Diesel Euro 5

Diesel Euro 5: a Milano stop da Ottobre 2022

Milano si appresta nel corso del 2022 a mettere al bando le auto diesel Euro 5: lo prevede il nuovo Piano Aria e Clima approvato dal Consiglio comunale

22 febbraio 2022 - 16:00

Milano si appresta a dire addio ai diesel Euro 5: non da subito ma nei prossimi mesi, precisamente da Ottobre 2022. È questa la misura di maggiore impatto del ‘Piano Aria e Clima’ (PAC), il documento di visione strategica, approvato in via definitiva dal Consiglio comunale milanese, per adattare la città ai cambiamenti climatici e raggiungere, nell’arco del periodo 2021÷2050, l’azzeramento delle emissioni inquinanti.

MILANO: APPROVATO IL PIANO ARIA E CLIMA

Il PAC è diviso in 5 ambiti (Salute, Connessione e accessibilità, Energia, Adattamento ai cambiamenti climatici, Consapevolezza) ognuno dei quali prevede azioni volte a migliorare la qualità della vita nella città di Milano: dall’abbattimento delle emissioni inquinanti al raggiungimento della neutralità carbonica, passando per il contenimento dei rischi legati al cambiamento climatico, la valorizzazione dell’economia circolare e sostenibile sino all’adozione di stili di vita consapevoli e responsabili. “Con il PAC”, ha spiegato l’assessora all’Ambiente, Elena Grandi “l’Amministrazione, gli operatori economici e sociali e i cittadini hanno a disposizione uno strumento fondamentale per pianificare, indirizzare e attuare un modello di sviluppo urbano resiliente e verde, al fine di avere una città sempre più sostenibile, accogliente e inclusiva”.

DIESEL EURO 5: STOP A MILANO DA OTTOBRE 2022

Tra gli interventi più rilevanti introdotti dall’applicazione dal PAC c’è la graduale creazione di una città ciclo-pedonale e zona 30, in linea con la visione di un luogo ‘carbon neutral’ capace di contrastare i cambiamenti climatici e che limiti in maniera sostanziale il traffico veicolare. In quest’ottica, come detto, a partire da Ottobre 2022 e in sintonia con quanto già previsto dalle limitazioni di Area B, saranno gradualmente esclusi dall’accesso in città i veicoli considerati più inquinanti, a cominciare dalle auto diesel Euro 5. Nei prossimi mesi si definiranno i dettagli: è probabile che il blocco dei diesel Euro 5 a Milano riguarderà l’ingresso in Area B, che copre comunque gran parte del territorio comunale, negli orari di attivazione dell’enorme ZTL (dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, esclusi i festivi infrasettimanali).

STOP AI DIESEL EURO 5 MA NON SOLO: GLI ALTRI INTERVENTI DEL PAC

Previsto anche un impegno maggiore nelle azioni di depavimentazione di aree oggi adibite a parcheggio, quali per esempio i parterre alberati dei viali cittadini, che dovranno diventare spazi verdi e fruibili, in grado di favorire il rinfrescamento della città e l’assorbimento delle acque piovane. Per le aree sensibili, quelle limitrofe a scuole e ospedali, si privilegerà invece, fin dal 2023, la realizzazione di aree che consentano l’accesso privilegiato a pedoni, bici e monopattini. Contemporaneamente verranno create ampie zone a traffico limitato in ogni quartiere.

A MILANO IN ARRIVO 350 AUTOBUS A EMISSIONI ZERO

La Giunta milanese ha inoltre approvato una delibera che autorizza la presentazione dell’istanza per l’accesso ai fondi del PNRR da girare all’azienda del trasporto pubblico ATM per il programma di rinnovo della flotta e delle relative infrastrutture di ricarica. In particolare si tratta dei 249 milioni di euro del Piano destinati a Milano per acquistare, entro giugno del 2026, 350 nuovi autobus a emissioni zero, con alimentazione elettrica o a idrogeno, adibiti esclusivamente al trasporto pubblico locale, e per realizzare le necessarie stazioni di ricarica. Grazie a questi fondi ATM arriverà ad avere nel 2026 ben 510 bus elettrici in servizio sulle linee cittadine (oggi ne conta 160), step intermedio del piano Full Electric che prevede il completo rinnovo della flotta entro il 2030, quando sarà unicamente composta da mezzi a impatto zero.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori