Le buche stradali costano: l'idea assurda in Scozia minaccia la sicurezza stradale

In Scozia le buche sono costate 2,7 milioni di sterline così per risparmiare le voragini diventano crepe nell'asfalto senza spendere un soldo

10 marzo 2016 - 10:00

Paese che vai buche che trovi. Una provincia scozzese escogita la riclassificazione delle buche stradali per tagliare i costi della manutenzione del manto stradale. Le associazioni degli automobilisti prevedono un boom di richieste di risarcimento danni.

METRO ALLA MANO SI DECIDE SE RIPARARE O MENO LE BUCHE – La Provincia di Perth and Kinross ha escogitato una opinabile soluzione per tagliare le voci di spesa in bilancio e precisamente quelle relative alla manutenzione delle strade pubbliche. Un nuovo regolamento rivede i parametri di valutazione delle buche stradali, innalzando del 50% il precedente limite minimo di 1.6 pollici (40 millimetri).  Adesso le buche profonde fino a 2.4 pollici (60 millimetri) non richiederanno l'intervento “d'ufficio” degli enti locali per il ripristino della sede stradale. Con questa trovata il “Council” di Perth and Kinross ha stimato di risparmiare ogni anno almeno 120.000 sterline, diminuendo in maniera consistente gli interventi di riparazione.

CON I VECCHI PARAMETRI TANTI INCIDENTI E UNA STRAGE DI CICLISTI – Se la politica locale pregusta già le eventuali plusvalenze di cassa, c'è chi è letteralmente sul piede di guerra contro questa decisione, la quale rischia di trasformare le strade scozzesi in un colabrodo. Le associazioni degli automobilisti lamentano già un gran numero di incidenti causati dalle cattive condizioni dell'asfalto; il 46% dei soci AA (Automobile Association, paragonabile al nostro A.C.I.) ha subito danni alla propria vettura a causa delle buche. Più accorato è l'appello dei ciclisti, per i quali il rischio di danni, soprattutto fisici è elevato. A seguito di una interrogazione parlamentare nello scorso gennaio è emerso che tra il 2010 e il 2011 sono deceduti 211 ciclisti in seguito a cadute e traumi causati dall'asfalto malridotto (sapevi che in Italia le buche fanno più paura di un'aggressione?).

RISPARMIARE SULLA MANUTENZIONE STRADALE È ANTIECONOMICO – Decisamente sensato è l'intervento di Rod Dennis, portavoce di RAC (la storica azienda di soccorso stradale britannica), il quale ha dichiarato che: “nonostante gli enti pubblici abbiano la reale necessità di contenere i costi, tagliare la spesa sulla manutenzione stradale è un falso risparmio”. I soldi risparmiati per il ripristino delle buche potrebbero non bastare per ripagare i danni alle automobili e i danni fisici alle persone. Tra il 2009 e il 2014 i consigli provinciali scozzesi hanno dovuto rimborsare ben 2.7 milioni di sterline agli automobilisti che li hanno citati per i danni alle proprie vetture. La notizia avrà forse fatto storcere il naso a molti lettori, ma le condizioni di molte delle nostre strade (in Italia servono 50 miliardi di euro per ripristinare le strade pubbliche), specie al sud Italia, sono dei veri e propri percorsi di guerra e non abbiamo mai visto un addetto comunale misurare una buca prima di ripararla, spesso non se ne ripara nessuna.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 35.000 euro

Attività di parcheggiatore abusivo

Attività di parcheggiatore abusivo: illecito o reato?

Auto elettriche 2020: i problemi più frequenti e su quali modelli