Altro che Area C, per entrare a Londra da ora si paga oltre 25 euro

Il Sindaco di Londra rende ancor più oneroso l'accesso al centro della città. Arriva la T-Charge, la pagheranno le auto più vecchie e inquinanti

6 luglio 2016 - 9:00

Il nuovo Sindaco di Londra dichiara guerra all'inquinamento urbano e aggiunge un nuovo balzello per chi decide di entrare nelle Congestion Charge Zone, le aree a traffico limitato nel cuore del centro urbano. La tassa aggiuntiva è la Toxicity Charge (T-Charge), pari a 10 sterline e dovrà essere pagata a partire dal prossimo anno. Dal 2017 andare con la propria auto nel centro di Londra potrà costare fino a 21.50 sterline, l'equivalente di 25.30 euro al cambio odierno.

UNA FORTUNA PER ANDARE IN CENTRO La Toxicity Charge è stata promossa dal Sindaco Sadiq Khan, eletto lo scorso 6 maggio, fin dai primi giorni del suo insediamento alla City Hall. La sua determinazione nella lotta all'inquinamento nella Capitale britannica lo ha portato a dichiarare una guerra aperta alle auto con le maggiori emissioni nocive. La T-Charge andrà infatti a penalizzare i possessori di automobili, diesel e benzina, con omologazione inferiore alla Euro 4, quindi gran parte dei veicoli costruiti prima del 2005. Chi possiede quindi una vettura “vecchia”, oltre alle 11.50 sterline previste dalla Congestion Charge, vedrà addebitarsi ulteriori 10.00 sterline, raggiungendo la ragguardevole cifra di 21.50 sterline citata in apertura (Leggi Area C a Milano).

IMPERATIVO RIPULIRE L'ARIA DI LONDRA La T-Charge entrerà in vigore dal prossimo anno e la sua applicazione sarà affidata alle telecamere installate nei varchi d'accesso alla già esistenze zona a traffico limitato di Londra, le quali identificheranno i veicoli facendo scattare gli addebiti (Leggi a Londra le telecamere antismog). L'obiettivo è chiaramente quello di scoraggiare l'utilizzo delle automobili private nel centro della città e di promuovere, oltre un maggiore uso dei mezzi di trasporto pubblici, anche il rinnovo del parco circolante. Lo stesso Sindaco Khan ha dichiarato: “Sono stato eletto con il chiaro mandato di ripulire l'aria di Londra. Il precedente Sindaco è stato troppo lento a riguardo, il Governo è rimasto irrimediabilmente inattivo e i londinesi continuano a soffrire”. Il Primo Cittadino ha fatto riferimento alle 10.000 persone che ogni anno muoiono a Londra per colpa dell'inquinamento.

AL VAGLIO LA ROTTAMAZIONE DEL DIESEL Negli ultimi anni la qualità dell'aria di Londra è stata costantemente monitorata e alcune zone della città fanno tuttora registrare livelli di NOx ben superiori ai massimi previsti dalle direttive dell'Unione Europea. Tra i propositi del Major britannico rientra l'ampliamento della prevista Ultra Low Emission Zone, una zona il cui accesso è particolarmente restrittivo e pesantemente tassato, e la sua attivazione anticipata rispetto al 2020 (Leggi Parigi ha già bloccato il traffico in centro). Khan avrebbe nelle scorse settimane incaricato il Transport fo London, l'Ente responsabile dei trasporti nella Capitale, di valutare efficacia e fattibilità di una rottamazione di massa dei veicoli diesel, fornendo incentivi economici per ripulire il parco auto circolante.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Come scaricare il Green Pass

Come scaricare il Green Pass Covid

Caravan: i migliori pneumatici nel test 2021

Traffico 24 e 25 luglio 2021

Traffico 24 e 25 luglio 2021: le strade da evitare