ADAS sulle auto usate: il 30% dei proprietari non sa di averli

Auto usate con ADAS sconosciute agli acquirenti: chi acquista in concessionaria è informato meglio sulla dotazione. Ecco come verificarla

18 febbraio 2022 - 15:00

Oggi è molto difficile acquistare un’auto usata da un rivenditore professionista che non abbia almeno gli airbag, l’ABS e l’ESC. In realtà la diffusione dei sistemi ADAS non è altrettanto scontata e, complice la scarsa comunicazione del rivenditore ai clienti, chi compra un’auto usata con sistemi ADAS non sa neppure di averli. Questa evidenza è emersa da un’indagine dell’Istituto per la sicurezza stradale IIHS. Da questa scarsa conoscenza dei sistemi di cui è dotata un’auto usata scaturiscono molte criticità soprattutto riguardo ai casi di “misuse” e errata manutenzione. Nei paragrafi seguenti vi spieghiamo anche come fare per risalire alle dotazioni di serie e optional delle auto anche senza conoscere l’allestimento.

CHI COMPRA UN’AUTO USATA NON SEMPRE SA QUANTO E’ SICURA

Da un’indagine dell’IIHS è risultato che gli acquirenti di auto usate negli USA sono meno propensi a conoscere le funzionalità ADAS delle auto rispetto agli acquirenti delle auto nuove. Da questa discrepanza, emerge anche che chi guida un’auto usata anche recente, “è meno probabile che sia in grado di descrivere come funzionano quelle funzionalità e fidarsi dell’auto”, afferma Ian Reagan, ricercatore senior dell’IIHS. L’istituto ha commissionato un’indagine su oltre 750 conducenti che guidano auto degli anni 2016-19 dotati di funzionalità avanzate di assistenza alla guida di serie. Di questi, 402 proprietari hanno acquistato le auto nuove e altri 362 hanno acquistato auto usate con ADAS.

ADAS SU AUTO NUOVA: ACQUIRENTI MOLTO PIU’ INFORMATI

Le risposte al sondaggio hanno fatto emergere globalmente che chi acquista un’auto nuova è meglio informato sui sistemi dell’auto rispetto a chi acquista l’auto usata con ADAS. Queste differenze emergono soprattutto per i sistemi più diffusi tra quelli diventati obbligatori anche in Europa dal 2022:

– Avviso angolo cieco (Blind Spot Warning), l’84% degli acquirenti di auto nuove sapeva che il proprio veicolo ne era dotato, rispetto al 72% degli acquirenti di auto usate;

– Avviso di deviazione dalla corsia (Lane Departure Warning), il 77% degli acquirenti di auto nuove saprebbe descrivere come funziona, rispetto al 66% degli acquirenti di auto usate;

COME VERIFICARE LA DOTAZIONE DI SERIE E OPTIONAL SU UN’AUTO

L’IIHS spiega queste differenze col fatto che il 95% degli acquirenti di auto nuove si è rivolto a un concessionario ufficiale del Brand, rispetto al 74% degli acquirenti di auto usate che si sono rivolti a rivenditori multimarche. E’ anche vero, secondo noi, che spesso la scelta di un’auto nuova è guidata anche dalla valutazione della dotazione. Conoscere esattamente le caratteristiche della propria auto permette di utilizzarla appieno e nel modo corretto, ma anche nel modo più sicuro. Dalle telecamere e dai sensori ad esempio dipende l’efficienza dei sistemi di sicurezza attiva, che richiedono molte precauzioni, dalla corretta pulizia alla manutenzione. Sapevi che basta un solo grado di disallineamento per compromettere gli ADAS? Ne parliamo in questo articolo. Un modo molto semplice per conoscere la dotazione originaria dell’auto così com’è uscita dalla fabbrica, è verificare il numero di telaio di un’auto usata. Oppure rivolgersi a un’officina della rete ufficiale che potrà fare lo stesso controllo accedendo direttamente alla banca dati del Brand.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre