Controlli sulle strade per Natale: attenzione al car sharing

70.000 agenti adibiti ai controlli sulle strade per Natale: attenzione soprattutto a chi viaggia con il car sharing, affinché sia garantito il rispetto delle norme anti Covid a bordo delle auto

18 dicembre 2020 - 23:00

Previsti massicci controlli sulle strade per Natale già a partire dal week-end del 19 e 20 dicembre e poi per l’intero periodo delle festività. Visto che a causa del Coronavirus sono state introdotte rigide limitazioni agli spostamenti fino alla Befana, il Viminale ha predisposto un imponente rafforzamento delle misure di prevenzione e controllo del territorio per sorvegliare sull’osservanza delle regole contro il Covid. Occhi puntati soprattutto sui viaggi in auto delle persone non conviventi che utilizzano il car sharing.

CONTROLLI SULLE STRADE PER NATALE: IN CAMPO 70.000 UOMINI

In particolare il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, al quale hanno partecipato il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e i vertici delle Forze di polizia, hai pianificato specifici interventi sull’intera rete stradale e autostradale, oltre che nelle stazioni ferroviarie, portuali e aeroportuali e presso i terminal di trasporto pubblico. A garantire l’osservanza delle norme circa 70.000 uomini delle Forze dell’ordine, coadiuvati dai militari dell’esercito dell’operazione Strade Sicure, dalla polizia municipale e dai volontari della protezione civile.

LE REGOLE DEGLI SPOSTAMENTI IN AUTO

A tal proposito giova precisare che gli spostamenti in auto, privilegiati in periodo di Covid rispetto ai mezzi di trasporto pubblici, in base alle disposizioni vigenti confermate dalle FAQ sul sito del Governo (che non hanno valore legale ma rappresentano un utile punto di riferimento) sono soggetti a precise limitazioni per quanto riguarda il numero degli occupanti: possono infatti salire sulla stessa vettura anche persone NON conviventi purché siano rispettate rigide misure di precauzione. Ossia la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e massimo due passeggeri per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori (seduti ai margini estremi del sedile), con obbligo per tutti di indossare la mascherina. Nessuna limitazione, invece, né obbligo di indossare la mascherina se nell’auto ci sono soltanto persone tra loro conviventi.

Le regole sul numero degli occupanti di un’auto vanno applicate anche, anzi in particolar modo, quando si utilizzano i servizi di car sharing come BlaBlaCar e altri. Gli operatori di polizia addetti ai controlli sulle strade per Natale faranno infatti particolare attenzione alle auto piene di persone, al fine di verificare la presenza a bordo di soggetti non conviventi e, nel caso, il rispetto delle disposizioni sul distanziamento. La multa per violazione delle norme anti Covid è da 400 a 1.000 euro, con aumento di un terzo se l’infrazione avviene utilizzando un veicolo.

CONTROLLI SULLE STRADE: RIGIDE LIMITAZIONI DAL 24 DICEMBRE AL 6 GENNAIO

Ricordiamo che sabato 19 e domenica 20 dicembre sono gli ultimi due giorni del ‘liberi tutti’ (coprifuoco escluso) prima dell’inasprimento delle restrizioni che segue il seguente calendario:

dal 21 al 23 dicembre ammessa la libera circolazione solo all’interno delle regioni in zona gialla;

– il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio spostamenti consentiti solo all’interno dei Comuni;

– il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e l’1, 2, 3, 5 e 6 gennaio vietata la circolazione anche all’interno dei Comuni tranne per poche e specifiche deroghe (maggiori dettagli qui).

Confermato tutti i giorni il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo (a Capodanno fino alle 7).

Sono comunque sempre permessi, presentando l’autocertificazione compilata, gli spostamenti per necessità urgenti, motivi di lavoro e ragioni di salute, nonché per usufruire di servizi non sospesi e per far ritorno al proprio domicilio, abitazione o residenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi all'estero 2021

Rientri dall’estero 2021: stop alla quarantena per i viaggi da UE e UK

Tesla Autopilot: conducente arrestato per guida pericolosa

Auricolari alla guida

Auricolari alla guida: rischio incidente in 1 caso su 2