Sosta in doppia fila

Sosta in doppia fila: è anche reato penale, ma a volte è ammessa

Non solo illecito amministrativo sanzionato dal Codice della Strada: in alcuni casi la sosta in doppia fila è anche reato penale e può condurre persino in carcere. Tuttavia in particolari situazioni può essere giustificata.

11 aprile 2019 - 15:22

A processo per una sosta in doppia fila? Assolutamente sì: alcuni giudici hanno stabilito che la pessima abitudine del parcheggio selvaggio non comporta soltanto la violazione del Codice della Strada, ma in certi casi può diventare reato penale. Insomma, chi parcheggia in doppia fila (o tripla) rischia non solo una severa sanzione pecuniaria ma persino il carcere. Tuttavia in certe situazioni di urgenza o pericolo può essere ammessa.

SOSTA IN DOPPIA FILA E CODICE PENALE

Recentemente l’argomento sosta in doppia fila è tornato alla ribalta dopo la decisione della Procura di Roma di contestare ai trasgressori il reato di “Interruzione di un servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità”, previsto dall’art. 340 del Codice Penale e punito con la reclusione fino a un anno. Questo perché molto spesso le auto in doppia fila bloccano il passaggio di autobus e tram, interrompendo di fatto un servizio pubblico, e più pericolosamente anche quello delle ambulanze. Ovviamente disagi del genere non capitano solo nella Capitale ma si verificano in tutte le grandi città, e anche in quelle un po’ meno grandi. Compresa Milano, dove gli avvisi dell’azienda del trasporto pubblico locale, riguardo l’interruzione di corse a causa di vetture in sosta vietata, sono ormai all’ordine del giorno. Ecco un esempio freschissimo:

CASI IN CUI IL PARCHEGGIO IN DOPPIA FILA PUÒ CONDURRE IN CARCERE

In realtà l’azione della Procura di Roma non è del tutto inedita. Già in passato, infatti, alcune sentenze avevano ravvisato nel parcheggio in sosta vietata gli estremi di un reato penale punibile con il carcere. Reati anche gravi come violenza privata (art. 610 del C.P.), che può sussistere se un automobilista lascia intenzionalmente la propria vettura in doppia fila o comunque in divieto di sosta bloccando la libertà di movimento di uno o più soggetti. O peggio ancora omicidio colposo (art. 589 del C.P.) o lesioni personali colpose (art. 590) se lasciando l’auto in doppia fila si provoca un incidente stradale grave. Chi parcheggia in doppia fila è quindi un conducente non soltanto indisciplinato ma potenzialmente pericoloso. Ed è giusto che sia punito in maniera proporzionale alle proprie colpe.

MULTE E SANZIONI PER LA SOSTA IN DOPPIA FILA

Dal punto di vista amministrativo la sosta selvaggia è disciplinata dal Codice della Strada. L’articolo 158, comma 2, lettera c) dispone che la sosta di un veicolo è vietata “in seconda fila, salvo che si tratti di veicoli a due ruote, due ciclomotori a due ruote o due motocicli”. Il comma 6 stabilisce inoltre che “chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 24 a euro 97 per i ciclomotori e i motoveicoli a due ruote e da euro 41 a euro 168 per i restanti veicoli”, precisando nel comma 7 che “le sanzioni si applicano per ciascun giorno di calendario per il quale si protrae la violazione”. In più l’articolo 159 del CdS sancisce la rimozione forzata del veicolo qualora la sosta vietata “costituisca pericolo o grave intralcio alla circolazione”.

SOSTA IN DOPPIA FILA: QUANDO È AMMESSA?

Ci sono però particolarissimi casi in cui la sosta in doppia fila può essere ammessa. Non c’è un articolo di qualche codice che ne parli esplicitamente, ma in occasione di alcuni ricorsi i giudici si sono rifatti all’art. 54 del Codice Penale riguardante lo “Stato di necessità”. Tale articolo dispone infatti che “non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo”. Ciò significa che si può giustificare un parcheggio in doppia fila solo in situazioni di evidente pericolo, urgenza o gravità per sé o per gli altri. Per esempio un conducente che si ferma per soccorrere una persona che sta male o perché lui stesso non è più nelle condizioni psico-fisiche di guidare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa