Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

Dato molto interessante sulle polizze RC auto 2022: nel terzo trimestre solo il 14,4% sono state stipulate online, con tariffe più basse

28 settembre 2022 - 16:00

Il nuovo bollettino IPER dell’IVASS sull’andamento dei prezzi delle polizze RC auto, riferito al secondo trimestre 2022, ha rilevato una riduzione su base annua del -2,1%, col premio medio attestatosi a 353 euro. In quest’ambito preferiamo però focalizzarci sui numeri delle imprese ‘dirette’, ossia quelle che operano prevalentemente tramite telefono o internet (cosiddette assicurazioni online), avendo constatato che la loro penetrazione è ancora marginale rispetto alla percezione comune, con appena il 14,4% dei rischi RC auto assicurati. È invece confermato che le tariffe online risultano mediamente più basse, ma non dappertutto.

ASSICURAZIONI ONLINE: LA DIFFUSIONE IN ITALIA NEL 2022

Nel secondo trimestre del 2022 il tasso di diffusione delle compagnie di assicurazione auto online e telefoniche, che non si avvalgono degli agenti per la sottoscrizione dei contratti, è dunque risultato pari al 14,4%, in aumento rispetto al valore osservato nel secondo trimestre del 2014 (12,1%), anno in cui sono iniziate le rilevazioni statistiche dell’IVASS, ma in sorprendente calo del -0,3% su base annua. Era dal 2015 che le polizze online non facevano registrare una riduzione.

Come era facile immaginarsi, i prezzi applicati dalle imprese dirette sono risultate in media più bassi rispetto ai contratti sottoscritti tramite canale tradizionale o imprese di bancassurance: da aprile a giugno 2022 gli assicurati presso le compagnie dirette hanno pagato in media l’11,7% in meno rispetto agli assicurati presso le imprese tradizionali, ossia 317 euro contro 359. Ma a parità di fattori di rischio il premio si è rivelato ancora più basso, nell’ordine del 13,7%.

Il gap di prezzo tra le compagnie tradizionali e quelle dirette si è notevolmente ampliato negli ultimi otto anni, passando da 33 a 42 euro. Invece, in controtendenza rispetto al mercato, nell’ultimo anno le imprese di bancassurance hanno visto aumentare il prezzo medio del +1,5%.

Ma in quale zona geografica d’Italia si ricorre di più alle assicurazioni auto dirette? Le imprese telefoniche e online raccolgono la maggior parte dei clienti al Centro (18,0%) e al Nord-Ovest (17,8%), meno al Sud (7,1%). Da notare che proprio nel Meridione un assicurato delle imprese dirette paga in media un premio superiore di circa 13 euro rispetto alle imprese tradizionali (396 contro 383 euro), unica macroregione ad avere questo dato. E che la media della classe di merito Bonus/Malus degli assicurati con le imprese dirette è più alta degli assicurati con imprese tradizionali (2,1 vs. 1,6).

POLIZZE RC AUTO 2022: NEL TERZO TRIMESTRE PROSEGUE LA DISCESA DEI PREZZI

Parlando in generale, il prezzo delle polizze RC auto effettivamente pagato per i contratti stipulati nel secondo trimestre del 2022, è stato in media pari a 353 euro (-2,1% in 1 anno). Tuttavia il 50% degli assicurati ha pagato meno di 316 euro e il 10% addirittura meno di 186 euro.

Gli assicurati di Napoli (528 euro), Prato (502 euro) e Caserta (469 euro) hanno avuto prezzi significativamente superiori al premio medio nazionale (353 euro). Al contrario, le province meno costose sono risultate Pordenone (274 euro), Oristano (268 euro) ed Enna (254 euro). Il differenziale tra le province di Napoli e Aosta è sceso del 12% su base annua, attestandosi a 185 euro.

COSTI RC AUTO 2022: L’INCIDENZA DELLA SCATOLA NERA

Il 21,2% delle polizze stipulate nel periodo di riferimento conteneva una clausola con effetti di riduzione del premio legata alla presenza di scatola nera, in aumento del +0,4% su base annua dopo la fase di contrazione osservata tra il 2020 e il 2021. La scatola nera è maggiormente diffusa in province caratterizzate da un livello del premio particolarmente elevato: Caserta (65,5%), Napoli (54,0%) e Crotone (39,9%). È invece minima a Bolzano (4,0%). La quota di contratti con black box a Napoli si è confermata più che tripla rispetto Milano (54,0 contro 16,6%).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali 245/40 R19 auto sportive: la classifica Auto Bild

Mercedes: auto elettriche più veloci a pagamento, ma la sicurezza?

Apertura M4 Milano: mappa e fermate metro operative e future