Hyundai presenta i Software Defined Vehicles, arrivo entro il 2025

Nel corso dell'evento Unlock the Software Age, il gruppo Hyundai ha anticipato la sua visione strategica per il futuro della mobilità

12 ottobre 2022 - 14:44

Hyundai Motor Group ha annunciato oggi la nuova strategia globale che delinea quello che sarà il futuro del gruppo coreano. Nel corso dei prossimi anni, infatti, l’azienda punta a trasformare tutta la sua gamma con un focus sul software. La nuova strategia è stata presentata in occasione del forum globale Unlock the Software Age. L’obiettivo principale del gruppo coreano è quello di trasformare tutti i suoi veicoli in Software Defined Vehicles (SDV) entro il 2025. Per raggiungere quest’obiettivo, l’azienda punta a mettere a disposizione della sua clientela una tecnologia software in continua evoluzione ed in grado di garantire aggiornamenti costanti per le vetture. Le novità annunciate da Hyundai arriveranno nel corso dei prossimi mesi, avviando un rapido programma di rinnovamento della gamma del gruppo.

HYUNDAI SVELA IL SUO FUTURO CON UNLOCK THE SOFTWARE AGE

Le linee guida del futuro prossimo di Hyundai Motor Group sono state definite. L’evento Unlock the Software Age è stata l’occasione per l’azienda per chiarire quale sarà il focus dell’immediato futuro. Non si punta solo sull’elettrificazione che già rappresenta un riferimento del gruppo che ha scelto di bloccare lo sviluppo di motori termici. Il software diventa un elemento centrale del settore automotive e la possibilità di aggiornare le funzionalità dei veicoli, nel corso del loro ciclo di vita, diventerà l’elemento caratterizzante della gamma Hyundai. Tutti i veicoli del gruppo coreano, presente sul mercato anche con i marchi Kia e Genesis, saranno Software Defined Vehicles. Il nuovo progetto si basa su di un maxi-investimento da 12,83 miliardi di dollari che il gruppo ha stanziato fino al 2030. Tale investimento punta a:

– rafforzare la divisione software del gruppo

– rafforzare lo sviluppo dei Software Defined Vehicles

Chung Kook Park, Presidente e Head della divisione R&S di Hyundai Motor Group, ha commentato così il nuovo programma dell’azienda: “Trasformando tutti i veicoli in Software Defined Vehicles entro il 2025, Hyundai ridefinirà completamente il concetto di automobile e assumerà un ruolo guida nell’introdurre un’era di mobilità mai sperimentata prima. La creazione di veicoli visionari, dotati della capacità di evolversi attraverso il software, consentirà ai clienti di mantenere i propri veicoli aggiornati con le ultime funzionalità e tecnologie anche molto tempo dopo l’acquisto”. L’intero evento di presentazione di Hyundai può essere rivisto in streaming:

IL PIANO DI HYUNDAI PER IL FUTURO DELLA MOBILITA’

Nel corso di Unlock the Software Age, Hyundai ha, quindi, definito la roadmap per il suo futuro “connesso”. L’azienda garantirà a tutti i modelli, compresi quelli già acquistati, la possibilità di beneficiare di aggiornamenti software Over the Air (OTA). Tali aggiornamenti serviranno ad introdurre miglioramenti costanti per tutti gli aspetti delle vetture:

– la sicurezza

– il comfort e le prestazioni di guida

– la connettività ed i servizi connessi

Hyundai ha avviato lo sviluppo di Connected Car Operating System (ccOS), una soluzione proprietaria che sarà alla base della nuova esperienza connessa della clientela. L’azienda ha già fissato un obiettivo preciso. Entro il 2025, infatti, tutti i veicoli del gruppo saranno pronti per ricevere aggiornamenti OTA. In questo modo, Hyundai potrà aggiornare costantemente la sua gamma, con nuove funzioni e miglioramenti continui. Per Hyundai, quindi, il futuro della mobilità si baserà su più livelli. La piattaforma dei veicoli e l’architettura elettrica ed elettronica sono solo la base di partenza. Per il futuro della mobilità, secondo la strategia del gruppo, un ruolo di primo piano lo ricopriranno la piattaforma software e di gestione dei dati delle auto connesse. La grafica diffusa dall’azienda e allegata qui di sotto riassume, schematicamente, la visione di Hyundai:

CON LA NUOVA STRATEGIA DI HYUNDAI LE FUNZIONI DIVENTANO ON DEMAND

Tra le novità del nuovo piano annunciato da Hyundai per il futuro della sua gamma c’è anche il servizio Feature on Demand (FoD). Si tratta di un nuovo sistema che consentirà agli utenti di personalizzare le funzioni del proprio veicolo, anche in una fase successiva all’acquisto. I clienti Hyundai avranno la possibilità di selezionare e acquistare funzioni e caratteristiche specifiche del veicolo, seguendo i propri gusti e le proprie necessità. Hyundai prevede di lanciare Feature on Demand (FoD) nel corso del 2023.

IL RUOLO DELLE NUOVE PIATTAFORME EV NEL FUTURO DI HYUNDAI

Un ruolo chiave per il futuro di Hyundai Motor Group lo giocherà la standardizzazione della piattaforma EV su cui realizzare i modelli futuri. L’azienda ha avviato un ambizioso programma per ridurre la complessità dei veicoli, migliorando l’efficacia della tecnologia SDV. Questo sistema getta le basi per un contenimento dei costi ed un incremento della redditività. Nel corso del 2025, inoltre, Hyundai inizierà ad introdurre i nuovi veicoli basati sulle nuove piattaforme EV:

eM: si tratta di una piattaforma sviluppata per i veicoli elettrici di tutti i segmenti che garantirà un miglioramento fino al 50% dell’autonomia con una singola carica, il supporto alla guida autonoma di livello 3 e agli aggiornamenti software OTA

eS: si tratta di una piattaforma sviluppata per i Purpose Built Vehicles (PBV) e caratterizzata dalla presenza di una struttura flessibile in grado di soddisfare le richieste del settore B2B

Queste piattaforme sono state sviluppate nell’ambito del sistema IMA (Integrated Modular Architecture) del Gruppo Hyundai. Tale sistema punta a semplificare la standardizzazione e la modularizzazione dei componenti chiave dei veicoli elettrici. Questo permetterà di utilizzare gli stessi componenti per un numero maggiore di veicoli, incrementando l’efficienza.

IL SOFTWARE AL CENTRO DELLA STRATEGIA DI HYUNDAI

Il cuore del progetto degli SDV di Hyundai c’è il nuovo Connected Car Operating System – ccOS. Si tratta del sistema operativo per auto connesse sviluppato internamente dall’azienda. Il progetto è in fase di sviluppo e può contare su di un partner d’eccezione. Hyundai, infatti, collabora a stretto contatto con NVIDIA, azienda leader del settore tech e dell’AI computing, per ottimizzare ccOS su NVIDIA Drive, la base hardware per garantire prestazioni al top. La collaborazione tra Hyundai e NVIDIA va avanti dal 2015 e oggi rappresenta un elemento centrale della nuova strategia del gruppo coreano. L’elevata capacità di calcolo garantita da ccOS è fondamentale per lo sviluppo di software di guida autonoma e ADAS ad alta efficienza. Il sistema operativo deve essere in grado di raccogliere ed elaborare un’elevata quantità di dati (da telecamere, radar e LiDAR del veicolo) in tempi rapidissimi. Il passaggio alla guida autonoma di livello 3 e i successivi step per verso i livelli 4 e 5, su cui Hyundai ha già avviato progetti sperimentali, si basano sull’adozione del nuovo controller di terza generazione. Un software ottimizzato ed un hardware con una potenza di calcolo elevata garantiranno un nuovo step in avanti per i servizi connessi di Hyundai.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori