Incentivi auto 2021

Incentivi auto 2021 con e senza rottamazione

Facciamo il riepilogo degli incentivi auto 2021 con e senza rottamazione, così come stabiliti dalla nuova Legge di Bilancio approvata di recente

4 gennaio 2021 - 16:00

Quali incentivi auto nel 2021? L’emergenza Covid-19 si è abbattuta come uno tsunami sul mercato automobilistico (in Italia si registra un -28,8% di vendite da gennaio a novembre 2020) e gli operatori del settore credono che l’unico modo per risollevare il comparto sia quello di favorire gli acquisti mediante nuovi bonus e contributi. La risposta del Governo non si è fatta attendere, tuttavia le misure messe in atto l’estate scorsa sono risultate insufficienti e i fondi più appetibili, quelli per le vetture con emissioni da 61 a 110 g/km di CO2, sono terminati in poco tempo. Tuttavia grazie all’ultima Legge di Bilancio sono arrivati nuovi contributi, che vanno ad aggiungersi all’Ecobonus e alle agevolazioni proposte da alcune Regioni. Facciamo pertanto un riepilogo degli incentivi auto 2021 con o senza rottamazione.

INCENTIVI AUTO 2021: ECOBONUS AUTO ELETTRICHE E IBRIDE PLUG-IN

L’Ecobonus 2019-2021 per acquistare auto elettriche e ibride plug-in, partito abbastanza in sordina il primo anno, è andato piuttosto bene nel 2020 tanto i 262 milioni di euro destinati per la categoria M1 (autovetture) sono andati pressoché esauriti. E per il 2021 il Governo ha stanziato ulteriori 390 milioni di euro tra fondi già assegnati nei mesi scorsi e altri previsti dalla nuova Legge di Bilancio. Di seguito i dettagli degli incentivi 2021 relativo alle sole auto elettriche e ibride plug-in sommando Ecobonus e nuovi contributi:

– Incentivo di 8.000 euro (+ 2.000 del rivenditore) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011.

– Incentivo di 5.000 euro (+ 1.000 del rivenditore) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, senza rottamazione.

– Un incentivo di 4.500 euro (+ 2.000 del rivenditore) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011.

– Incentivo di 2.500 euro (+ 1.000 del rivenditore) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km, senza rottamazione.

Gli incentivi sono validi anche per gli acquisti in leasing. Il prezzo di listino del veicolo acquistato non deve superare 50.000 euro compresi gli optional, IVA esclusa (quindi 61.000 euro con Iva). Il veicolo rottamato dev’essere intestato da almeno 12 mesi allo stesso soggetto intestatario del nuovo veicolo o a uno dei familiari conviventi. Gli incentivi dell’Ecobonus NON sono cumulabili con lo sconto del 40% sulle auto elettriche per i redditi più bassi.

INCENTIVI AUTO 2021: AUTO BENZINA E DIESEL EURO 6

Seguendo la linea già tracciata la scorsa estate e in discontinuità con i principi originari dell’Ecobonus 2019-2021 che puntava a incoraggiare l’acquisto di auto rigorosamente eco-friendly, nel 2021 ci saranno incentivi auto anche per i veicoli benzina, diesel, gpl e ibridi Euro 6 con emissioni da 61 a 135 g/km (soglia aumentata considerando, appunto, l’adozione del protocollo WLTP) attingendo da un fondo di 250 milioni di euro. Questi contributi sono però condizionati dalla rottamazione e durano solo 6 mesi. Ecco i requisiti per accedervi:

– Incentivo di 1.500 euro (+ 2.000 del rivenditore) per chi acquista, entro il 30 giugno 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 61 a 135 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011.

Il prezzo di listino del veicolo acquistato con emissioni da 61 a 135 g/km non deve superare 40.000 euro compresi gli optional, IVA esclusa (quindi 48.800 euro con Iva). Anche questi incentivi sono validi per gli acquisti in leasing.

Si ricorda inoltre che nell’ottica del passaggio al nuovo ciclo di omologazione WLTP (in vigore dal 2021) relativo al calcolo delle emissioni di CO2, ai fini dell’erogazione degli incentivi e solo per i veicoli acquistati fino al 31 dicembre 2020 e immatricolati dal 1° gennaio 2021, si considera in via transitoria, fino al prossimo 30 giugno, il valore di g/km di CO2 stilato in base al vecchio ciclo NEDC e riportato sulla carta di circolazione nel secondo quadrante al punto V.7. Per le auto acquistate DOPO il 1° gennaio 2021 deve considerarsi invece il valore di g/km di CO2 calcolato col nuovo ciclo WLTP.

INCENTIVI AUTO 2021: VEICOLI COMMERCIALI

Disposto, mediante emendamento alla nuova Legge di Bilancio, anche un fondo di 50 milioni di euro per l’acquisto di veicoli commerciali. Di cui 10 milioni riservati ai modelli con motore elettrico. In particolare, a chi acquista in Italia a partire dal 1° gennaio 2021 e fino al 30 giugno 2021 veicoli commerciali di categoria N1 o autoveicoli speciali di categoria M1, entrambi nuovi di fabbrica, è riconosciuto un contributo differenziato in base alla massa totale a terra del veicolo, all’alimentazione e all’eventuale rottamazione di un veicolo della medesima categoria fino ad Euro 4/IV, secondo la seguente tabella (da Federauto, click sull’immagine per visualizzarla meglio):

ECOTASSA 2021: AGGIORNATI I PARAMETRI

Considerando la già citata adozione, sulla carta di circolazione o documento unico, del dato sulle emissioni di CO2 risultante dal ciclo WLTP, che dal 1° gennaio 2021 prende il posto del vecchio standard basato sul ciclo di omologazione NEDC, sono stati di conseguenza innalzate le soglie dell’Ecotassa 2021, che si applica alle auto di nuova immatricolazione con emissioni di CO2 particolarmente elevate. Ecco le nuove soglie:

– 191 – 210 g/km: 1.100 euro;

– 211 – 240 g/km: 1.600 euro;

– 241 – 290 g/km: 2.000 euro;

– oltre 290 g/km: 2.500 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sirene Ambulanza: quando si possono usare?

Segnali di obbligo

Segnali di obbligo: quali sono e significato

Rientro al lavoro

Rientro al lavoro dopo il Covid: il Ministero spiega cosa fare