Incentivi auto 2021

Incentivi auto 2021 con e senza rottamazione

Facciamo il riepilogo degli incentivi auto 2021 con e senza rottamazione, partendo dall'Ecobonus fino ad eventuali contributi regionali

16 novembre 2020 - 18:20

Quali incentivi auto nel 2021? L’emergenza Covid-19 si è abbattuta come uno tsunami sul mercato automobilistico (in Italia si registra un -30,7% di vendite da gennaio a ottobre) e gli operatori del settore credono che l’unico modo per risollevare il comparto sia quello di favorire gli acquisti mediante nuovi bonus e contributi. La risposta del Governo non si è fatta attendere, tuttavia le misure messe in atto l’estate scorsa sono risultate insufficienti e i fondi più appetibili, quelli per le vetture con emissioni da 61 a 110 g/km di CO2, sono terminati in poco tempo. Adesso a livello statale restano disponibili gli ecobonus per i veicoli più ecologici, mentre alcuni Regioni stanno proponendo ulteriori agevolazioni, anche se di modesta entità. Facciamo pertanto un riepilogo degli incentivi auto 2021 con o senza rottamazione.

INCENTIVI AUTO 2021: LE RISORSE DELL’ECOBONUS

Ricordate l’Ecobonus 2019-2021 per acquistare auto elettriche e ibride plug-in? È vero che ha permesso a molte persone di acquistare un’auto eco-friendly con grande beneficio per l’ambiente, tuttavia a un mese e mezzo dalla fine dell’anno su 262 milioni di euro stanziati nel 2020 per la categoria M1 (autovetture) risultano ancora disponibili più di 100 milioni, segno che le richieste sono state sovrastimate. È probabile che i fondi non utilizzati saranno dirottati sul 2021, che comunque gode già di uno stanziamento di 270 milioni di euro. Di seguito i dettagli dell’Ecobonus 2019-2021 relativo alle sole automobili:

– Incentivo di 6.000 euro per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

– Incentivo di 4.000 euro per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, senza rottamazione.

– Un incentivo di 2.500 euro per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

– Incentivo di 1.500 euro per chi acquista, entro il 31 dicembre 2021, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km, senza rottamazione.

Gli incentivi sono validi anche per gli acquisti in leasing. Il prezzo di listino del veicolo acquistato non deve superare 50.000 euro compresi gli optional, IVA esclusa. Il veicolo rottamato dev’essere intestato da almeno 12 mesi allo stesso soggetto intestatario del nuovo veicolo o a uno dei familiari conviventi.

INCENTIVI AUTO: DL RILANCIO E DL AGOSTO

Resta ancora qualche rimasuglio degli incentivi auto messi in campo nei mesi scorsi con il Dl Rilancio e successivamente integrati dal Dl Agosto. Ma attenzione: questi contributi, cumulabili con l’Ecobonus, sono disponibili solo fino al 31 dicembre 2020, pertanto nel 2021 non saranno più attivi (salvo proroghe). Riguardo le automobili, ad oggi ci sono ancora poco più di 2 milioni e 200 mila euro del Dl Rilancio e oltre 17 milioni del decreto Agosto ma solo per la fascia di emissioni 0-60 g/km. Gli incentivi del Dl Rilancio e del Dl Agosto si possono richiedere solo se il rivenditore applica uno sconto pari ad almeno 2.000 euro per gli acquisti con rottamazione e 1.000 euro per gli acquisti senza rottamazione. Ecco i contributi ancora disponibili:

– Incentivo di 4.000 euro (2.000 + 2.000) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2020, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km o da 21 a 60 g/km, con contestuale rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato Euro 0, 1, 2, 3 e 4 e immatricolato da almeno 10 anni.

– Incentivo di 2.000 euro (1.000 + 1.000) per chi acquista, entro il 31 dicembre 2020, un’auto nuova con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km o da 21 a 60 g/km, senza rottamazione.

Si applicano le medesime limitazioni dell’Ecobonus relativamente al prezzo di listino.

INCENTIVI AUTO 2021 REGIONALI

Nel 2021 sono attesi ulteriori incentivi auto predisposti dalle singole Regioni, utilizzando fondi propri oppure stanziamenti europei. Qualche settimana fa, per esempio, il Piemonte ha presentato un bando per nuovi contributi fino al 30 aprile 2021, anche se non sono durati molto. Si attende inoltre la riapertura dei termini degli incentivi auto in Lombardia, attesa nelle prime settimane del nuovo anno, così come in Veneto e da altre parti. Ovviamente non mancheremo di aggiornarvi in merito, intanto non perdete di vista i portali istituzionali delle singole Regioni su cui, di solito, vengono pubblicati i bandi degli incentivi.

INCENTIVI AUTO 2021: ULTIME PROPOSTE

In previsione di nuovi incentivi auto per il 2021, l’Aniasa, Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici, ha proposto al Governo di agevolare l’acquisto di vetture usate, purché elettriche, ibride o con classe di emissione non inferiore a Euro 6, suggerendo di erogare il bonus tramite credito d’imposta o mediante esenzione dal pagamento dell’Imposta provinciale di trascrizione (IPT) e del bollo auto.

Invece Assogasliquidi ha chiesto di svecchiare il parco circolante italiano con incentivi a chi decide di convertire a gas (Gpl o metano) il proprio veicolo di categoria Euro 4 o Euro 5 alimentato a benzina o diesel, riconoscendo a ogni veicolo un contributo di 600 euro in caso di conversione a Gpl e di 900 euro per la conversione a metano. La misura interesserebbe circa 15,5 milioni di veicoli (tanti sono gli Euro 4 e 5 in circolazione) e, strutturandola per un periodo di tre anni, garantirebbe la conversione di circa 500.000 automobili. Con ottimi benefici sia in termini di gettito fiscale (pensando anche ai collaudi) che di impatto ambientale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva

Autostrade Tech: la svolta tecnologica farà guadagnare più dei pedaggi?