Michelin: il cerchio si deforma e si adatta alle buche

Una nuova tecnologia potrebbe risolvere in un colpo solo il problema dei cerchi danneggiati e le forature. Arriverà davvero?

22 maggio 2018 - 11:55

Le buche sono uno dei peggiori nemici di un automobilista. Soprattutto dopo l'inverno, l'asfalto rovinato dal clima rigido e piovoso crea numerosi danni agli pneumatici, al cerchio, alla ruota in generale, e “last but not least” alle nostre tasche. Nei centri urbani la vita delle gomme è sempre più difficile, le buche di Roma sono ormai un caso nazionale? Michelin propone la soluzione. Si chiama Acorus, è una nuova tecnologia che permette a cerchi e pneumatici di deformarsi ed adattarsi agli urti: salverà finalmente le nostre ruote?

BUCHE, QUANTI GUAI L'importanza di uno pneumatico è spesso sottovalutata dall'automobilista medio, gomme usurate generano consumi maggiori ed alzano il rischio di forature ed incidenti: una buona manutenzione è necessaria e qui potete trovare alcuni consigli utili. A volte però non basta, l'imprevisto è dietro l'angolo ed anche una gomma nuova può cedere di fronte a quelli che possiamo tranquillamente definire “crateri urbani”; peggio ancora se oltre allo pneumatico si danneggia il cerchio: lì son dolori veri per il portafogli. Negli ultimi anni berline e crossover hanno ampliato la loro offerta, ora anche su allestimenti accessibili per prezzo troviamo di serie cerchi in lega imponenti e pneumatici ribassati, magari più belli e prestazionali (soprattutto sulle sportive) ma anche più delicati (scopri come scegliere i cerchi). La tecnologia di Michelin sviluppata in collaborazione con Maxion Wheels per risolvere il problema di danneggiamenti e forature si chiama Acorus, un nome derivante da una favola francese dalla morale “Ciò che si piega non si spezza” che lascia intuire tutte le sue funzionalità.

IL SISTEMA ACORUS Le ricerche Michelin hanno portato alla conclusione di una ruota flessibile, malleabile, che modificandosi in base all'urto riesce a prevenire gli shock da compressione sugli pneumatici e i danni alle ruote (come fare in caso di foratura? Qui la risposta). La tecnologia Acorus riguarda tutta il corpo ruota, è un insieme composto da un cerchio aggiuntivo coperto da due flange di gomma flessibili; come potete vedere dal video qui sotto la gomma flessibile contiene l'urto il cerchio di metallo si deforma nel momento dell'impatto riducendone l'entità. Guidatore e passeggeri non si accorgono di nulla, il sistema riduce il rischio di foratura e di sbandamento ma porta anche altri benefici: secondo Michelin infatti Acorus garantirebbe maggiore confort di guida, minore rumorosità ed un allungamento della vita di uno pneumatico.

SALVERÀ LE NOSTRE RUOTE? Acorus è una tecnologia disponibile per tutti i tipi di pneumatici delle vetture presenti sul mercato, anche il suo design è facilmente adattabile quindi non dovrebbe incontrare troppi problemi nell'entrare in commercio. Il suo impiego risulterebbe molto utile ai mezzi di soccorso, come ambulanze e forze dell'ordine che devono assolutamente evitare una foratura in condizioni di emergenza, ma va anche detto che la nuova tecnologia va ancora testata in situazioni reali e soprattutto con stili di guida più sportivi. La soluzione Michelin è stata lanciata in anteprima allo scorso NAIAS (North America Internationln Auto Show) per individuare i produttori che la introdurranno nel Nord America durante questo 2018, anche se la disponibilità iniziale sarà limitata a ruote da 19'' in su (leggi quali sono gli pneumatici di serie più affidabili negli USA). Ad inizio anno è stato siglato un accordo che prevede la fornitura della tecnologia Acorus per la flotta di autobus a guida autonoma di Navya, ma ancora non sappiamo quando diventerà disponibile anche per le nostre auto. Speriamo che i tempi siano brevi, perché vorremmo testarla e soprattutto salvare le nostre ruote.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto senza assicurazione cosa si rischia

Codice della Strada: la mini riforma slitta al 2020

Black Friday 2019: le offerte FCA durano fino al 2 dicembre

Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità