Batterie auto:
1) Batterie auto con Start&Stop: Piombo, AGM e EFB, cosa cambia (Home)
2) Upgrade e Garanzia batterie auto: 1 anno o 2?
3) I miti da sfatare sulle batterie auto
4) Batteria auto scarica e avviamento di emergenza

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto crossover: budget fino a 15.000 euro

Consiglio acquisto SUV: budget fino a 25.000 euro

I rischi dei meccanici su Facebook: come scambiare acqua e olio