L’Autopilot investe i pedoni: la Tesla Model 3 fallisce il test

La Tesla Model 3 ha il più avanzato sistema di guida semi autonoma, ma non sempre l’Autopilot sembra riconoscere i pedoni nel confronto con altri sistemi

21 settembre 2020 - 11:38

L’Autopilot Tesla esce sconfitto da un test comparativo in Cina su 4 modelli di auto elettriche con sistemi di assistenza alla guida. I media cinesi portano in pista e su strada delle Tesla Model 3, Nio ES6, Aion LX80 e Lixiang One. Le prove visibili nei paragrafi sotto mettono nuovamente in discussione l’efficacia dell’AEB nel riconoscere i pedoni: la Tesla Model 3 ha fallito il test.

LE AUTO CON FRENATA AUTOMATICA NEL TEST

Un test di cui si sta molto parlando in Cina vede un confronto atipico: la Tesla Model 3 e altre 3 vetture elettriche presso lo Shanghai National Intelligent Networking Center. Al di là della bandiera del brand i media cinesi hanno messo a confronto i più avanzati sistemi di guida semi autonoma. E il risultato non è rassicurante per i pedoni che l’auto dovrebbe riconoscere ed evitare, attivando la frenata automatica AEB. Prima di passare all’argomento pedoni, bisogna precisare che la Tesla Model 3 si mostra nettamente avanti rispetto agli altri modelli nella prova di deviazione obbligata di carreggiata e di parcheggio autonomo. Davanti a un muro di coni obliquo, infatti, il sistema Autopilot è l’unico a riconoscere l’ostacolo fisso e spostarsi di lato. Le altre 3 auto ci sbattono contro fino a fermarsi.

PROVE DI FRENATA CON L’AUTO E UN PEDONE CHE ATTRAVERSA

Le prove di frenata AEB con pedoni sono state effettuate alla velocità di 50 km/h in diverse modalità:

– bimbo fermo al centro della carreggiata;

– bimbo che attraversa davanti all’auto;

– adulto che attraversa davanti all’auto;

Nel resoconto del test accompagnato dai video delle prove, si vede con chiarezza che quando il bambino è fermo, tutte le auto evitano l’impatto. Una situazione inaspettata si verifica invece quando il pedone (sia bimbo che adulto) si muove. Sorvolando sui modelli venduti esclusivamente in Cina, ci soffermiamo sull’esito che riguarda la Tesla Model 3 e la Nio ES6. La Nio è notoriamente l’auto elettrica più apprezzata in Cina come alternativa alle Tesla e l’azienda ha dichiarate intenzioni di portarla anche in Europa.

PRESTAZIONI TESLA MODEL 3 TRA LUCI E OMBRE

L’esito delle prove che hanno destato scalpore è relativo alla frenata di emergenza AEB quando il pedone attraversa sulle strisce davanti a un’auto che sopraggiunge a 50 km/h. Il pedone adulto si salverebbe solo nel test con la Nio ES6, mentre è stato investito dalla Tesla Model 3 e dalle altre 2 auto. Va peggio ancora con il bambino. La Nio frena ed evita l’impatto, mentre solo la Tesla Model 3 riconosce solo il pedone ma sembrerebbe non aver accennato minimamente una manovra di evitamento. Queste prove, al di là, dei brand coinvolti sono l’ulteriore conferma che l’AEB non è sempre sicuro per i pedoni, come già abbiamo anticipato qui. Occhi aperti quindi anche quando siete al volante di un’auto a guida semi autonoma, perché la responsabilità è sempre del conducente distratto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020