Si torna alle gomme estive: un'occasione per controllare la pressione

Dal 15 aprile terminano le ordinanze invernali e si torna alle gomme estive. Scopri come e perché conviene controllare la pressione

13 aprile 2016 - 10:15

Tra qualche giorno, scadranno in molte zone d'Italia le ordinanze che impongono l'uso di pneumatici invernali su strade statali e autostrade. È quindi giunto il momento di tirar fuori il treno di gomme estive o controllare la pressione e l'usura se sono già montate sull'auto per risparmiare carburante e viaggiare in sicurezza. Scopri come e perchè è importante controllare le gomme quando cambia la temperatura.

PRONTI AL CAMBIO GOMME Dal prossimo 15 aprile termineranno le ordinanze invernali e si potrà tornare a impiegare le gomme estive o le cosiddette 4 stagioni. E' bene precisare che è possibile continuare a utilizzare le gomme invernali fino al prossimo 15 maggio qualora queste abbiano un codice velocità inferiore a quanto riportato dalla carta di circolazione.  Se il codice velocità, riportato sul fianco dello pneumatico, è invece corrispondente alle indicazioni del libretto è possibile tenere le gomme termiche anche durante la stagione estiva, ma non è certo la scelta più corretta e soprattutto sicura. Gli pneumatici invernali sono molto sensibili alla temperatura atmosferica, quando la temperatura supera i 12-15 gradi il deterioramento della gomma è molto più rapido ed è stato ampiamente dimostrato che già a 20 gradi gli spazi d'arresto in frenata si allungano inesorabilmente (leggi qui maggiori dettagli sulle gomme invernali). Dopo una lunga sosta nel box, o comunque dopo una stagione dalle temperature più fredde (scopri perchè la pressione si abbassa) anche le gomme estive esigono un checkup. Vediamo come

CONTROLLO MENSILE DELLA PRESSIONE Montando sull'auto il treno di gomme estive è opportuno verificare il corretto gonfiaggio degli pneumatici, tenendo conto delle indicazioni del costruttore e del carico con il quale si viaggia. Mantenere una ottimale pressione degli pneumatici auto è vitale per tenerli in buona salute, renderli performanti, viaggiare in sicurezza e ridurre i consumi di carburante. Una gomma sgonfia o, analogamente gonfiata con una pressione eccessiva, non assicura le doti di tenuta con cui è stata sviluppata, incide negativamente sui consumi, scompone l'assetto della vettura e può usurarsi e deformarsi in maniera rapida e disomogenea. È opportuno ricordare che la temperatura esterna influisce in maniera sensibile sulla pressione delle gomme, variando la densità dell'aria. Costruttori di pneumatici e professionisti della manutenzione suggeriscono, correttamente, di verificare almeno una volta al mese la pressione delle gomme estive o invernali che siano, compresa quella di scorta, soprattutto se la vettura non è dotata dei sensori TPMS (Tyre Pressure Monitoring System).

APPROFITTARE DEL CAMBIO PER UN CHECK UP Se a molti lettori l'idea di dover cambiare ogni sei mesi circa il treno di gomme della propria auto può sembrare una incombenza noiosa, è bene considerare che si tratta di un momento delicato e importante per dedicarsi al controllo di uno dei componenti prioritari per la sicurezza della nostra automobile. Poter maneggiare di persona gli pneumatici della propria auto con cadenza semestrale permette di verificarne lo stato di usura, la presenza di danni o un consumo irregolare del battistrada (sai leggere tutti gli indicatori di uno pneumatico? Mettiti alla prova!). L'operazione di cambio gomme può essere fatta da sé, ma è sempre consigliabile lasciarla fare a un gommista professionista, il quale può effettuare un controllo più approfondito sulle condizioni degli pneumatici, verificare ed eventualmente intervenire sul bilanciamento e gonfiarli alla corretta pressione. Va inoltre ricordato che lo stato degli pneumatici può essere verificato anche dalla Polstrada durante i controlli di routine e in occasione dell'annuale operazione Vacanze Sicure, iniziativa promossa dall'organo di Polizia, Assogomma e Federpneus. I dati della Polstrada parlano chiaro: il 14,5% delle auto controllate la scorsa stagione (9000 controlli in 6 regioni) era in viaggio nonostante gli pneumatici fossero troppo usurati, sgonfi, non adatti al veicolo o addirittura non omologati. Un buon motivo, quindi, per prepararti alla stagione e pianificare viaggi in sicurezza con tutta la famiglia senza stress e multe inaspettate.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto prodotte in Cina: sono già il 14% delle vendite in Europa

Toyota Yaris Hybrid vs Toyota Yaris: costi di manutenzione a confronto

Incentivi auto 2021

Incentivi auto 2021: a Ottobre stanziati altri 100 milioni