Foratura gomma: meglio sostituire o riparare lo pneumatico?

Cosa fare in caso di una gomma forata o bucata. Ecco come e quando, conviene riparare o sostituire lo pneumatico danneggiato

10 febbraio 2021 - 9:00

A quanti di voi è mai capitato di dover sostituire una gomma a causa di una foratura? Un inconveniente più che normale, che da grattacapo può diventare anche più rischioso se non ci si accorge immediatamente del danno. Un caso strettamente legato a questa possibilità riguarda la foratura lenta, ovvero quella situazione nella quale lo pneumatico perde lentamente pressione e, qualora non abbiate i sensori TPMS, potrebbe rischiare di diventare una situazione estremamente pericolosa. Cosa fare una volta individuato il problema? Meglio sostituire o riparare dopo una foratura alla gomma?

Articolo aggiornato il 10 febbraio 2021 alle ore 09:00

FORATURA GOMMA: PRIMA COSA DA FARE

Qualora vi accorgiate in tempo che una gomma è forata e perde pressione, la soluzione migliore è quella di gonfiarla il prima possibile. In modo tale da poter raggiungere un gommista per la riparazione nel minor tempo possibile e in maggiore sicurezza. La sosta dal benzinaio, in caso di emergenza è quella più valida, se non avete un kit ripara gomme con compressore. Ma attenti a non esagerare: le gomme calde mostrano una pressione maggiore di quella reale, per cui raffreddandosi dopo una sosta risulteranno di nuovo sgonfie.

I DANNI VISIVI DA CERCARE SU UNA GOMMA FORATA

Come accorgersi di una foratura lenta? Ci sono alcuni segnali chiari che indicano una perdita lenta e scostante di pressione all’interno dello pneumatico. Già a prima vista si possono cogliere determinati aspetti su una gomma forata, come ad esempio una forma atipica dello pneumatico. Altro segnale visivo si riferisce all’usura sulla spalla dello pneumatico. Prendiamo il caso in cui una gomma abbia perso lentamente pressione, sulla spalla si potrà immediatamente notare una usura anomala, grazie ai segni lasciati dall’asfalto per la deformazione dello pneumatico, secondo l’E.T.R.T.O. (Organizzazione Tecnica Europea per i Pneumatici ed i Cerchi). Controllando il battistrada inoltre si potrebbero notare detriti, come sassi, chiodi o viti, incastrati sulla superficie della nostra gomma. Non solo alla vista, ma anche all’udito si può cogliere la presenza di un detrito con annessa foratura lenta. Ogni rotazione dello pneumatico infatti, provocherà un ticchettio che indica la presenza di un oggetto in un punto specifico della gomma, facilitando, una volta individuato il momento, la ricerca di possibili oggetti incastrati nel battistrada. Un problema che non riguarda le auto di ultima generazione che, per legge, devono essere provviste di sensori TPMS per la pressione degli pneumatici segnalando eventuali anomalie al conducente tramite il computer di bordo e tramite le apposite spie.

FORATURA GOMMA: SOSTITUIRE O RIPARARE?

Una volta individuato tale problema come agire? Conviene sostituire la gomma forata o ripararla? Non c’è una risposta univoca, visto che i fattori in gioco sono molteplici e riguardano il tipo di detrito, il tipo di danno e pneumatico. Andando con ordine partiamo dalla situazione nella quale un chiodo o una vite si sono fatte largo nel battistrada, forse una delle situazioni più comuni. In questo caso basterà andare dal proprio gommista di fiducia e riparare il danno. Di solito ve la cavate con poche decine di euro, qualora vi siate accorti in tempo del danno senza che la gomma si deformasse oltremodo. Problema maggiore se la foratura lenta è causata da un danno sulla spalla. In questo caso non è possibile nessuna riparazione, visto che la spalla è una zona cruciale per la struttura dello pneumatico, conferendo rigidità alla struttura subendo notevoli sollecitazioni – e sapete che fine faranno le vostre gomme inutilizzabili?

I KIT DI RIPARAZIONE FORATURA GOMME: SOLUZIONE TEMPORANEA

Qualora siate in possesso dei sempre più consueti kit di riparazione gomme a bordo della vostra auto, che comprendono un compressore e una schiuma in grado di tappare il buco. E’ giusto riparare la foratura gomma, ma dovrete comunque recarvi da un gommista per provvedere alla riparazione completa dello pneumatico visto che, a lungo andare, incorrerete negli stessi identici rischi che correste con una gomma afflitta da una foratura lenta, con relativi danni permanenti allo pneumatico – perla sostituzione invece vi lasciamo alla nostra guida.

GOMME FORATE: I CERCHI COME POSSIBILE CAUSA

Pensavate che le cause di una foratura lenta fossero legate solo allo pneumatico, invece potrebbero esserci altre cause non direttamente legate a danni alle gomme. Anche un cerchio corroso potrebbe essere alla base di un problema di pressione alle gomme. Un caso estremo, ma che si può verificare su alcune tipologie di cerchi più inclini a questo genere di usura. Anche una piccola crepa o altri piccoli danni al cerchio potrebbero causare un problema del genere. Basti pensare a cerchi particolarmente grandi montati su gomme dalla spalla particolarmente bassa. Una buca, un gradino o altro potrebbero causare un danno al cerchio e non alla gomma, obbligandovi ad una sostituzione, costosa e immediata dell’intero cerchio. In ogni caso, il consiglio è di sostituire prontamente il vostro pneumatico.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu Milano

Strisce blu Milano 2021: orari, tariffe e norme

Prezzi carburante: come trovare quelli più convenienti

Pressione gomme auto: come cambia quando fa caldo