Si può guidare con la patente scaduta da pochi giorni

Decurtazione punti patente: come impugnare il provvedimento

Nel caso di un'infrazione che preveda la decurtazione dei punti della patente, ecco chi, quando e come può impugnare il provvedimento

8 settembre 2020 - 14:23

Alcune violazioni del Codice della Strada prevedono la sanzione accessoria della decurtazione dei punti della patente, come dispone l’articolo 126-bis. Chi esaurisce i 20 punti iniziali deve rifare gli esami per la patente, mentre chi subisce una perdita parziale può recuperare il punteggio originario frequentando corsi speciali. O, in alternativa, attendere la riattribuzione automatica dei punti se in due anni non commette alcuna infrazione (questa opzione è concessa solo in caso di perdita parziale). C’è comunque la possibilità di impugnare il provvedimento di decurtazione dei punti patente se ricorrono certe condizioni, vediamo quali.

QUANDO SI PUÒ IMPUGNARE IL PROVVEDIMENTO DI DECURTAZIONE DEI PUNTI PATENTE

Le principali ipotesi di invalidità della decurtazione punti patente sono le seguenti:

– il verbale che accerta la violazione non riporta tale sanzione accessoria;

– il verbale in cui si accertano più violazioni non indica a quale di esse si riferisce la decurtazione dei punti;

– il verbale non è notificato al conducente diverso dal proprietario;

– il conducente effettivo è diverso da quello il cui nominativo è stato comunicato dal proprietario alle autorità;

Infine non serve precisare che la decurtazione dei punti patente può essere impugnata anche quando si contesta l’intera violazione che l’ha determinata.

DECURTAZIONE PUNTI PATENTE: CHI PUÒ IMPUGNARLA

Ad impugnare la decurtazione dei punti patente dev’essere il conducente che l’ha subita, il quale può procedere a prescindere che il proprietario del veicolo (se non sono la stessa persona) abbia deciso o meno di contestare la violazione principale. Giova a questo punto ricordare che la perdita dei punti la subisce solo il conducente del veicolo. Se conducente e proprietario della vettura non coincidono, quest’ultimo, in caso di contestazione non immediata di una violazione che prevede la decurtazione dei punti, ha l’obbligo di segnalare, entro 60 giorni, chi c’era alla guida al momento dell’infrazione, anche se c’era lui stesso. La mancata segnalazione comporta una sanzione pecuniaria da 292 a 1168 euro. Ricordiamo che non è possibile impugnare solo la decurtazione ma dev’essere impugnato l’intero verbale. Inoltre se il proprietario paga la multa, il conducente può comunque fare ricorso per evitare la perdita dei punti.

COME IMPUGNARE IL PROVVEDIMENTO DI DECURTAZIONE DEI PUNTI

L’eventuale ricorso contro la decurtazione dei punti patente, impugnando come detto l’intero verbale, va inoltrato nelle stesse modalità con cui si impugnano tutte le contravvenzioni. Rivolgendosi quindi al Giudice di pace, entro 30 giorni dalla contestazione o notifica; o al Prefetto, entro 60 giorni. Per ulteriori dettagli leggi le nostre guide su come fare ricorso al Giudice di pace e come fare ricorso al Prefetto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali Hankook i*cept evo 3: i nuovi pneumatici anche UHP e SUV

Cassazione sorpasso contromano

Cassazione: il sorpasso contromano comporta due infrazioni

Autobus a fuoco: l’80% si incendia a causa del motore