Olanda: addio buche stradali, scoperto l'asfalto che si auto-ripara

Arriva dall'Olanda l'asfalto conduttivo che grazie al magnetismo è in grado di auto-ripararsi,potrà anche ricaricare le batterie delle auto elettriche

10 maggio 2017 - 10:00

Le pessime condizioni nelle quali versano le nostre strade sono sotto gli occhi di tutti, l'asfalto malandato non è una prerogativa italiana, un po' ovunque in Europa gli automobilisti lamentano il dissesto del manto stradale. Una interessante proposta per risolvere in maniera definitiva questo annoso e diffuso problema arriva dall'Olanda. Una università sta sviluppando un asfalto che si auto-ripara, evitando e prevenendo le buche stradali, scopriamo come funziona.

MANUTENZIONE COSTOSA E STRADE COLABRODO I costi della manutenzione stradale sono generalmente alti e spesso le amministrazioni impegnano i propri budget verso altre necessità pubbliche. Tutto ciò si traduce in strade dissestate con buche e crepe le quali, oltre a rendere meno sicure le strade, rappresentano un tormento per gli automobilisti e le loro vetture, sottoposte a uno stress meccanico non indifferente. A tutto questo bisogna sommare i costi, economici e sociali, degli incidenti stradali causati dalle cattive condizioni delle strade (Sai che puoi segnalare una strada in cattive condizioni e chiederne il ripristino).

ASFALTO CONDUTTIVO CHE SI RIPARA CON IL MAGNETISMO Immaginando un asfalto in grado di autoripararsi all'insorgere delle prime crepe, evitando così la formazione di pericolose buche larghe e profonde, un team di ricercatori olandesi dell'Università di Delft sta conducendo uno studio che potrebbe cambiare radicalmente la qualità del trasporto su gomma. Gli scienziati lavorano a un asfalto conduttivo, contenente una grande quantità di fibre metalliche; sfruttando un macchinario a induzione, sostanzialmente un grande magnete, è possibile scaldare l'asfalto e far sì che le particelle metalliche si agglomerino, richiudendo così le crepe (Leggi qui come la Scozia vuole risparmiare sulla manutenzione stradale).

IN FUTURO RICARICA PER LE ELETTRICHE DALL'ASFALTO In effetti non si tratta ancora di auto-riparazione, visto che comunque è necessario un intervento esterno con un macchinario, ma è possibile immaginare interventi di ripristino e manutenzione in tempi ridotti, magari senza dover ricorrere alle interruzioni stradali per l'apertura dei cantieri. Riguardo l'asfalto conduttivo i ricercatori olandesi suggeriscono un ulteriore vantaggio; sfruttando la particolare composizione del manto stradale è ipotizzabile di sfruttarlo per la ricarica delle auto elettriche (Scopri qui l'asfalto fotovoltaico realizzato in Francia).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla Model 3: i 10 difetti più frequenti sulla carrozzeria dell’auto

Viadotti autostrade

Autostrade e Ponti: i nuovi controlli passano a una società internazionale

App auto che spiano i conducenti: il 62% favorevoli per la sicurezza di guida