Come verificare il numero di telaio di un’auto usata

La verifica del numero di telaio su un'auto usata può far risparmiare un bel po' di soldi e mette al sicuro dai rischi di truffa. Ecco come fare

8 marzo 2021 - 11:44

Stai per comprare un’auto usata che ti sembra un affare ma non sei sicuro se i km sono reali oppure no? Adesso ti daremo qualche consiglio che potrà aiutarti a scoprire la storia dell’auto, inclusi incidenti stradali subiti e tutte le informazioni utili a capire se è un buon acquisto o è meglio starne alla larga. Ecco come verificare il numero di telaio di un’auto usata.

Se sei arrivato a leggere questo articolo probabilmente non sapevi che esistono piattaforme specializzate che riescono a ricostruire l’intera cronologia di un veicolo. Una delle più popolari e è carVertical. I suoi esperti sono in grado di verificare se un’auto è incidentata in modo grave, così da evitarti costose riparazioni supplementari e dirti se ti trovi di fronte ad una possibile truffa, come quella delle auto “schilometrate”. Per evitare questi inconvenienti, l’unica cosa che serve è il VIN (Vehicle Identification Number), ossia il numero di identificazione del veicolo, un codice univoco di 17 caratteri che nel linguaggio comune è meglio conosciuto come numero di telaio. Effettuando il controllo del numero di telaio dell’auto otterrai la storia completa della macchina che vuoi comprare. Vediamo come fare questo controllo partendo proprio dal VIN.

VIN AUTO: COS’È E DOVE LO TROVO

Il VIN (o numero di telaio) è un codice che permette di conoscere le informazioni più importanti di un veicolo specifico: marca, modello, stabilimento e anno di fabbricazione, tipo di carrozzeria e alcuni degli optional installati. La posizione del numero d’identificazione del veicolo varia a seconda del modello di autovettura. In generale le case automobilistiche lo inseriscono in più punti, anche per individuarlo più facilmente.

Ecco i posti più comuni dove cercare il numero di telaio nella tua auto:

– nell’angolo inferiore destro o sinistro del parabrezza, spesso visibile dall’esterno;

– nel vano motore;

– nella parte inferiore del “montante B”;

– sul pianale del bagagliaio o nel vano ruota di scorta;

– nella zona interna della portiera lato guida, tra lo sportello e il telaio;

In ogni caso il VIN si può trovare anche sui documenti auto: sulla polizza assicurativa, sul certificato di proprietà cartaceo e sul libretto di circolazione (secondo quadrante lettera “E”). Un consiglio importante prima di comprare un’auto usata, assicurati che tutti i numeri di telaio che trovi siano identici e corrispondenti tra auto e documenti, altrimenti c’è qualcosa che non va. In generale, la verifica del numero di telaio è utile alle forze dell’ordine, per identificare auto sospette, e alle officine meccaniche per eseguire le riparazioni. Ma può tornare molto utile anche a te che stai pensando di acquistare un’auto usata, per conoscerne la storia ed eventuali problemi che il venditore potrebbe non conoscere o nascondere.

COME CONTROLLARE LA STORIA DELL’AUTO CON IL VIN

Per ottenere la cronologia del veicolo bisogna fare la verifica del numero di telaio. Questa operazione può essere fatta su apposite piattaforme online, in modo più o meno semplice. Sul sito carVertical il controllo della storia dell’auto avviene in 4 semplici passaggi, basta inserire il VIN nell’apposito campo, verificare i risultati del controllo preliminare e poi procedere all’acquisto del report completo.

QUALI INFORMAZIONI SONO RIPORTATE SULLA CRONOLOGIA DELL’AUTO

Potremmo definire il VIN come il codice genetico dell’automobile. La verifica del numero di telaio permette di conoscere molte informazioni:

– Info Generali. Marca, modello, stabilimento e anno di fabbricazione, tipo di carrozzeria, dotazioni di fabbrica, immatricolazione, cambio di documenti ed eventuali passaggi di proprietà;

– Chilometraggio e Informazioni su una eventuale manipolazione del contachilometri. Le frodi chilometriche sono le più diffuse, in Italia come nel resto d’Europa, scoprire se ad un’auto è stato manomesso il contachilometri può farti risparmiare molto denaro, fino al 25% in meno;

– Furto. Scoprire che un’auto risulta rubata, magari in un altro Paese, è una coincidenza meno rara di quanto si possa pensare. Inoltre, alcuni veicoli potrebbero essere stati radiati per eliminare più tracce possibili e reimmatricolarli in un Paese estero. Acquistare un’auto in una di queste condizioni causa più di una semplice scocciatura;

– Cronologia degli incidenti e prove dei danni. Qualsiasi veicolo può aver subito danni, talvolta anche gravi, ed essere stato riparato alla buona e senza specificarlo. Comprare un’auto incidentata senza saperlo, significa pagarla più del dovuto, rischiare di dover spendere altri soldi per probabili riparazioni future (vedi immagine sotto) e correre inutili rischi per la propria incolumità e quella dei passeggeri;

– Vendita. Sapere se in passato l’auto è già stata messa in vendita può dirci molto;

– Manutenzione. Sapere se un’auto è stata sottoposta a tagliandi regolari, ha subito diversi interventi di manutenzione, revisioni, prove delle emissioni o lavori minori di riparazione, ci può fornire un quadro migliore sullo stato di manutenzione del veicolo che intendiamo acquistare;

– Utilizzo. Dalla verifica del telaio possiamo scoprire se l’auto è stata usata come veicolo per usi speciali (per disabili o forze dell’ordine, scuola guida, autonoleggio, trasporto pubblico, taxi o veicolo per consegnare merci), ecc.;

– Limitazioni d’uso. Per conoscere se un’auto è stata oggetto d’ipoteca, confisca o altre limitazioni dei diritti di proprietà.

Devi sapere che l’affidabilità di tutti i dati elaborati è garantita tramite la tecnologia blockchain che ne impedisce qualunque tentativo di modifica, falsificazione o manipolazione.

VERIFICA NUMERO TELAIO: PERCHÉ È IMPORTANTE CONOSCERE LA STORIA DELL’AUTO?

Le frodi chilometriche sono le più diffuse. Secondo una ricerca condotta da carVertical, a fronte del pagamento di un paio di centinaia di euro per scalare i km auto, il suo valore aumenterebbe fino al 25% in più. Anche i contachilometri protetti da sofisticati software possono essere facilmente alterati: i veicoli immatricolati tra il 2016 al 2020 vengono ringiovaniti in media di 36.000 chilometri, mentre quelli prodotti tra il 1991 e il 1995 fino a 80.000 chilometri, con punte che in alcuni casi hanno toccato l’incredibile cifra di 200.000 o anche 400.000 chilometri in meno! Quindi qualche informazione in più acquistando un report cronologico può rappresentare un grande guadagno in sicurezza e serenità di non aver comprato un bidone.

COSTO VERIFICA NUMERO DI TELAIO: PERCHÉ NON È GRATUITA?

Conoscere le informazioni dettagliate di un’auto usata del valore di diverse decine di migliaia di euro può aumentarne il suo valore o salvare i vostri soldi da un investimento incerto. Ma per stilare questi report dettagliati si utilizzano diverse fonti: officine, registri statali, compagnie assicurative, flotte di veicoli connessi e molte altre. Costruire un enorme database e aggiornarlo di continuo comporta dei costi. Inoltre il servizio è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con informazioni non manipolabili perché protette con tecnologia Blockchain, ma acquistabile a un prezzo simbolico.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Opel Corsa elettrica: caratteristiche e prezzi con e senza incentivi

Divieto di transito

Divieto di transito autoveicoli: segnali e multe

Scuola guida: cosa serve per aprirne una?