Viaggi in auto condivisi

Viaggi in auto condivisi: le alternative a BlaBlaCar

Non solo BlaBlaCar: gli appassionati dei viaggi in auto condivisi possono contare su altre piattaforme forse meno popolari ma molto interessanti. Scopriamone qualcuna.

25 luglio 2019 - 19:54

Con 75 milioni di utenti in oltre 20 Paesi diversi, BlaBlaCar è senza dubbio la più grande piattaforma al mondo di car pooling su lunghe distanze. Ed è molto diffusa anche in Italia (2,5 milioni di iscritti nel 2017, ora saranno decisamente aumentati), soprattutto tra i giovani. Forse però non tutti sanno che sono disponibili altre applicazioni per i viaggi in auto condivisi: meno famose della start-up francese ma non per questo meno affidabili. Scopriamone qualcuna.

VIAGGI IN AUTO CONDIVISI: CAR POOLING DELL’AUTOSTRADA DEI LAGHI

Ideato da Autostrade per l’Italia, questa iniziativa di car pooling interessa l’Autostrada dei Laghi (A8-A9) a beneficio delle persone che percorrono il tragitto da Como e Varese verso Milano e viceversa. Su entrambe le arterie sono state allestite corsie ad hoc per il passaggio ai caselli delle auto in car pooling iscritte alla piattaforma, alle quali è stato riservato un interessante sconto sul pedaggio: 50 centesimi di euro a tratta anziché 1,70, con una riduzione del 70,5%. La riduzione è applicata nei giorni feriali e nelle ore di punta (6:30-9:30 e 17:30-20:00), limitatamente alle auto condivise con almeno quattro persone a bordo. Per cercare o inserire passaggi bisogna andare sul sito autostradecarpooling.it.

VIAGGI IN AUTO CONDIVISI: CAR POOLING ROMA

Car Pooling Roma è un servizio della Provincia di Roma e Autostrade per l’Italia per la condivisione di viaggi in auto non solo nella Capitale ma un po’ in tutto il Lazio. Basta registrarsi per poter consultare la bacheca dei passaggi disponibili o per pubblicare l’offerta di un passaggio. Indirizzo: roma.autostradecarpooling.it

JOJOB: CAR POOLING PER LAVORATORI

Jojob è una piattaforma che promuove la condivisione di auto private tra due o più persone nel tragitto casa-lavoro e lavoro-casa. È possibile selezionare gli utenti più affini al proprio tragitto, che lavorano nella propria azienda o presso aziende limitrofe e viaggiano agli stessi orari, e aggiungerli tra i preferiti per poi eventualmente viaggiare insieme. Jojob è uno strumento non vincolante, che si può utilizzare tutti i giorni o anche solo una volta in caso di necessità. Il servizio è disponibile sul sito jojob.it o tramite app per dispositivi Android, iOs e Windows Phone. Simile a Jojob è BePooler.com.

PASSAGGI IN AUTO CON ROAD SHARING

RoadSharing.com è un servizio di car pooling internazionale con base anche in Italia. Funziona più o meno come tutti gli altri siti di questo genere e tra le altre cose ha una sezione dedicata agli eventi (concerti, fiere, festival, mostre, ecc.) per i quali si desidera condividere le spese di viaggio.

HAPPYWAYS: CAR POOLING PER EVENTI

E a proposito di eventi, HappyWays si definisce il primo portale di car pooling interamente dedicato proprio alle grandi manifestazioni sportive, musicali, ecc. Basta iscriversi, selezionare un evento d’interesse tra quelli proposti sul sito e proporre un passaggio mettendo a disposizione i posti liberi dell’auto, specificando se il passaggio c’è anche al ritorno. Chi cerca invece il passaggio può farlo invece direttamente nella pagina dell’evento scegliendo un posto disponibile. Il sito è happyways.it.

YOUTRIP: VIAGGI IN AUTO CONDIVISI GRATIS (O QUASI)

YouTrip è una piattaforma di car pooling molto particolare perché, secondo la policy del servizio, gli utenti che condividono l’auto con altre persone possono chiedere un contributo spese sia in denaro che in altre forme. Per esempio piatti tipici del luogo, oggetti tradizionali o soltanto il piacere di viaggiare insieme. “Perché un oggetto inutilizzato”, si legge sul sito youtrip.it, “abbandonato da anni dentro un cassetto piuttosto che in garage, può avere un valore molto più importante di quanto spesso si creda”. Insomma, il baratto applicato al car pooling.

VIAGGI IN AUTO CONDIVISI: VIAVAI – AUTOSTOP ORGANIZZATO

Come si può intuire dal titolo si tratta di una piattaforma che mette in contatto persone alla ricerca di un passaggio per varie destinazioni in Italia e in Europa. I viaggi sono resi più sicuri dall’obbligo di inviare, in fase di iscrizione, una copia di un documento d’identità e del codice fiscale. L’iscrizione al servizio ha un costo di 11,90 euro. L’indirizzo del sito è viavai.com/autostop.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

giovane donna auto

Giovani al volante: il 38% muore in auto poco sicure

Rientri dall’estero e Coronavirus: le ordinanze per Regione di agosto 2020

Auto bloccata in un passaggio a livello

Aggiornamento Waze 2020: più sicurezza ai passaggi a livello