Ford-Volkswagen: i dettagli sull’accordo in Europa e USA

Ford annuncia di realizzare una seconda auto elettrica sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen

15 marzo 2022 - 19:00

La collaborazione tra Ford e il Gruppo Volkswagen diventa ancora più stretta. Dopo il primo accordo annunciato nel corso del 2020, le due aziende hanno stretto una nuova partnership che andrà ad arricchire l’accordo precedente permettendo, in particolare a Ford, di poter registrare una decisa accelerazione del suo programma di elettrificazione. La partnership tra Ford e Volkswagen ruota intorno alla piattaforma MEB (Modulare E-Antriebs-Baukasten ovvero Piattaforma Modulare per Veicoli Elettrici). Ford ha già da tempo avviato lo sviluppo di un modello su base MEB. Per il futuro, grazie al nuovo accordo con Volkswagen, è previsto l’arrivo di un secondo modello che andrà ad arricchire la gamma elettrica del costruttore americano.

LA PIATTAFORMA MEB: IL PUNTO DI RIFERIMENTO DELLA GAMMA ELETTRICA DI VOLKSWAGEN

La piattaforma MEB è un punto di riferimento assoluto dell’attuale sistema produttivo del Gruppo Volkswagen e rappresenta il perno del programma di elettrificazione dell’azienda. Il progetto è stato presentato nel 2018 come parte di un maxi-programma di investimenti da circa 48 miliardi di dollari necessario per avviare e sostenere il programma di elettrificazione del gruppo. Il primo modello ad essere stato realizzato a partire dalla piattaforma MEB è la Volkswagen ID.3, entrata in produzione nel novembre del 2019. Oggi, invece, la MEB è la base di partenza di un gran numero di modelli. Attualmente, l’azienda tedesca realizza su base MEB un totale di 10 auto elettriche (ma diverse altre sono in arrivo) per cinque marchi. Nel 2021 sono stati realizzati circa 300 mila veicoli utilizzando questa piattaforma.

IL PRIMO ACCORDO TRA FORD E VOLKSWAGEN: UN’ELETTRICA SU BASE MEB PER L’EUROPA

Le potenzialità della piattaforma MEB e la necessità di accelerare il programma di elettrificazione spinsero, nel 2019, Ford a stringere un’importante partnership con Volkswagen. Il primo accordo tra i due colossi del mondo dell’auto prevedeva l’avvio della produzione di un’auto elettrica su base MEB. Tale modello, ancora in fase di sviluppo, verrà svelato nel corso del 2022 ed entrerà in produzione nel corso del 2023 nello stabilimento Ford di Colonia, in Germania. Tale stabilimento, a seguito di un massiccio programma di rinnovamento, è stato nominato come “Ford Cologne Electrification Center”. Il modello che Ford realizzerà su base MEB sarà un crossover medio a 5 posti. Si tratta di una tipologia di veicolo destinata a diventare centrale nelle strategie di Ford per il futuro in Europa. Nel 2021, infatti, SUV e crossover hanno rappresentato il 58% delle vendite complessive di Ford in Europa (nel 2020 erano meno del 40%).

FORD RADDOPPIA: UN SECONDO MODELLO SU BASE VOLKSWAGEN MEB

Il nuovo accordo con Volkswagen cambia completamente le carte in tavola. Ford ha, infatti, ampliato la partnership con il gruppo tedesco ed utilizzerà la piattaforma MEB per la produzione di un secondo modello. Il progetto in questione sarà un crossover sportivo che sarà realizzato, anche in questo caso, presso l’impianto di Colonia. La rinnovata partnership con Volkswagen prevede, quindi, un notevole incremento dei volumi di produzione su base MEB. Complessivamente, l’Electrification Center di Colonia realizzerà 1,2 milioni di veicoli elettrici sfruttando la piattaforma MEB. Le attività produttive partiranno nel 2023 e dureranno per 6 anni. Di fatto, il nuovo accordo raddoppia gli investimenti di Ford per l’elettrico e le previsioni di utilizzo della piattaforma MEB.

UN MAXI INVESTIMENTO PER IL FUTURO ELETTRICO DI FORD IN EUROPA

Il rafforzamento della partnership con Volkswagen è anche l’occasione per Ford di registrare un enorme passo in avanti del programma di elettrificazione in Europa. L’impianto di Colonia, infatti, riceverà un investimento complessivo di circa 2 miliardi di dollari. Tale investimento è mirato al raddoppio della produzione prevista su base MEB per i prossimi 6 anni (da 600 mila unità a 1,2 milioni). Parte dell’investimento, inoltre, sarà destinato alla realizzazione di un nuovo impianto di assemblaggio di batterie che sarà parte del complesso industriale di Colonia. Ford prevede di avviare la produzione di quest’impianto entro il 2024, in parallelo all’avvio della produzione del secondo modello su base MEB.

SETTE VEICOLI ELETTRICI PER FORD IN EUROPA

Lo sviluppo di un secondo modello su base MEB rappresenta un elemento importante per il futuro elettrico di Ford. L’azienda americana ha anticipato che, entro il 2024, prevede di lanciare:

– 3 nuove auto elettriche (le due su base MEB più la versione elettrica della Ford Puma);

4 nuovi veicoli commerciali, tra cui ci saranno varianti a zero emissioni del Transit Courier e del nuovo Tourneo Courier;

L’obiettivo è raggiungere quota 600 mila veicoli elettrici venduti in Europa entro il 2026 e avvicinare il target di 2 milioni di veicoli elettrici all’anno su scala globale.

FORD-VOLKSWAGEN: UN’ALLEANZA GLOBALE PER VEICOLI I COMMERCIALI E ALTRO

L’alleanza tra Ford e Volkswagen non si limita all’elettrificazione della gamma del brand americano in Europa. Si tratta, infatti, di un accordo globale molto più radicato e completo che mira a sostenere il business di entrambi i gruppi, aziende presenti in diversi segmenti del mercato automotive. La partnership stretta nel 2020 ha, infatti, gettato le basi per la realizzazione del Volkswagen Amarok, un pick-up medio realizzato in un impianto Ford in Sud Africa e destinato al Nord America e, in futuro, anche all’Europa. Contestualmente, l’accordo include lo sviluppo e la realizzazione di progetti comuni per il mercato dei veicoli commerciali, non solo in Europa ma anche negli USA. La collaborazione tra le aziende ha portato Volkswagen ad investire nella startup americana Argo Ai, sostenuta da Ford e specializzata nello sviluppo di soluzioni di guida autonoma.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori