Scuola guida: Green Pass obbligatorio per le lezioni in presenza

Novità per chi frequenta una scuola guida: Green Pass obbligatorio per le lezioni in presenza e per le guide con l'istruttore, la norma è già vigente

13 gennaio 2022 - 10:00

Da pochi giorni il governo italiano, tra le varie misure di contrasto al Covid, ha introdotto una novità che forse è sfuggita a molti ma che in realtà è piuttosto importante: i “corsi di formazione privati se svolti in presenza” sono stati aggiunti alle attività che richiedono obbligatoriamente il possesso del Green Pass. E questi corsi comprendono anche le lezioni in scuola guida per conseguire la patente, la CQC e altri tipi di abilitazioni. La norma è già vigente.

Aggiornamento del 13 gennaio 2022 dopo i chiarimenti del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili sul tipo di Green Pass (base o rafforzato) da esibire in zona bianca, gialla o arancione.

SCUOLA GUIDA: COSA CAMBIA CON IL GREEN PASS OBBLIGATORIO PER LE LEZIONI

La modifica è contenuta nell’articolo 8 comma 2 del decreto-legge n. 221 del 24 dicembre 2021, vigente dal giorno successivo. Come detto, i “corsi di formazione privati se svolti in presenza” sono stati aggiunti al lungo elenco di servizi e attività che richiedono già in zona bianca l’uso della certificazione verde Covid-19, meglio conosciuta come Green Pass, così come previsto dall’art. 9-bis del Dl 52/2021. Pertanto i candidati al conseguimento di una qualunque patente di guida che sono iscritti a un’autoscuola, per seguire le lezioni in presenza nell’aula della scuola guida devono avere il Green Pass. Ma non solo: la certificazione verde è necessaria anche per effettuare le guide con l’istruttore, mentre NON serve per gli esami. Infatti gli esami patente non sono assimilabili ai concorsi pubblici (che richiedono a loro volta il GP) e quindi non necessitano di certificazione verde come da specifica circolare del MIMS.

A proposito degli esami le cose potrebbero però cambiare a breve perché il decreto-legge n. 1 del 7/1/2022 ha deliberato, dal 1° febbraio al 31 marzo 2022, l’obbligo del Green Pass anche per accedere ai ‘pubblici uffici‘. E, come sappiamo, l’esame patente, sia teorico che pratico, si svolge sempre all’interno di un pubblico ufficio (le sedi delle Motorizzazioni sono dei pubblici uffici, così come le sedi esterne, ad esempio quelle di un’autoscuola, disciplinate per l’esercizio della funzione). Dal 1° febbraio 2022 potrebbe quindi servire il GP (base in zona bianca, gialla e arancione) anche per svolgere gli esami patente. È atteso entro il 23/1/22 un DPCM che faccia maggiore chiarezza su quest’aspetto, definendo eventuali servizi esclusi dal campo di applicazione dell’obbligo di Green Pass, in quanto necessari per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona.

SCUOLA GUIDA E GREEN PASS OBBLIGATORIO: MA QUALE?

Dunque già da fine dicembre per frequentare le lezioni nelle aule delle autoscuola serve il Green Pass. Sì, ma quale? Sappiamo infatti che ce ne sono di ben tre tipi: il Green Pass base, che si ottiene con il semplice tampone molecolare o antigienico negativo; il Green Pass rafforzato (o Super Green Pass) che viene rilasciato in seguito a vaccinazione o guarigione dal Covid; e adesso c’è anche il Green Pass booster (o Mega Green Pass) che si ottiene dopo aver fatto il booster del vaccino o rinforzando il Super Green Pass con un tampone negativo.

Ebbene, al momento per seguire le lezioni in presenza in una scuola guida è sufficiente il Green Pass base, ma solo in zona bianca e gialla, come ribadito dalla circolare del MIMS n. 519 dell’11 gennaio 2022 che cita le FAQ sul sito del Governo (anche se la norma di riferimento, il Dl 52/2021, dice altro). In zona arancione, invece, si richiede il Green Pass rafforzato, mentre in zona rossa cade l’efficacia di qualunque Green Pass e in ogni caso le lezioni in presenza sarebbero vietate.  Tali regole si applicano anche ai corsi CQC (qualificazione iniziale e formazione periodica); ai corsi per il recupero dei punti sulla patente o sui certificati di abilitazione professionale di tipo KA, KB e CQC; ai corsi per il conseguimento o l’aggiornamento del CFP ADR.

GREEN PASS NELLE AUTOSCUOLE: ALTRE COSE DA SAPERE

Ovviamente la modifica normativa riguarda solamente gli allievi delle autoscuole, dato che proprietari, istruttori e impiegati delle scuole guide, in quanto lavoratori del settore privato, erano già soggetti all’obbligo di Green Pass (e presto dovranno dotarsi di Super Green Pass, in pratica un obbligo vaccinale mascherato). Tra le altre cose da sapere, occorre precisare che:

– l’obbligo di GP per le lezioni in presenza in autoscuola non si applica ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica;

– i titolari e i gestori delle autoscuole sono tenuti a verificare, con gli appositi strumenti, che gli allievi delle lezioni siano muniti di certificazione verde Covid;

– l’obbligo di Green Pass per seguire le lezioni in presenza nelle scuole guida affianca ma NON sostituisce le regole sul distanziamento interpersonale, sulla sanificazione delle aule e sull’uso della mascherina (durante le lezioni basta la chirurgica), che pertanto si devono sempre rispettare con estremo rigore.

2 commenti

ikki.zo_15822849
20:08, 5 gennaio 2022

Salve. Mi duole informarVi che il Green Pass rafforzato si richiede dal 25 Dicembre in zona Gialla e superiori, non basta il green pass base. Bisogna far riferimento al decreto, e alle modifiche su quelli precedenti, non alla tabella del ministero che presenta un evidente refuso. Tale tabella sta generando molte incomprensioni e influisce negativamente sulla sicurezza.

    Raffaele Dambra
    0:26, 6 gennaio 2022

    Grazie per la precisazione, a quale decreto, articolo o comma fa riferimento?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre

Audi Q5 45 Sportback: nel test dell’alce non si comporta da SUV