Test gomme invernali: ecco come vengono fatti

Come si svolge una comparativa di pneumatici dell’ADAC e da dove provengono le gomme invernali usate nei test? Ecco tutte le risposte

26 ottobre 2022 - 17:00

Puntualmente vi parliamo dei test sugli pneumatici invernali svolti da Club Automobilistici ed enti indipendenti. E spesso riceviamo domande dai lettori su curiosità che riguardano le prove, come vengono testati gli pneumatici invernali in una tipica comparativa di prodotti e molto altro. In questo articolo vi sveleremo con l’aiuto dell’Automobile Club Tedesco, tra i principali Club impegnati nelle prove indipendenti, il dietro le quinte dei test sulle gomme invernali. In questo approfondimento puoi leggere i test più recenti e le classifiche dei migliori pneumatici invernali.

Aggiornamento del 26 ottobre 2022: miglioramento leggibilità e contenuti più utili e attuali per i lettori

COME SI SVOLGONO I TEST SUGLI PNEUMATICI INVERNALI

Quando vi parliamo dei test gomme invernali, gran parte del lavoro svolto dai collaudatori si riassume nel report con tutti i pro e i contro degli pneumatici testati. Ma prima di arrivare a questo ci sono mesi di preparativi, come spiega l’ADAC. “E’ necessario procurarsi pneumatici, cerchi e veicoli di prova, prenotare le piste di prova, nonché organizzare il team. Hotel e voli vengono prenotati contemporaneamente. E’ un enorme sforzo logistico”. Anche la più minuziosa organizzazione però non è esente da imprevisti che si possono verificare in qualunque momento. Per questo nei test delle gomme i tecnici devono mettere in conto qualsiasi criticità legata soprattutto al meteo. Le temperature ambientali e l’umidità infatti sono tra i principali fattori che influenzano l’aderenza degli pneumatici.

DA DOVE VENGONO LE GOMME UTILIZZATE NEI TEST?

L’aspetto più curioso che in molti ci chiedono riguarda la provenienza delle gomme nei test dell’ADAC. Per  escludere la possibilità che i Costruttori possano in qualche modo influenzare i risultati, fornendo pneumatici più performanti diversi da quelli in produzione, l’ADAC compra gli pneumatici da testare direttamente sul mercato. “In questo modo vengono testati solo i modelli effettivamente disponibili in commercio, non prototipi o modelli pre-serie”, spiega Martin Brand, esperto tecnico ADAC. La preparazione invece avviene nell’ADAC Technik Zentrum a Landsberg am Lech con un team composto da esperti in misurazioni, collaudatori e da esperti pattugliatori stradali. Questi ultimi sono anche i collaudatori che effettuano i test dei super veicoli da soccorso prima che siano scelti per la flotta ADAC. Il team non si occupa solo del montaggio delle gomme, ma anche della corretta pressione delle gomme, della manutenzione dei veicoli e di tutte le misurazioni. “Ci conosciamo da anni e sono nate vere amicizie”, afferma Andreas Müller, parlando del lavoro di squadra.

TEST GOMME INVERNALI: 25 FRENATE PER OGNI PNEUMATICO

Gli pneumatici invernali sono consegnati ad Hannover da due camion e testati su due diversi tipi di veicoli, che cambiano in base alla misura delle gomme. Nei test non si lascia nulla al caso, riguardo alle caratteristiche riportate nell’etichettatura europea, e molte altre:

– test di rumorosità degli pneumatici dovuta al rotolamento che si può percepire anche in abitacolo;

– test di usura, da cui emerge la convenienza delle gomme su veicoli utilizzati per lavoro;

– distanza di frenata su strade asciutte e bagnate, su neve e ghiaccio.

Ogni pneumatico viene testato più volte e alla fine della giornata i computer salvano circa 25 dati di frenata per ogni pneumatico. Tutti i test sono ripetuti almeno due volte e da driver diversi. Un aspetto curioso è che durante le misurazioni e alla guida, i tester non sanno mai quali pneumatici sono montati sul veicolo. Per non influenzare la valutazione personale gli pneumatici vengono montati in modo anonimo, e ad ogni gomma è assegnato solo un codice per identificarla.

FINO A 400 CAMBI DI PNEUMATICI OGNI GIORNO NEI TEST DELLE GOMME INVERNALI

Nonostante una pianificazione quasi perfetta – spiega l’ADAC – non è mai possibile prevedere cosa accadrà. Ad esempio, quando si deve misurare il consumo di carburante su un percorso asciutto, ma all’improvviso piove. “Dobbiamo riprogrammare perché non possiamo influenzare il meteo”. Solo ad Hannover vengono controllati sei treni di ogni tipo di pneumatico selezionato, quindi 24 gomme uguali. Alla fine, ciò equivale a circa 800 pneumatici per ogni test, montati ripetutamente su auto diverse. L’equipaggio effettua fino a 400 cambi di pneumatici al giorno. Anche un piccolo imprevisto può scombussolare il lavoro organizzato in settimane.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?